Vai al contenuto

Visita dei genitori di Filippo Turetta in carcere durata 60 minuti: lacrime e sollievo

Filippo turetta

Visita dei genitori di Filippo Turetta in carcere

Vi abbiamo aggiornato in questi ultimi giorni sulle vicende di Filippo Turetta, in carcere a Verona, accusato (e reoconfesso) dell’omicidio di Giulia Cecchettin. Nel giorno in cui si confermano i funerali di Giulia, previsti per il martedì 5 dicembre, i genitori di Filippo fanno visita in carcere. E’ la prima volta che vedono il figlio dopo tre settimane durissime di fuga, arresto e interrogatorio. La coppia, soggetta a notevole pressione mediatica, aveva annunciato mercoledì che avrebbe rimandato l’incontro con il figlio, a grande impatto emotivo. Dopo il colloquio con il Pubblico Ministero, i genitori di Turetta hanno abbracciato il ragazzo, che ha confessato l’omicidio della sua fidanzata.

filippo turetta

Per approfondire:

Filippo Turetta, il 21enne non risponde e piange davanti al gip

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Cosa fa in carcere Filippo Turetta? Tra libri e ansiolitici…

Una stanza “protetta” e un incontro limitato

genitori filippo turetta
I genitori di Filippo Turetta

Filippo Turetta ha incontrato i genitori in carcere, in “una stanza protetta”; si è trattato di un incontro di un’ora, il primo abbraccio dopo l’accaduto. Tre settimane sono passate da quando il 21enne ha ucciso a coltellate l’ex fidanzata Giulia Cecchettin: il giovane aveva chiesto subito, varcando la porta d’ingresso del carcere di Verona, di incontrare mamma Elisabetta e papà Nicola, ma loro avevano preferito rimandare l’incontro per dare tempo a Filippo, e a loro stessi, di riordinare i pensieri, gestendo le priorità. Prima, gli interrogatori; poi, la famiglia.

Di fatto, la scelta è stata dettata da un lato dalla necessità di far riposare le emozioni e lasciare a Filippo la possibilità di un supporto psicologico, prima di rivedere i genitori, dopo la notte dell’omicidio, sabato 11 novembre, e la settimana di fuga tra Austria e Germania.

Ma anche una scelta per non sovraccaricare il ragazzo in vista dell’interrogatorio davanti al pubblico ministero Andrea Petroni, che si è svolto nella giornata di venerdì. Un incontro con il magistrato durato oltre nove ore durante il quale il giovane ha confessato i drammatici dettagli del delitto.

Finalmente, oggi, l’incontro. Il primo. La famiglia Turetta ha lasciato il penitenziario di Montorio veronese poco dopo le 13.

L’incontro di Filippo con i genitori

Mercoledì scorso i genitori non erano riusciti ad avvicinarsi alla soglia; era molto difficile guardare negli occhi colui che aveva confessato di aver ucciso Giulia Cecchettin, a cui loro erano affezionati. Le visite in cella erano state autorizzate già nella giornata di martedì dal giudice di Venezia, Benedetta Vitolo. Tuttavia, i genitori avevano preferito attendere alcuni giorni prima di far visita al figlio. Oggi, domenica 3 dicembre, intorno alle ore 12, invece, lontano dalle decine di giornalisti e telecamere, che giorni fa presidiavano a lungo la casa circondariale “hanno abbracciato Filippo. Abbiamo fatto in modo di tutelare la loro privacy, come si fa con ogni famiglia“, ha spiegato una fonte all’Adnkronos.

Un abbraccio e tante lacrime

Secondo quanto trapelato dall’incontro tra Turetta e i suoi genitori, quando Filippo ha visto mamma Elisabetta e papà Nicola nella sala colloqui del carcere è andato loro incontro e li ha abbracciati. Il ventunenne si è sentito risollevato. Ha sentito intorno a sé il conforto della famiglia che non lo ha lasciato solo. Un timore avanzato da Turetta dopo che il primo colloquio fissato per mercoledì scorso era stato annullato. L’incontro è stato emotivamente molto forte, in più occasioni sia il ragazzo sia i genitori sono scoppiati in lacrime.

Un compleanno anonimo per Filippo Turetta, tra qualche giorno

Del resto, la vita all’interno del carcere per Turetta è come quella degli altri detenuti, procede lenta, anonima. È dietro a queste sbarre che Filippo compirà 22 anni tra pochi giorni, il 18 dicembre, ed è qui che probabilmente terminerà gli studi in Ingegneria biomedica, la laurea che Giulia non ha mai potuto festeggiare. 

violenza contro le donne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *