Vai al contenuto

Assunzioni alle Poste Italiane e progetto Polis, 5.000 nuovi posti entro gennaio 2024 (non serve esperienza!)

poste italiane

Assunzioni Poste italiane: lavoro per postini e non solo, quasi 5 mila posti entro gennaio (msn.com)

Nuove Assunzioni alle Poste Italiane e nuovi servizi ai cittadini

Come vi abbiamo comunicato qualche giorno fa da ultimedalweb, entro il 2023 sarà possibile per gli abitanti di alcuni dei comuni più piccoli del nostro Paese (6.933 comuni con popolazione inferiore ai 15.000 abitanti) rinnovare la carta d’identità negli uffici locali delle Poste. Inoltre, a partire da febbraio del 2024, verrà messo a punto un nuovo sistema per il rinnovo del passaporto e per potere accedere a molti dei servizi che oggi rende l‘Agenzia delle Entrate ai cittadini). Per di più, Poste Italiane aprirà 250 spazi di coworking sul territorio nazionale. In tutto, l’investimento previsto è pari a 1.200 milioni di euro, di cui 800 fanno parte dei fondi PNRR e 400 a carico delle poste.

Quanto sopra verrà offerto oltre ai normali servizi resi al momento da Poste Italiane: cioè, finanziari, postali e assicurativi. E questo non può che comportare un incremento del personale addetto. Ecco perché è stata resa pubblica qualche giorno fa la notizia del bando per l’assunzione di quasi 5.000 dipendenti. Vi raccontiamo i dettagli in questo post non senza prima ricordarvi che Poste Italiane ha tra i maggiori azionisti il Ministero dell’Economia e delle Finanze e Cassa Depositi e Prestiti, che detengono il 65% delle quote .

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

poste italiane 1

Per approfondire:

Passaporto alle Poste Italiane, ora è realtà: da quando si potrà fare?

Concorso vigili del fuoco, 401 posizioni aperte: requisiti e condizioni (non c’è bisogno della Laurea!)

Concorso Guardia di Finanza 2023: come superare l’esame scritto? Ve lo diciamo noi

Poste italiane, un’azienda con 12.700 sedi

Attualmente, Poste Italiane è presente con oltre 12.700 Uffici Postali sul territorio nazionale e impiega circa 121 mila dipendenti. Anche se la pandemia ha bloccato alcuni dei progetti dell’azienda, superata ogni incertezza, la più grande infrastruttura in Italia ha ripreso i suoi piani di ammodernamento e ampliamento, riprendendo il percorso del progetto PolisSpazi per L’Italia.

poste italiane

I posti a disposizione, tra addetti alla consegna della posta e altri funzionari

Il piano di assunzioni annunciato prevede la copertura di  4.924 posti di lavoro nei servizi postali, da completarsi nei mesi di Novembre 2023, Dicembre 2023 e Gennaio 2024. Di essi, 3.784 saranno assegnati al Recapito postale e 1.140 alla produzione. Per adesso le assunzioni saranno a tempo determinato (3 o massimo 4 mesi); l’azienda non ha detto se e, nel caso, quando prevede eventualmente di stabilizzare i dipendenti.

I requisiti per candidarsi e le prove da superare

Per potersi candidare è necessario essere in possesso di un diploma o una laurea. Non serve esperienza, ma viene richiesto di guidare il motomezzo aziendale, condizione sine qua non. Tenuto conto dei requisiti previsti (a portata di molti), si prevedono molti candidati, che dovranno superare un test online di ragionamento logico, poi una prova di guida del motomezzo e un colloquio.

Oltre al concorso che si apre adesso, Poste Italiane cerca anche altre figure, come consulenti finanziari, giovani laureati in economia e anche addetti al front end in Alto Adige (Bolzano).

La distribuzione delle vacanti sul territorio nazionale

I posti a disposizione sono distribuiti su tutto il territorio nazionale. Nello specifico:

Organico flessibile PCL Art. 19 comma 1 del D.lgs. n. 81/2015
PORTALETTERE
Dal 01/11/2023 al 31/01/2024
Nord Ovest1.016
Nord Est243
Centro Nord744
Centro604
Sud895
Sicilia282
Totale: 3.784
Organico flessibile PCL Art. 19 comma 1 del D.lgs. n. 81/2015
ADDETTI PRODUZIONE
Dal 01/11/2023 al 31/01/2024
Nord Ovest375
Nord Est159
Centro Nord286
Centro137
Sud133
Sicilia50
Totale: 1.140

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *