Vai al contenuto

Covid e influenza: come capire le differenze ed evitare il contagio

Le festività natalizie sono ormai alle porte e vengono caratterizzate anche dalla convivenza tra due malattie come Covid e influenza. Sono due patologie con sintomi piuttosto analoghi, ma si rivelano ben distinte. Scopriamo insieme le caratteristiche e le differenze tra queste due situazioni che vorremmo tanto evitare.

covid

La diffusione del Coronavirus

Il Coronavirus affligge il mondo dal 2020 e il numero di casi è in via d’aumento, nonostante la situazione non sia paragonabile a tre anni fa. I numeri parlano di poco meno di 60 mila casi accertati nella prima settimana di dicembre e sono più che raddoppiati rispetto al mese precedente. Ovviamente, non tutti tendono a farsi i tamponi e le cifre reali potrebbero essere ben superiori. Ricoveri e decessi sono a loro volta in aumento e gli inviti a vaccinarsi da parte degli esperti si susseguono con una certa frequenza.

La diffusione dell’influenza stagionale

Allo stesso tempo, l’influenza stagionale è a sua volta un problema. Fin dall’avvio dell’epidemia annuale, sono poco meno di 3 milioni gli italiani colpiti, con circa 630 mila contagi nella prima settimana di dicembre. Anche in questo caso, la situazione sembra sotto controllo, ma gli esperti del ministero stanno studiando apposite strategie per incrementare l’uso dei vaccini tra le fasce a rischio, chiedendo l’aiuto dei medici di base.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Covid e influenza: come distinguere i sintomi

Non è facile distinguere al meglio i sintomi tra Covid e influenza. Spesso, non si riesce a riconoscere l’uno dall’altra. Bisogna effettuare test accurati per definire al meglio determinate circostanze. Il presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo), il dottor Filippo Anelli, ha evidenziato quanto sia importante sottoporsi ai tamponi per avere un quadro completo della situazione e sapere come muoversi.

Entrando nei particolari, entrambe le malattie si manifestano tramite febbre, mal di gola piuttosto intenso, senso di stanchezza, tosse persistente e raffreddore. Ad ogni modo, l’influenza viene generalmente accompagnata da dolori muscolari e articolari, mentre il Covid prevede anche problemi respiratori, sintomi gastrointestinali quali diarrea e vomito e perdita temporanea di gusto e olfatto. Tutto ciò senza considerare i pericoli derivanti dal Long Covid, che richiederebbero un’attenzione particolare.

Come ridurre i rischi di contagio

Nel frattempo, diversi virologi hanno consigliato di evitare gesti affettuosi come baci e abbracci, riducendo al minimo l’organizzazione di feste private e scongiurando possibili assembramenti. Nonostante il Covid non venga più considerato pericoloso come in passato, la distanza fisica è ancora vista come un atto di premura e rispetto nei confronti dei soggetti più fragili e anziani.

Continua dopo gli annunci...

Ovviamente, non va lasciata in secondo piano l’esigenza di sottoporsi alla vaccinazione al fine di prevenire qualsiasi rischio per la propria incolumità. Per trascorrere festività serene, niente va lasciato al caso.

Autore

Lascia un commento