Vai al contenuto

La mimosa che dura nel tempo: come essiccarne i fiori per conservarli a lungo

La Festa della Donna si avvicina e, come ogni anno, è possibile ricevere in regalo i fiori dell’Acacia dealbata se si appartiene al gentil sesso. Tuttavia, essendo un fiore effimero e delicato, non può mantenersi fresco per più di una settimana. In questo articolo, vedremo come essiccare la mimosa per poterla utilizzare a lungo, da sola o in addobbi floreali, e abbellire la casa.

L’essiccazione fai-da-te della mimosa: come conservare a lungo i fiori

Poiché la disidratazione professionale sarebbe costosa e poco adatta a queste infiorescenze, bisogna disidratarle mediante sospensione o pressatura. Entrambi i sistemi sono validi, ma è preferibile adottare la sospensione se i rametti fioriti sono tanti e si vuole mantenere la loro forma originaria, per poi utilizzarli in composizioni floreali. Invece, è meglio scegliere la pressatura se i rametti sono pochi e si vogliono utilizzare come segnalibri o per ornare biglietti di auguri, candele o quadretti.

In entrambi i casi, è bene controllare che i fiori non siano danneggiati e che il materiale vegetale sia completamente asciutto prima di effettuare la disidratazione, per evitare che l’umidità lo faccia ammuffire.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

La disidratazione della mimosa: sospensione o pressatura?

Per la sospensione, bisogna rimuovere le foglie più basse dai rametti, formare un mazzo a diverse altezze per renderlo maggiormente voluminoso e legarlo fermamente a metà degli steli con della rafia per giardinaggio o con dello spago. 

Successivamente, si deve appendere il mazzo a testa in giù in un ambiente asciutto e lontano da fonti di luce, ponendo sotto dei vecchi giornali per evitare che i pelucchi e il polline che verranno rilasciati dai fiori sporcano il pavimento.

Per la pressatura, bisogna adagiare con delicatezza i rametti su un foglio doppio di carta assorbente, distanziandoli per evitare che entrino in contatto tra di loro. Coprire con un altro foglio di carta assorbente e metterci sopra dei libri dello stesso peso e omogeneamente distribuiti per garantire una pressione uniforme. 

Dopo 25-30 giorni, le mimose si saranno disidratate grazie allo schiacciamento esercitato dai pesi, all’assenza d’aria e alla mancanza di luce. A questo punto, è possibile rimuovere i libri e la carta assorbente, spruzzare un po’ di lacca sulle infiorescenze e lasciarle asciugare completamente.

Conservare la mimosa essiccata: consigli utili

Una volta disidratata, la mimosa deve essere conservata in un luogo fresco e asciutto, e se il clima dovesse essere particolarmente umido, è possibile mettere al suo interno una bustina di gel di silice. Inoltre, per proteggere la mimosa dalla luce e dall’umidità, è possibile fasciare i rami separati in carta velina bianca e chiuderli in una scatola di cartone su cui sono stati praticati dei fori per permettere l’areazione. In questo modo, la mimosa essiccata si conserverà a lungo e potrà essere utilizzata per diverse decorazioni floreali.

Infine, è importante ricordare che la mimosa cresce spontanea in molte zone d’Italia dal clima temperato. Perciò, raccoglierla e essiccarla per godere a lungo della sua bellezza costituisce un’ottima opportunità per avere fiori a costo zero. Inoltre, se i fiori non si sono ancora aperti del tutto, è possibile metterne prima gli steli a bagno in acqua tiepida per farli dischiudere completamente.

Continua dopo gli annunci...

In conclusione, l’essiccazione fai-da-te della mimosa è un’ottima soluzione per poter godere a lungo della sua bellezza e utilizzarla per diverse decorazioni. Basta seguire i giusti accorgimenti e scegliere il metodo di essiccazione più adatto alle proprie esigenze.

Autore

Lascia un commento