Vai al contenuto

Il tamal, una delizia esotica che ha almeno 2000 anni di storia, perfetta in inverno anche per i vegani

tamal

Il tamal, l’America Latina in casa

Conoscete i tamales? Il nome non è molto noto perché si tratta di un piatto esotico, ma ha una storia antica ed è un alimento che si può preparare facilmente, perfetto per un’apericena o per una serata tra amici. Vale la pena dedicargli qualche parola. Che sia estate o inverno, sarà sempre il benvenuto. Versatili e saporiti, i tamales portano una intera cultura a tavola. Non ci credete? Leggete il nostro post. Rimarrete sorpresi. Vi raccontiamo della loro storia, tradizione, vi spieghiamo come si mangiano e, per non farvi mancare nulla, vi lasciamo qualche ricetta semplice e saporita che vi stupirà. Guardate!

tamal 2

Per approfondire:

Colombus Day, 10 prodotti che abbiamo importato dall’America

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Iniziare la giornata con 10 colazioni dal Mondo, scelte uniche ben radicate: quale preferite?

I tamales, un piatto antico

I tamales è un piatto tradizionale di alcune culture dell’America Latina. Consiste in un impasto di farina di mais ripieno di vari ingredienti e avvolto in foglie di mais, banane o altre piante. Ha origini antichissime, risalenti al periodo precolombiano, quando era consumato da popoli come gli Aztechi, i Maya, gli Olmechi e i Toltechi come cibo portatile per eserciti, cacciatori e viaggiatori. Anche gli Inca conoscevano questo piatto, molto tempo prima dell’arrivo dei conquistatori spagnoli.

Il nome tamal (al singolare) deriva dalla lingua náhuatltamalli significa avvolto. Anche se si sa che questi popoli consumavano solitamente questo alimento, non si sa esattamente a quando risalgono i primi tamales. Si crede che la loro preparazione sia datata intorno ai primi anni dell’era cristiana.

Le varianti del tamal, una vasta scelta

Esistono molte varianti di questo piatto, in funzione della regione da dove proviene, della farcitura e del modo di cottura utilizzato. Alcuni esempi noti sono:

Il tamal del Perù, che può essere preparato con carne di manzo, maiale, pollo, prosciutto, uovo sodo, olive, uva passa, arachidi, erbe aromatiche e peperoncini. Può essere cotto al vapore, alla brace o con il metodo della pachamanca, ovvero sotto terra con pietre riscaldate

Il tamal messicano, che può essere salato o dolce, e può contenere carne, verdure, frutta, formaggio, cioccolato, noci o altri ingredienti. Può essere accompagnato da bevande dolci come atole, champurrado, caffè de olla o cioccolata calda

tamal 1

I tamales di Trinidad e Tobago. Nella cucina di Trinidad e Tobago, prendono il nome di pastelle e vengono consumati soprattutto nel periodo natalizio. Sono tipicamente a base di farina di mais, ripieni di carne (manzo o pollo) speziata, uva passa, olive, capperi, ed avvolti in una foglia di banana, che viene rimossa prima di servire il piatto.

Come si mangia?

Per mangiare questo cibo, bisogna prima rimuovere la foglia che lo avvolge, che può essere di mais, banana o altre piante. La foglia non è commestibile, ma serve a proteggere e aromatizzare l’impasto durante la cottura. Potete mangiarlo con le mani o con le posate, secondo la preferenza personale. Potete accompagnarlo con salse, formaggi, panna acida, verdure o altri contorni. Se volete, potete anche tagliarlo a fette e tostarle in padella o al forno per renderlo più croccante. Come abbiamo accennato, si tratta di un piatto molto versatile che si presta a diverse combinazioni di sapori.

tamales combo

Questo piatto è molto gustoso e nutriente, Se volete provare a prepararlo, seguite questa ricetta per i tamales messicani

Esistono versioni vegetariane?

Ci sono versioni vegetariane di questo piatto che si possono preparare con ingredienti di origine vegetale, come verdure, formaggi, funghi, legumi, noci o frutta. Abbiamo scelto per voi tre ricette di tamales vegetariani:

Tamales di mais messicani: si preparano con un impasto di farina di mais, strutto, lievito e mais dolce, e si riempiono con una salsa di pomodori, peperoncini, aglio e cipolla. Si avvolgono in foglie di mais e si cuociono al vapore

Tamale, che si prepara con un impasto di quinoa, acqua, olio, lievito e sale, e si riempie con pollo, olive, feta e ajvar. Si avvolge in foglie di banano e si cuoce al vapore

Tamales vegetarianos, che si preparano con un impasto di farina di mais, acqua, manteca vegetale o olio di cocco, e si riempiono con una salsa di pomodori, peperoncini, aglio, carota e patata. Si avvolgono in foglie di mais e si cuociono al vapore

tamales vegetarianos

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *