Vai al contenuto

Bonus agevolazioni e incentivi 2024: quelli sicuri! L’ultimo di certo non lo conoscevi!

Bonus agevolazioni e incentivi 2024

Bonus agevolazioni e incentivi 2024

Da ultimedalweb cerchiamo di tenervi informati sulle agevolazioni previste in tempi brevi. Spesso succede che le agevolazioni hanno una durata determinata, per un’esigenza contingente (ad esempio, il caro bollette). In altre occasioni, vengono inserite in bilancio e durano per tutto o un anno o, eventualmente, se vincolate ad un budget, fino ad esaurimento delle risorse. Ogni anno, i bonus e le agevolazioni vengono rivisti. Oggi vi vogliamo elencare quelli che sono già pronti per il 2024, perché prorogati o perché prevista la copertura finanziaria. Salvo eventuali modifiche dell’ultimo minuto.

Qualora vi fossero dei cambiamenti, sarà nostra cura aggiornarvi.

Per approfondire:

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Bandi e bonus per imprese e professionisti attivi in autunno 2023

Hai ISEE basso? Ecco tutti i bonus che ti spettano!

SUPERBONUS

Salvo modifiche nel 2024, al Superbonus 2023, cioè quello tuttora in corso, verrà applicato il sistema a scalare. Il Superbonus, che prevede una detrazione fiscale del 110% per gli interventi di efficientamento energetico e antisismico, sarà ridotto al 70% dal 2024 e al 65% dal 2025. Tuttavia, potrebbe essere introdotto un Ecobonus sociale per i redditi più bassi e un bonus barriere architettoniche al 75%. Salvo interventi con la Legge di Bilancio, questa misura sarà riservata soltanto ai condomini: per le villette lo sconto fiscale si chiude alla fine del 2023.

BARRIERE ARCHITETTONICHE

Un altro intervento importante prorogato per il 2024 è quello per le barriere architettoniche. Si tratta della detrazione al 75% delle spese sostenute per eliminare gli ostacoli alla mobilità negli edifici. Di fatto, permette di esercitare opzioni di sconto in fattura o di cessione del credito senza alcuna limitazione. Ha un recupero in cinque anni. Tuttavia, la limitazione sta nel fatto che un tecnico dovrà redigere un’asseverazione relativa al superamento e all’eliminazione delle barriere architettoniche.

MOBILI

Anche nel 2024 sarà disponibile il bonus mobili ed elettrodomestici ma la detrazione dovrà essere calcolata su un importo massimo di 5.000 euro per il 2024 (nel 2023 la soglia è di 8.000 euro, 2022 la soglia era di 10.000 euro e nel 2021 di 16.000 euro).

CALDAIE

Se si ottengono determinati indici di prestazione energetica si può usufruire di detrazioni elevate (al 70% o al 75%), ma dal 2024 ci sarà lo stop agli incentivi fiscali per l’installazione di caldaie che usano combustibili fossili. La direttiva europea prevede che tra gli impianti agevolati restino sono i collettori solari. Per le caldaie a condensazione, gli apparecchi ibridi, i sistemi di microgenerazione, non basterebbe più la classe energetica A (che non esclude i combustibili fossili). Novità ulteriori potranno però arrivare dal Piano italiano (PNIEC) per il raggiungimento degli obiettivi green nel Paese.

ECOBONUS CASA

Confermato fino al 2024 l’Ecobonus casa, l’incentivo che copre le spese per l’efficientamento energetico degli edifici. Nello specifico, lEcobonus prevede una detrazione dal 50% al 65% per gli interventi di efficientamento energetico che non rientrano nel Superbonus. La detrazione del 65% spetta alla maggior parte degli interventi per cui è ammessa. Per altri, come la sostituzione di infissi, la percentuale si abbassa al 50%.

SISMA BONUS

In vigore fino al 2024 anche il cosiddetto Sismabonus, la detrazione a fronte della messa in sicurezza degli edifici. Prevede un’agevolazione con aliquote variabili in funzione della zona sismica in cui è collocato un edificio e della tipologia d’immobile. Per quelli unifamiliari, il bonus va dal 50% per un massimo di 96.000 euro per ogni unità immobiliare.

La detrazione sale (70 o 80%) quando dalla realizzazione degli interventi si ottiene una riduzione del rischio sismico di 1 o 2 classi e quando i lavori sono stati realizzati sulle parti comuni di edifici condominiali (80 o 85%)

RISTRUTTURAZIONE

Tra gli altri bonus casa 2023 è stato rinnovato fino al 2024 anche il bonus ristrutturazione, che consente nell’usufruire di una detrazione pari al 50% sulle spese sostenute per la manutenzione ordinaria e straordinaria con un limite massimo di spesa di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare.

VERDE

Resta confermato fino al 31 dicembre 2024 anche il bonus verde. Si tratta di una detrazione del 36% per le spese sostenute per le sistemazioni a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni e per la realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

FONDO PMI CREATIVE

I bonus del Fondo PMI creative sono stati rifinanziati anche per il 2024. Cioè, il Fondo per le piccole e medie imprese creative sarà ancora usato per promuovere la fondazione, lo sviluppo e la crescita delle imprese operanti nel settore creativo, attraverso la concessione di contributi, l’agevolazione nell’accesso al credito e la promozione di strumenti di finanziamento agevolato.

imprese creative 1

 ASSUNZIONI ADI E SFL

Dal 2024, insieme all’Assegno di inclusione (ADI) e al Supporto per la formazione e il lavoro (SFL), che prenderanno il posto del Reddito di Cittadinanza, arriva l’esonero contributi totale al 100% o al 50% per le assunzioni di percettori di ADI o SFL.

DECONTRIBUZIONE MERIDIONE

Questa decontribuzione consiste in uno sconto sui contributi pensionistici pari al 30%, concesso alle aziende meridionali. La misura è operativa, in teoria, fino al 2029, ma subordinata via via allo sblocco dei fondi da parte dell’unione Europea. Prevede una graduale riduzione della decontribuzione al 20% dal 2026 e al 10% dal 2028 in

CARTA DELLA CULTURA E DEL MERITO

Dal 2024 saranno attive la carta della cultura e del merito. In sostanza, con la Legge di Bilancio 2023, il bonus cultura per i neo diciottenni 18app ha cambiato totalmente veste ed è stato diviso in due. Al suo posto dal prossimo anno arriveranno la Carta Cultura e la Carta del Merito. 

ASSUNZIONI RICERCATORI IN AZIENDA

L’agevolazione chiamata “bonus assunzioni ricercatori in azienda” (FINO A €7.500) è valida fino al 2026. Si tratta di un esonero contributivo a favore delle imprese che partecipano al cofinanziamento al 50% delle borse di dottorato innovativo e che assumono personale in possesso del titolo di dottore di ricerca. il valore è di 3.750 euro su base annua, riparametrato e applicato su base mensile, per un massimo di due anni.

BONUS ROTTAMAZIONE TV

Arriva il nuovo bonus rottamazione TV nel 2024 dedicato a chi compra un nuovo televisore e smaltisce correttamente quello obsoleto. Il Governo Meloni ha annunciato di voler rimettere in campo l’incentivo per la rottamazione dei vecchi televisori per sostenere il settore delle telecomunicazioni, stanziando circa 90 milioni di euro. La normativa verrà definita entro fine 2023, ma il bonus partirà dal 2024.

ASSUNZIONE LAVORATORI AUTISTICI

Dal 2024 partirà il già finanziato bonus assunzioni lavoratori autistici che prevede l’esenzione dall’imposta sul reddito e dall’IRAP, oltre ad un incentivo previdenziale, nella misura del 70% della retribuzione mensile lorda di tali lavoratori.

CASALINGHE

Una misura pensata per le donne, ma non solo. Riguarda anche gli uomini che svolgono attività nell’ambito domestico. È un finanziamento finalizzato ad usufruire di corsi di formazione gratuiti, che non sono ancora stati attivati, ma che potrebbero esserlo a breve.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *