Vai al contenuto

Terremoto nelle Filippine di magnitudo 7.6, pericolo tsunami e allarme alto

terremoto

Terremoto nelle Filippine di magnitudo 7.6

Non è la prima volta che vi parliamo di terremoti in questa rubrica. Purtroppo, dobbiamo farlo ancora perché un terremoto di magnitudo 7,6 ha scosso oggi Mindanao, nel sud delle Filippine, secondo l’ United States Geological Survey (USGS). Il terremoto si è verificato intorno alle 22:30 ora locale di sabato; l’epicentro si trovava a una profondità di 32,8 chilometri, secondo l’USGS. Secondo l’agenzia, l’area era “relativamente poco profonda e abbastanza vicina alla terra da generare forti scosse nelle comunità vicine”. A rischio tsunami. Vi raccontiamo tutto in questo post

terremoto

Per approfondire:

Terremoto in Marocco di magnitudo 6.8: oltre 2.000 vittime e 2.000 feriti

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Forte Terremoto (Mwp 6.6) in Pakistan e Afghanistan, almeno 13 vittime

L’allarme tsunami provocato dal terremoto nella giornata odierna

L’Istituto filippino di vulcanologia e sismologia ha emesso un allarme tsunami e ha consigliato ai residenti delle comunità costiere di Surigao del Sur e Davao Oriental di evacuare su un terreno più elevato o di spostarsi nell’entroterra. L’allarme è arrivato dopo la manifestazione della scossa di oltre 7 gradi sul fiume Richter, che ha scosso la zona. “Si prevede uno tsunami distruttivo con onde di altezza potenzialmente mortale”, hanno informato la popolazione.

Il Pacific Tsunami Warning Center ha anche segnalato possibili onde di tsunami fino a 3 metri lungo alcune coste delle Filippine e da 0,3 a 1 metro sopra il livello della marea su alcune coste di Palau. Ore dopo, l’allerta tsunami è cessata. Ma le autorità mantengono l’avviso per onde più alte del normale.

I nostri pensieri sono rivolti al popolo delle Filippine colpito da questo terremoto”, ha pubblicato l’USGS su X, ex Twitter.

Nel frattempo, secondo l’USGS, è stato identificato un rischio di liquefazione, con il potenziale per una vasta area colpita e una vasta popolazione esposta.

La liquefazione si verifica quando i sedimenti sciolti e impregnati d’acqua sulla o vicino alla superficie del suolo perdono la loro forza in risposta a forti scuotimenti del terreno“, secondo l’USGS. Ciò può causare danni significativi durante i terremoti quando si verificano sotto edifici e altre strutture.

Il rischio di liquefazione è elevato a causa delle forti piogge cadute nella regione negli ultimi giorni.

13 scosse di assestamento

Secondo lo United States Geological Survey (USGS), almeno 13 terremoti di magnitudo 2.5 o superiore sono stati rilevati nelle Filippine vicino a Mindanao da quando si è verificato il precedente terremoto di magnitudo 7.6. Si tratta delle famose scosse si assestamento

Secondo l’USGS, la più grande scossa di assestamento registrata finora è stata misurata con una magnitudo di 6,4 e una profondità di 40 miglia (64,3 km) 1 ora e 26 minuti dopo il terremoto iniziale. Questo terremoto è stato localizzato 47 km (29,2 miglia) a nord-est di Barcellona, ​​nelle Filippine, nell’Oceano Pacifico.

drone tsunami
tsunami

Minaccia tsunami cessata, ma onde pericolose

Sulla base di tutte le informazioni disponibili, la minaccia tsunami derivante da questo terremoto è cessata “, ha affermato recentemente il servizio americano, che registra l’attività in tutto il mondo. “State attenti e usate cautela se vi trovate in prossimità del mare“, sottolinea l’agenzia, che ha registrato variazioni tra 1 e 8 centimetri sopra la normale marea sulla costa orientale di Mindanao. “Nelle prossime ore potrebbero verificarsi lievi fluttuazioni del livello del mare in alcune zone costiere vicine al terremoto“, affermano i servizi statunitensi.

Da parte sua, il dipartimento di sismologia filippino Phivolcs mantiene ancora l’allerta sull’arrivo di onde di “più di un metro sopra la normale marea o anche più alte in aree chiuse come baie e stretti più di due ore dopo il terremoto. Il dipartimento filippino, che ha chiesto ai residenti delle città costiere delle province di Surigao del Sur e Davao Oriental di evacuare le loro case , ha affermato che le prime ondate sarebbero dovute arrivare tra le 22:37 e le 23:59 ora locale (GMT +8). ) e le onde potrebbero durare diverse ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *