Vai al contenuto

Awalé, il gioco africano perfetto per l’estate: basta avere 12 buche e 48 semi

Awalé, un gioco africano, un significato esotico

Avete mai sentito parlare di questo gioco divertente che stimola la mente? Awélé o awalé è un gioco da tavolo astratto combinatorio di origine africana, considerato il gioco degli scacchi africano. E’ un gioco molto comune, che si trova spesso in famiglia. In Africa ce ne sono diversi giochi “conta e cattura”, come in Occidente ci sono tanti giochi di carte e di astuzia. In questo tipo di gioco, ciottoli, semini o conchiglie vengono distribuiti in coppe o buche, che a volte sono scavate nel terreno. Questo è uno dei più noti.

Le origini del gioco

Vi riportiamo una delle leggende che raccontano le origini dell’awalé. E’ una di quelle più attendibili: “Hanno camminato molto, molto tempo attraverso il deserto, finché non sono arrivati ​​al bordo. dal mare, si rifornirono di crostacei e poi tornarono al loro villaggio. Lungo la strada, hanno fatto dei buchi nella sabbia per conservare le conchiglie. Ecco come è nato il gioco: Shells in hole

Awalé è uno dei giochi più antichi che sussistono. I Masai dicono che Awale è stato inventato da Sindillo, il figlio del primo uomo, Maitoumbe, ed era originariamente chiamato Geshe

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Ecco una delle leggende sulla nascita di awale, ma proprio come i suoi nomi e le regole, sono molti: "Hanno camminato a lungo, molto a lungo nel deserto, fino a quando sono arrivati ​​al bordo dal mare. Fecero provviste di conchiglie e poi tornarono al loro villaggio. Lungo la strada, hanno creato dei buchi nella sabbia per riporre le conchiglie. È così che è nato il gioco: proiettili nelle buche. "

Per approfondire:

Giornata mondiale del Gioco, 7 giochi che piacciono a tutti

5 giochi da fare a casa se a Pasquetta piove

Dove è popolare l’awalé e con quali altri nomi si conosce?

Questo gioco si è diffuso in molti paesi dell‘Africa, poi nei Caraibi, motivo per cui si trovano molti nomi riferiti ad esso: SupplementareAdita-taAdji-boto (pecore, Ghana e Suriname), Awale (Costa d’Avorio), AwariAwele (Costa d’Avorio e Ghana), Songo’o (Camerun) ayo ou ayo-ayo (Yoruba, Nigeria), ourinourri (Capo Verde) Oware ou Oware (Akan, Ghana), wari (Caraibi), ecc. In lingua inglesee è noto come Awari.

Com’è fatto l’awalé e come potete costruire uno facilmente

Solitamente l’awalé è fatto di legno ed è formato da due pezzi da sei buche collegati da cardini. Spesso ci sono due buche più grandi ai margini.

La maggior parte degli awalé sotto forma di semi-tronchi articolati venduti in Francia è prodotta a Grand-Bassam, la prima capitale della Costa d’Avorio. I semi con cui si gioca sono spesso sostituiti da biglie o ciottoli.

Voi potete costruire un awalé creando delle buche sul terreno, ad esempio sulla spiaggia, e utilizzare le conchiglie come semi. Se siete in campagna o in montagna, potete scavare sulla terra e usare i sassi. Se siete a casa, usate le vaschette delle uova (2 da sei) e prendete le olive o i legumi per sostituire semi. Facile, no?

Le regole del gioco

Le variazioni sono innumerevoli, ma noi abbiamo scelto una piuttosto comune, denominata “Abapa”, che si utilizza nei tornei ed è riconosciuta dalla Federazione Internazionale (World Oware Federation). Vediamo come funziona

Regola 1 : Scopo del gioco Lo scopo del gioco è prendere quanti più semi possibile. Il giocatore con il maggior numero di semi alla fine del gioco vince.

Regola 2 : Il campo di gioco Il campo di gioco è diviso in due territori di 6 buche ciascuno. Il tuo territorio è in fondo, è il territorio del sud. Quello del tuo avversario è in alto, è il territorio del Nord. Inizialmente nelle dodici buche vengono distribuiti 48 semi (4 per buca).

Regola 3 : Il turno di gioco Ogni giocatore gioca un turno, quello che gioca per primo viene estratto a caso. Il giocatore prenderà tutti i semi presenti in una delle buche del suo territorio e li distribuirà, uno per buca, in senso antiorario.

Regola 4 : Cattura Se l’ultimo seme seminato cade nella buca di un avversario che contiene già 1 o 2 semi, il giocatore cattura i 2 o 3 semi risultanti. I semi catturati vengono rimossi dal gioco (il buco viene quindi lasciato vuoto)

Regola 5: Cattura multipla Quando un giocatore prende due o tre semi, se la casella precedente contiene anche due o tre semi, vengono catturati anche loro, e così via.

Regola 6: Looping Se il numero di semi presi nella buca di partenza è maggiore di 11, significa che completeremo un turno: in tal caso, ad ogni passaggio, la casella di partenza viene saltata e quindi lasciata sempre vuota. Un buco contenente abbastanza semi per fare un giro completo è chiamato Krou.

Regola 7: Alimentazione Non abbiamo il diritto di far morire di fame l’avversario: Allo stesso modo, un giocatore non ha il diritto di giocare una mossa che prende tutti i semi del campo avversario.

Regola 8: Il gioco termina quando: Un giocatore non ha più semi nel suo accampamento e quindi non può più giocare L’avversario quindi cattura i semi rimanenti.

Il gioco si ripete indefinitamente (la stessa situazione si verifica dopo un certo numero di mosse). Nessuno cattura i semi rimanenti. Uno dei giocatori si arrende. L’avversario cattura i semi rimanenti.

Continua dopo gli annunci...

Quando e dove giocare all’awalé

L’awalé si può giocare in qualunque momento. Serve poco per completare i giri e le regole sono semplici per tutti. Di estate si può giocare in spiaggia, preferibilmente all’ombra. Vi potete divertire a scavare le buche, trovare le conchiglie per poi “rubarle” al vostro nemico. Buona fortuna!

Autore

Ana nasce in Spagna, si laurea a 22 anni in Scienze Liguistiche e della Comunicazione. Dopo un'esperienza nel Regno Unito si trasferisce a Trieste, dove vive tuttora. Ha maturato esperienza come consulente aziendale e collaborato con diverse case editrici. Ha pubblicato cinque libri ed è copyrighter e Search Quality Rater.View Author posts

Lascia un commento