Vai al contenuto

Hamburger Day: i 10 errori che fai quando li prepari

hamburger day

Oggi è l’Hamburger Day, una giornata speciale per omaggiare questo piatto amatissimo da grandi e piccini. Ma siete sicuri di prepararli a regola d’arte? Ecco i 10 errori più comuni.

Hamburger Day: sai già cosa cucinare a pranzo?

Già solo il termine hamburger fa venire l’acquolina in bocca, ecco perché ti diamo alcuni consigli su come realizzarli al meglio, evitando quei soliti errori che rovinano il risultato.

Carne tritata: fai da te per la massima qualità

Se compri la carne degli hamburger al supermercato, cattive notizie. La migliore è quella che prepari personalmente dal macellaio, facendola macinare al momento. I pezzi migliori sono quelli senza nervi, con un po’ di grasso. Va bene anche il filetto, ma solo se aggiungi della mollica di pane morbida o della patata, perché altrimenti si seccherebbe troppo.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Non mettere solo la carne e basta

Ok, la carne è di alta qualità, ma condirla ne esalterà il sapore! Trita finemente il prezzemolo, aggiungi della cipolla, del pepe nero, l’immancabile sale. Se invece opti per un burger di pesce, non dimenticare le erbe aromatiche.

bacon

Attenzione alla cottura

Ricorda che il manzo dovrebbe essere rosato all’interno, messo su una piastra di ghisa e lasciato cuocere a fiamma alta e poi bassa; mentre il maiale, il pollo e il tacchino devono essere cotti completamente per sicurezza alimentare. Il pesce va bene anche in una padella liscia, senza olio. Qualora gli hamburger siano troppo spessi, cuoceteli a temperatura alta per alcuni minuti per lato, poi toglieteli dal fuoco e copriteli con stagnola per cinque minuti, permettendo ai succhi di distribuirsi uniformemente.

Come tenerli compatti?

Gli hamburger tendono a sfaldarsi? Mettete un po’ di mollica di pane ammorbidita in acqua, oppure un intero albume. Con uno solo otterrete il giusto legante per quattro hamburger.

Formaggio? Sì, ma quello giusto

hamburger

La ricetta originale vuole il cheddar tradizionale, ma se non è gradito, vanno bene anche sottilette, emmental, fontina e parmigiano. Il formaggio va aggiunto sopra la carne durante la cottura per farlo sciogliere leggermente.

Il bun perfetto

Il pane è un passaggio catartico, non deve mai essere troppo croccante e duro, bensì leggermente morbido così da assorbire le salse e i succhi gusto dell’hamburger. E per evitare che si ammorbidisca troppo, meglio tostate leggermente l’esterno e l’interno per una consistenza fragrante.

Insalata e pomodoro accoppiata vincente

L’insalata e il pomodoro aggiungono freschezza e contrasto di temperature. Laddove la carne è calda e morbida, la verdura offre quel contrasto fresco e croccante che renderà ogni morso una vera goduria.

Cipolla sì o no?

La cipolla rende il piatto più gustoso, quando è dorata è meno intensa, mentre la rossa è dolce. Per evitare eccessi, meglio usarne una piccola quantità.

Bacon: quando metterlo?

Il bacon aggiunge un grande tocco salato e croccante, però è ideale solo per burger di pollo e tacchino, negli altri casi è bene evitare per non coprire il sapore di altre carni.

Salse mai banali

Metti sempre ketchup e maionese? Che noia! La salsa BBQ è molto meglio perché dona un retrogusto affumicato che ben si sposa con la carne, ma anche quelle agrodolci sono particolarissime. Per un’alternativa più salutare, c’è anche lo yogurt condito con sale e pepe!

ricetta hamburger

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *