Vai al contenuto

Come le nanoplastiche dell’acqua in bottiglia invadono le nostre cellule, 240.000 particelle in un litro d’acqua

nanoplastiche

Le nanoplastiche dell’acqua imbottigliata penetrano nelle nostre cellule

Vi parliamo spesso nella nostra rubrica dell’importanza dell‘acqua, e anche di quanto sia dannosa la plastica per l’ambiente. Ma non solo. Oggi vi raccontiamo com’è dannosa l’acqua in bottiglia per il nostro organismo. In questo post vi parliamo di una ricerca pionieristica che ribalta gli esiti degli esami effettuati in precedenza sul numero di nanoparticelle presenti in un litro d’acqua in bottiglia. E purtroppo non c’è da esultare. Gli investigatori dell’Università di Columbia (Stato di NY, USA) ci svelano quante nanoplastiche e microplastiche ci sono nell’acqua che beviamo ogni giorno. Guardate!

nanoplastiche

Per approfondire:

Giornata dell’alimentazione: l’acqua e le 20 regole d’oro per vivere meglio

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

L’acqua delle dive: i migliori 3 marchi in commercio

Il mercurio nei pesci; 4 specie comuni in cui si accumula spesso; come sapere se siamo soggetti a rischio?

Che cosa sono le nanoplastiche?

Per nanoplastiche si intendono i frammenti formatisi dalla degradazione delle microplastiche o direttamente dalle plastiche di origine antropica. Non esiste una definizione esatta in letteratura, e non c’è ancora molta chiarezza sull’importanza di questo termine, ma ci sono ricerche che dimostrano che hanno un comportamento diverso rispetto alle microplastiche. In generale, si considera che le microplastiche sono frammenti polimerici che possono variare da meno di 0,2 pollici (5 millimetri) fino a 1/25.000 di pollice (1 micrometro). Qualunque cosa più piccola è una nanoplastica che deve essere misurata in miliardesimi di metro.

Con un millesimo della larghezza media di un capello umano, le nanoplastiche sono così piccole che, secondo gli esperti, possono migrare attraverso i tessuti del tratto digestivo o dei polmoni nel flusso sanguigno, distribuendo sostanze chimiche sintetiche potenzialmente dannose in tutto il corpo e nelle cellule.

microplastiche nei sedimenti
Di Martin Wagner et al. – Wagner et al.: Microplastics in freshwater ecosystems: what we know and what we need to know. In: Environmental Sciences Europe. 26, 2014, doi:10.1186/s12302-014-0012-7, CC BY 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=39507778

Lo Studio pionieristico che svela quante particelle di plastica si trovano nell’acqua imbottigliata

Di fatto, in un nuovo studio pionieristico, alcuni ricercatori dell’Università di Columbia (Naixin Qian, Xin Gao, Xiaoqi Lang, Huiping Deng, Teodora Maria Bratu, Qixuan Chen, Phoebe Stapleton e Beizhan Yan) hanno scoperto che l’acqua in bottiglia venduta nei negozi può contenere da 10 a 100 volte più pezzi di plastica di quanto stimato in precedenza: nanoparticelle così infinitesimamente piccole da non poter essere viste al microscopio.

Secondo questo studio, un litro d’acqua conterrebbe in media 240.000 particelle di plastica provenienti da sette tipi di plastica, di cui il 90% identificati come nanoplastiche e il resto erano microplastiche.

Il parere tecnico dei professionisti, bere da contenitori di vetro o acciaio

Sherri “Sam” Mason, direttrice della sostenibilità presso Penn State Behrend a Erie, Pennsylvania, che non è stata coinvolta nella ricerca, ha affermato che “questo studio, devo dire, è estremamente interessante. Il lavoro svolto è stato davvero profondo… lo definirei rivoluzionario”. La nuova scoperta rafforza il consiglio degli esperti di bere l’acqua del rubinetto da contenitori di vetro o acciaio inossidabile per ridurre l’esposizione. Il consiglio è valido anche per altri alimenti e bevande confezionati in plastica.

Mason continua: “Le persone non pensano che la plastica si disperda, ma è così (…) Più o meno nello stesso modo in cui perdiamo costantemente le cellule della pelle, la plastica perde costantemente piccoli frammenti che si rompono, come quando apri il contenitore di plastica per l’insalata acquistata in negozio o un formaggio avvolto nella plastica.”

Anche Jane Houlihan, direttrice dei progetti di ricerca di  Healthy Babies, Bright Futures (un gruppo di organizzazioni no-profit, scienziati e donatori impegnata a ridurre la mortalità infantile) si è espressa in un email in merito ai risultati presentati:

Le nuove tecniche innovative presentate nello studio aprono la porta a ulteriori ricerche per comprendere meglio i potenziali rischi per la salute umana (…) Suggeriscono una diffusa esposizione umana a minuscole particelle di plastica che comportano rischi in gran parte non studiati. I neonati e i bambini piccoli possono affrontare i rischi maggiori, poiché il loro cervello e il loro corpo in via di sviluppo sono spesso più vulnerabili agli impatti derivanti dalle esposizioni tossiche”.

bere troppa acqua

Quante nanoplastiche esistono?

Mason è stata coautrice di uno studio del 2018 che per primo ha rilevato l’esistenza di micro e nanoplastiche nel 93% dei campioni di acqua in bottiglia venduti da 11 marchi diversi in nove paesi. In detta ricerca, la ricercatrice aveva scoperto che ogni litro d’acqua contaminata conteneva in media 10 particelle di plastica più larghe di un capello umano, insieme a 300 particelle più piccole. Cinque anni fa, tuttavia, non c’era modo di analizzare quelle minuscole macchie o di scoprire se ce ne fossero altre.

Non è che non sapessimo dell’esistenza delle nanoplastiche. Non riuscivamo proprio ad analizzarle”, ha spiegato Mason.

Nel nuovo studio, pubblicato lunedì sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, i ricercatori della Columbia University hanno presentato una nuova tecnologia in grado di vedere, contare e analizzare la struttura chimica delle nanoparticelle nell’acqua in bottiglia.

Il numero di pezzi di plastica è passato da 300 a 370.000

Invece di 300 per litro, il team dietro l’ultimo studio ha scoperto che il numero effettivo di pezzi di plastica in tre famose marche di acqua vendute negli Stati Uniti è compreso tra 110.000 e 370.000, se non di più. Non sono state menzionate le marche.

La nuova tecnologia in grado di scoprire milioni di nanoparticelle

La nuova tecnologia è stata effettivamente in grado di vedere milioni di nanoparticelle nell’acqua, che potrebbero essere “nanoparticelle inorganiche, particelle organiche e alcune altre particelle di plastica non tra i sette principali tipi di plastica che abbiamo studiato”, secondo il chimico ambientale Beizhan Yan, professore associato di geochimica presso  l’Osservatorio terrestre Lamont-Doherty della Columbia University .

Pericoli per la salute umana

Secondo gli esperti, le nanoplastiche rappresentano il tipo di inquinamento plastico più preoccupante per la salute umana. Questo perché le minuscole particelle possono invadere singole cellule e tessuti negli organi principali, interrompendo potenzialmente i processi cellulari e depositando sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino come bisfenoli,  ftalati, ritardanti di fiamma, sostanze per e polifluorurate o PFAS e metalli pesanti.

Mason spiega: “Tutte queste sostanze chimiche vengono utilizzate nella produzione della plastica, quindi se una plastica si fa strada dentro di noi, porta con sé quelle sostanze chimiche. E poiché la temperatura del corpo è più alta di quella esterna, queste sostanze chimiche migreranno fuori dalla plastica e finiranno nel nostro corpo (…) possono essere trasportate al fegato, ai reni e al cervello e persino attraversare il confine della placenta e finire in un bambino non ancora nato“.

Secondo la coautrice dello studio Phoebe Stapleton, professoressa associata di farmacologia e medicina, tossicologia presso la Ernest Mario School of Pharmacy della Rutgers University a Piscataway, nel New Jersey (USA)

Negli studi sui topi in gravidanza, sono state trovate sostanze chimiche plastiche nel cervello, nel cuore, nel fegato, nei reni e nei polmoni del piccolo feto in via di sviluppo 24 ore dopo che la madre incinta aveva ingerito o respirato particelle di plastica (…)

Stapleton Phoebe

Oltre alle sostanze chimiche e ai metalli tossici che la plastica può trasportare, un’altra area da esplorare è quella relativa al polimero plastico stesso: è o non è dannoso per il corpo umano?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *