Vai al contenuto

Che anno è il 2024 per tutte le culture del mondo? Dove siete se vivete nel 4721?

Il 2024 in tutte le culture del mondo

Il 2023 è oramai soltanto un ricordo. Ma se pensate che tutto il mondo abbia festeggiato il passaggio all’anno nuovo vi sbagliate. Di fatto, di calendari ce ne sono tanti. Il nostro, il gregoriano, è il più comune del mondo. Il nome si deve al Papa Gregorio XIII, che lo introdusse nel 1582 sostituendo il calendario giuliano. Ma in altre latitudini l’anno non corrisponde assolutamente con il nostro. E in questo post oggi vi racconteremo quale anno è il 2024 nelle altre culture del mondo, non prima di avere fatto una piccola premessa su quello che a livello di calendario ci riserva quest’anno così carico di appuntamenti.

culture del mondo

Per approfondire:

Le notizie del 2023 che non avremmo voluto darvi e quelle che vorremmo si avverassero nel 2024

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Il pane che accomuna tutte le culture, 10 tradizioni

Il 2024 nell’artico e nel mondo

Il 2024 artico

Perché parliamo del 2024 artico? Perché Bodø, in Norvegia, è la Capitale Europea della Cultura; si tratta della prima città a nord del Circolo Polare Artico a detenere il prestigioso titolo. Il programma di Bodø 2024 seguirà le stagioni che assecondano il viaggio del sole attraverso un anno artico: “Here comes the Sun”. Ci saranno più di 600 eventi, tra cui il primo festival al mondo 100% sostenibile, l’unica biennale europea di land art, una trilogia teatrale Sámi, un’opera lirica sullo stoccafisso e molto altro ancora.

Il 2024 nel mondo è l’anno dell’intelligenza artificiale

Mondi immersivi e Intelligenza Artificiale: i trend del 2024. Il 2024 sarà l’anno della crescita delle piattaforme di mondi sociali virtuali guidati dallo user generated content, che affiancheranno, e a volte sostituiranno, i social media tradizionali. L’Intelligenza Artificiale sarà sempre più integrata, creando nuove forme di interazione, espressione e creatività.

Che anno è il 2024 in Cina?

In Cina di calendari ce ne sono diversi. Ma secondo il più diffuso, questo è l’anno 4721. Il conto non inizia, come nel nostro caso, dalla presunta nascita di Cristo, ma del mitico antenato e “imperatore giallo” Huangdi.

Inoltre, secondo il calendario lunare cinese, il 2024 è l’anno del Drago, il quinto segno zodiacale che simboleggia forza, coraggio e saggezza. Le persone nate nell’anno del Drago sono considerate ambiziose, carismatiche e innovative. L’anno cinese inizierà il 10 febbraio e terminerà il 29 gennaio 2025.

cina

Che anno è il 2024 per il calendario copto?

Il 2024 per il calendario copto è l’anno 1740-1741. Il calendario copto è usato dalla Chiesa copta ortodossa in Egitto e in Etiopia e deriva dall’antico calendario egiziano. L’anno copto inizia il 29 agosto (che coincide, di solito, con l’11 settembre del calendario gregoriano) o il 30 agosto, se l’anno è bisestile, del calendario giuliano. Il computo degli anni parte dal 284, anno in cui divenne imperatore romano Diocleziano, il cui regno fu segnato da torture e persecuzioni di massa nei confronti dei cristiani, specialmente in Egitto

calendario copto

Che anno è per il calendario ebraico?

E per la religione ebraica invece?

Il 2024 per il calendario ebraico è l’anno 5784-5785. Il calendario ebraico è basato su un ciclo di 19 anni, in cui sette anni sono bisestili e hanno 13 mesi invece di 12. L’anno ebraico inizia con il mese di Tishri, che coincide, di solito, con settembre o ottobre del calendario gregoriano. Il primo giorno di Tishri è Rosh Hashanah, il capodanno ebraico, che nel 2024 cade il 3 ottobre. La conta parte dalla creazione della Terra secondo il libro della Genesi.

Altre importanti festività ebraiche nel 2024 sono:

  • Yom Kippur, il giorno dell’espiazione, il 12 ottobre
  • Sukkot, la festa delle capanne, dal 17 al 23 ottobre
  • Simchat Torah, la festa della legge, il 25 ottobre
  • Chanukkah, la festa delle luci, dal 21 al 29 dicembre
  • Purim, la festa dei sorteggi, il 21 marzo
  • Pesach, la pasqua ebraica, dal 22 al 30 aprile
  • Shavuot, la festa delle settimane, il 12 e 13 giugno
  • Tisha B’Av, il digiuno del 9 di Av, il 13 agosto
sukkot

Sukkot, festa delle capanne

Che anno è il 2024 per il calendario induista?

Il 2024 per il calendario induista è l’anno 2070-2071, secondo il calendario nazionale indiano. Il calendario induista è basato su cicli lunisolari, che combinano le fasi della luna con il movimento del sole. Ci sono diversi tipi di calendari induisti, in funzione delle regioni e delle tradizioni, ma tutti condividono alcune caratteristiche comuni, come i nomi dei mesi, le festività e le ere.

Il calendario nazionale indiano, introdotto nel 1957, è un calendario solare che segue il calendario Saka, usato in India fin dall’antichità. L’anno Saka inizia con il mese di Chaitra, che coincide, di solito, con marzo o aprile del calendario gregoriano. Il primo giorno di Chaitra è il capodanno induista, chiamato Ugadi o Gudi Padwa. Nel 2024, il capodanno induista cade il 22 marzo. Altre festività sono:

  • Makara Sankranti, la festa del sole che entra nella costellazione del capricorno, il 14 gennaio
  • Maha Shivaratri, la notte dedicata a Shiva, il 7 marzo
  • Holi, la festa dei colori, l’8 marzo
  • Rama Navami, la nascita di Rama, il 15 aprile
  • Krishna Janmashtami, la nascita di Krishna, il 28 agosto
  • Ganesh Chaturthi, la nascita di Ganesh, il 9 settembre
  • Navratri, le nove notti dedicate alla dea Durga, dal 4 al 13 ottobre
  • Dussehra, la vittoria di Rama su Ravana, il 13 ottobre
  • Diwali, la festa delle luci, il 1 novembre

Che anno è per il calendario islamico?

Secondo il calendario islamico siamo nel 1445-1446. L’inizio del conteggio parte da quando Maometto compì l’egira: cioè andò dalla Mecca a Medina e stabilì così la prima comunità di fedeli, la prima “ummah”. Il calendario islamico è un calendario lunare, che consiste in 12 mesi per un totale di 354 o 355 giorni. Un nuovo mese inizia quando viene avvistata una luna nuova. I musulmani usano il calendario islamico per determinare le date degli eventi religiosi e delle osservanze

Alcune delle principali festività islamiche nel 2024 sono:

  • Al Isra’ wal Mi’raj (Il viaggio notturno e l’ascensione), il 8 febbraio
  • Shab-e-Barat (15° Sha’ban), il 25 febbraio
  • Ramadan (il mese del digiuno), dal 11 marzo al 10 aprile
  • Eid Al Fitr (la festa della rottura del digiuno), il 10 aprile
  • Hajj (il pellegrinaggio alla Mecca), dal 14 al 16 giugno
  • Eid Al Adha (la festa del sacrificio), il 16 giugno
  • Capodanno islamico (1° di Muharram 1446), il 7 luglio
  • Giorno di Ashura (10° di Muharram), il 16 luglio
  • Mawlid nabawi (la nascita del profeta Maometto), il 15 settembre
image 18

Che anno è in Corea del Nord?

Il 2024 in Corea del Nord è l’anno 113 secondo il calendario Juche, il sistema di numerazione dell’anno basato sulla data di nascita di Kim Il-sung, il fondatore della Repubblica Popolare Democratica di Corea. Il calendario Juche ha sostituito il calendario gregoriano come calendario civile in Corea del Nord nel 1997. Il 2024 in Corea del Nord inizia il 1° gennaio e termina il 31 dicembre, seguendo i mesi e i giorni tradizionali del calendario gregoriano.

Continua dopo gli annunci...

Il 2024 in Corea del Nord potrebbe essere anche un anno di tensioni e conflitti con la Corea del Sud e gli Stati Uniti, dato che il leader nordcoreano Kim Jong-un ha annunciato di voler distruggere l’arco dell’unificazione, un monumento che simboleggiava il sogno di una riunificazione pacifica con il sud, e di modificare la costituzione per indicare la Corea del Sud come “nemico numero uno” della Corea del Nord. Alcuni esperti ritengono che la situazione nella penisola coreana sia più pericolosa di quanto non lo sia mai stata dal 1950, quando scoppiò la guerra di Corea.

North Korea 5015886634
Autore

Ana nasce in Spagna, si laurea a 22 anni in Scienze Liguistiche e della Comunicazione. Dopo un'esperienza nel Regno Unito si trasferisce a Trieste, dove vive tuttora. Ha maturato esperienza come consulente aziendale e collaborato con diverse case editrici. Ha pubblicato cinque libri ed è copyrighter e Search Quality Rater.View Author posts

Lascia un commento