Vai al contenuto

5 Paesi dove si guadagna bene, più di 5 mila euro al mese

paesi dove si guadagna bene

Paesi dove si guadagna bene

Qualcuno di voi sta pensando di andare all’estero per lavoro? Spesso, vanno a finire sui giornali le lamentele dei giovani laureati che trovano in Italia lavori precari con paghe basse, mentre il mercato continua a chiedere manodopera tecnica e formata e alcuni lavori artigianali scompaiono, per mancanza di competenze. La situazione di incertezza e la maggiore possibilità di emigrare (i giovani parlano le lingue, il mercato è aperto) invita le persone scontente del proprio lavoro (e guadagno) a trasferirsi all’estero.

Recentemente, hanno fatto clamore le dichiarazioni di due infermieri che hanno raccontato di essere andati in Norvegia per avere una paga da 4 mila euro al mese, con tanto di benefit. A quanto pare, il Paese nord europeo nutre una grande stima per coloro che fanno tale mestiere e li retribuisce bene.

In questo post quello che faremo sarà identificare 5 Paesi che garantiscono paghe alte in confronto all’Italia. Tenete conto, tuttavia, che, insieme alla paga, deve essere valutato anche il costo della vita. Una paga da 5 mila euro quando gli affitti non scendono da 2 mila (al mese) potrebbe essere considerata uno specchietto per le allodole.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

paesi guadagno
paesi guadagno

Per approfondire:

8 ottimi lavori ben pagati senza avere una laurea; alcuni ti sorprenderanno!

Il futuro? 5 lavori che stanno scomparendo; cimentatevi in uno di loro e avrete un buon guadagno

Stipendi da sogno in Paesi a noi vicino

In alcuni Paesi, gli stipendi sono veramente da sogno: parliamo di oltre i 5 mila euro al mese. Che corrispondono a circa 60 mila euro all’anno. In questo post vi facciamo sapere quali sono questi Paesi “generosi”, il che può risultare utile a coloro che si affacciano oggi sul mondo del lavoro. Teniamo in considerazione che alcuni Paesi sono stati esclusi dalla classifica, perché le paghe altissime per alcuni settori, contrastano con quelle bassissime per altri. Ad esempio, possiamo parlare di Dubai, dove lo stipendio di un tecnico specializzato raggiunge anche 6.500 euro al mese.

Se guardate questo schema vedrete, ad esempio, qual è lo stipendio minimo a Dubai per un operaio senza esperienza e per una persona senza particolari competenze a metà carriera. Pertanto, è facile concludere che per un tecnico specializzato con un minimo di esperienza il salario vola, soprattutto se fa parte di un team internazionale.

dubaiimbianchino
Grafico: (1) Esperto (2) Metà-carriera (3) Livello in entrata

Tuttavia, abbiamo preferito concentrarci su Paesi a noi vicino geograficamente o come mentalità, perché un’eventuale migrazione sarebbe molto più semplice, in presenza di culture piuttosto vicine.

Stipendi minimi: in Italia non previsti; solo CCNL (Contratto collettivo Nazionale del Lavoro)

In questo schema troviamo gli ultimi dati pubblicati dalla Commissione Europea relativamente agli stipendi minimi in ambito UE. Come vedrete, al primo posto si trova il Lussemburgo. Vediamo ora di analizzare i numeri nel loro complesso. Nella tabelle non troverete l‘Italia, esclusa poiché non è previsto un salario minimo. Nel nostro Paese, in effetti, gli stipendi sono regolati dagli accordi sindacali. Ciò significa che in qualche occasione potrebbe capitare che due persone svolgendo le medesime mansioni, sotto datori di lavoro con posizioni societarie diverse (una S.r.l. e uno Studio professionale), percepiscano importi diversi perché un sindacato è più forte dell’altro.

700px Minimum wages July 2023 and July 2013 levels in E per month and average annual growth in

5 Paesi con stipendi d’oro

Anzitutto, dobbiamo sottolineare che la media di uno stipendio in un determinato Paese non significa che non esistano anche stipendi più bassi. Tuttavia, i dati sono affidabili.

Stati Uniti

Il Paese con gli stipendi mediamente più alti è gli Stati Uniti, con 74 mila e 738 euro di media all’anno. Al mese significa avere un’entrata di 6 mila e 228 euro. Tuttavia, c’è da tenere in considerazione che negli Stati Uniti non esiste una sanità pubblica e che non sono previste le paghe straordinarie (Natale, estate) né il TFR (Trattamento Fine Rapporto). Inoltre, il sistema previdenziale pensionistico deve essere costruito individualmente. Pertanto, per avere una pensione e delle cure mediche è necessario mettere in conto una bella somma da detrarre dal monte stipendio.

Lussemburgo

In Lussemburgo, Paese che fa parte dell’Unione Europea, si guadagnano mediamente 73 mila e 657 euro l’anno. Una differenza minima con gli Stati Uniti. Il sistema previdenziale è simile a quello italiano. Pertanto, si può affermare che, a parità di stipendio, il Lussemburgo è un Paese più generoso.

L’Islanda

Al terzo posto troviamo un altro paese europeo, cioè l’Islanda. Questo Paese europeo fa registrare uno stipendio medio per i suoi cittadini di 72 mila e 47 euro all’anno. Uno stipendio di tutto rispetto. Certo, poi bisogna fare i conti con i ghiacci e con i vulcani, ma in fondo, è un Paese moderno e tecnologico.

islanda

Svizzera

Al quarto posto si posiziona la Svizzera, rea di corrispondere in media 68 mila e 957 euro annuali. Questo Paese confinante con l’Italia risulta di fatto attraente per gli italiani, che vanno e vengono ogni giorno da un Paese all’altro, facendo i pendolari.

Danimarca

Al quinto posto troviamo la Danimarca. Un Paese anch’esso europeo. Città come Copenaghen sono amatissime dagli italiani. In questo Paese del Nord Europa si guadagnano mediamente ogni anno 61 mila e 331 euro. Al mese significa guadagnare circa 5.111 euro. Uno stipendio davvero alto.

Quando considerate gli stipendi netti di ogni Paese fermatevi a riflettere sui costi locali dei principali fabbisogni famigliari; in alcuni Paesi del Nord è tutto incluso nelle imposte (anche i trasporti), ma potrebbe essere costoso tutto ciò che esula dalla “tutela” pubblica. Ad esempio, sì agli sili nido, ma costosi i ristoranti, le palestre, le macchine in affitto, gli alberghi… Ragionateci bene prima di decidere di spostarvi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *