Vai al contenuto

I sogni son desideri? In “Wish” i desideri si avverano, 100 anni di Disney al cinema a Natale

wish disney

Wish, il film di Natale che farà sognare

Mentre in molti attendono con ansia che esca poco prima di Natale (21 dicembre) nelle sale italiane il nuovo film della Disney, Wish è la creatura che celebra i primi 100 anni del grande colosso americano ed è già nei botteghini degli USA (uscito il 22 novembre). Per ora sta raccogliendo molti consensi. Il perché ve lo raccontiamo in questo post, dove vi parleremo della pellicola, che riprende il tema dei desideri riposti nelle stelle, ma non solo.

Un film per tutti, curato e ragionato; non vi deluderanno le canzoni né la magia che suscitano i luoghi ed i personaggi. I protagonisti, Asha, Magnifico e Valentino, sono stati sublimemente doppiati dalla cantautrice Gaia, dall’attore Michele Riondino e dal conduttore televisivo Amadeus.

wish disney

Per approfondire:

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Frozen 4 in arrivo: per la gioia di grandi e piccini!

Inside Out 2, Disney e Pixar nelle sale a giugno 2024 con una nuova emozione: scoprite quale nel trailer

I desideri di una stella, si possono catturare?

Più di 70 anni dopo che la Disney fece cantare per la prima volta ai suoi protagonisti brani sui desideri di una stella, “Wish” riprende quell’argomento, in un film d’animazione che vuole disperatamente recuperare incassi (dopo i successi di Frozen e Encanto) e far sognare a grandi e piccini. Ma anche se “Wish” non dovesse raggiungere le stelle, brilla a intermittenza mentre introduce un’altra coraggiosa eroina adolescente, egregiamente doppiata da Gaia.

Il film, che annovera moltissime canzoni originali, celebra il potere dei desideri e, nel farlo, rivivono decenni di storia Disney. Resta da vedere se questo tipo di produzione piacevole ma non spettacolare possa riaccendere la magia del botteghino, ma come i suoi predecessori, è destinato a durare nella memoria di grandi e piccini a lungo. Chissà se i produttori riusciranno a cogliere negli occhi degli spettatori la stessa luce che hanno le stelle!

WishMoviePoster

La trama di Wish, un mondo immaginario che tutti vorremmo avere a portata di mano

Ambientato nel regno immaginario di Rosas, il film originale presenta DeBose (premio Oscar per “West Side Story“) nei panni di Asha, una ragazza di 17 anni che, come i suoi coetanei, non desidera altro che servire l’affascinante Re Magnifico. Nella versione italiana Asha è la cantante Gaia. Magnifico, amato dalla sua gente, usa i suoi poteri magici sia per proteggerla sia per esaudire periodicamente i desideri durante una cerimonia che ha vaghi echi di “Logan’s Run” (la fuga di Logan).

Dopo aver incontrato il re, tuttavia, Asha si rende conto che le sue azioni apparentemente benevole in realtà derubano i suoi sudditi di ciò che è più prezioso per loro, un risveglio che la spinge a esprimere un desiderio a una stella, solo per essere sorpresa quando l’omino dalla faccia tonda (chiaramente disegnato per far vendere circa un milione di giocattoli di peluche, alla faccia del merchandising) precipita sulla Terra, portando con sé una magia meravigliosa.

asha e la stella

Gli elementi che rendono il film unico

Diretto da Chris Buck (“Frozen”) e Fawn Veerasunthorn (“Raya and the Last Dragon”), da una sceneggiatura di un’altra ex attrice di “Frozen”, Jennifer Lee, e Allison Moore, “Wish” contiene un tradizionale tocco di dolcezza antropomorfa (la già citata Star e la capretta Valentino, doppiata da Amadeus), che dovrebbe piacere ai più piccoli.

Detto ciò, la risorsa più forte del film risiede in Magnifico (Michele Riondino), che ricorda alcuni dei grandi stregoni cattivi della Disney, genuinamente malevolo nel negare ai residenti del suo regno il libero arbitrio.

magnifico
Magnifico

Un anno difficile per la Disney, ci sarà la svolta?

La Disney ha vissuto un anno difficile al botteghino, con anche Indiana Jones e “The Marvels” ben al di sotto delle aspettative. In particolare, uno dei suoi punti positivi, “Elemental” della Pixar, è arrivato anche nel regno dell’animazione, portando alla concusione che le famiglie sono ancora ansiose di trovare tali alternative.

In questo senso, “Wish” offre per lo più risultati: un’aggiunta credibile alla lunga filmografia della Disney, anche se non è esattamente un sogno diventato realtà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *