Vai al contenuto

Vestiti unici del guardaroba di Lady Diana, in mostra ad Hong Kong per dodici giorni. Ecco dove e perché

Lady Diana

Guardaroba unico e iconico di Lady Diana in mostra ad Hong Kong, prima dell’asta

Eleganza senza tempo, uno stile unico che ha fatto storia, la regalità incarnata in ogni piega di tessuto: sono queste le caratteristiche che definiscono l’iconico guardaroba di Lady Diana, principessa del popolo. Da molti anni, i suoi abiti hanno continuato a brillare, diventando protagonisti di aste, mostre, e eventi di beneficenza in tutto il mondo. La sua influenza nell’ambito della moda e dell’arte contemporanea rimane tangibile, con artisti e stilisti che si ispirano alla sua memoria per creare opere senza tempo.

Adesso, gli occhi si volgono verso Hong Kong, dove la rinomata casa d’aste Julius’ Auctions ha deciso di dedicare dodici giorni interi alla presentazione di una collezione esclusiva di abiti, borse e scarpe appartenuti alla principessa. Questi tesori di moda saranno esposti solo per un breve periodo, poiché verranno presto messi all’asta e ceduti a privati fortunati che avranno la possibilità di aggiudicarseli.

Tra i pezzi più significativi di questa straordinaria raccolta spicca un elegante tailleur blu e giallo, firmato dalla celebre designer Catherine Walker, che Lady Diana indossò esclusivamente durante una sua visita reale a Hong Kong nel lontano 1989. Questo abito diventa così non solo un simbolo di raffinatezza e stile, ma anche un prezioso frammento di storia che continua ad incantare e ispirare.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Catherine Walker, Lady Diana e la casa reale

Catherine Walker è stata una rinomata stilista di origine francese con sede a Londra, famosa per i suoi capolavori nell’alta moda e per aver fornito oltre mille capi di abbigliamento per Diana, Principessa del Galles. La sua carriera nel mondo della moda è iniziata con la vendita di abiti per bambini, per poi specializzarsi in abiti da sera di fascia alta, abiti da cerimonia e abiti da sposa. Nel 1976, ha fondato la sua azienda, The Chelsea Design Company, che divenne presto sinonimo di eleganza e raffinatezza.

Il legame professionale tra Catherine Walker e Lady Diana è iniziato poco dopo il matrimonio della Principessa del Galles con il Principe Carlo nel 1981, e ha continuato fino alla tragica morte di Diana nel 1997. Durante questo periodo, Walker ha creato molti degli abiti più iconici indossati dalla Principessa, contribuendo così a definire il suo inconfondibile stile e lasciando un’impronta indelebile nella storia della moda.

Oltre alla Principessa Diana, Catherine Walker ha vestito numerosi membri della famiglia reale britannica, tra cui il Principe William e la Duchessa di Kent. I suoi capi di abbigliamento hanno anche conquistato clienti internazionali di alto profilo, come la Principessa ereditaria Mette-Marit di Norvegia e Marie Chevallier, moglie di Louis Robert Paul Ducruet, figlio della Principessa Stéphanie di Monaco.

Ogni pezzo dell’abbigliamento di Lady Diana è unico e importante.

Quella della Julu’s Auctions non è la prima iniziativa dedicata a Lady Diana e al suo guardaroba, i vestiti sono un qualcosa di unico e speciale nella storia della casa reale inglese ma soprattutto di Lady D così come della Regina Elisabetta. Con i colori, con lo stile, con lo scegliere tra tonalità accese o soft queste donne hanno parlato al mondo e in tutti i contesti: formali, diplomatici, di tempo libero, di arti e passioni.

Martin Nolan è il cofondatore e direttore di Julius’ Auctions, ha detto la sua sugli abiti messi in mostra per dodici giorni. Lady diana è impossibile da dimenticare, comprare un solo accessorio del suo guardaroba significa avere in casa un ottimo argomento di conversazione per gli ospiti. “Pezzi di classe e di valore ma non solo. Se avete a casa un Monet o un Picasso o un abito di Lady Diana, se ne parlerà tutta la sera. Anzi la gente conosce Lady Diana, e conosce i vestiti, ma non tutti apprezzano un Monet o un Picasso che costano milioni di dollari e restano appesi al muro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *