Vai al contenuto

Gli Emmy Awards 2024, ancora “succession” fa incetta di premi: i 5 canditati con maggiori riconoscimenti

emmy awards

Gli Emmy Awards, il grande galà e l’apoteosi di succession

Recentemente, vi abbiamo parlato de i’ 81° Golden Globe Awards, una delle serate più importanti per il cinema mondiale. Come abbiamo visto, il grande vincitore della serata è stato Oppenheimer, la biografia di tre ore di Christopher Nolan su J. Robert Oppenheimer, il fisico dietro il Progetto Manhattan, che ha fatto incetta di statuette. Ieri notte (oggi in Italia) sono stati invece consegnati i premi più prestigiosi ai programmi TV. Alcune delle serie premiate hanno già visto un riconoscimento ai Golden Globe; pertanto, il premio di oggi è solo una conferma della riuscita e popolarità dei vincitori della pregiata statuetta.

Di fatto, gli Emmy Awards sono dedicati a vari settori dell’industria televisiva tra cui l’intrattenimento, l’informazione e la programmazione documentaristica e sportiva. E in questo post vi sveliamo quali sono stati i programmi premiati e quelli che hanno ricevuto maggiori consensi. Guardate!

emmy awards

Per approfondire:

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Golden Globe 2024, tutti i premi e i film e le serie che sono piaciute di più

Grammy Awards: 5 curiosità sulla cerimonia di quest’anno

I premi, giunti con un ritardo di 4 mesi, perché?

Dopo un ritardo di quattro mesi provocato dallo sciopero degli attori e degli scrittori di Hollywood, la 75esima edizione degli Emmy Awards si è finalmente trasformata in una serata piena di nostalgia e di successi, con “Succession“, “The Bear” e “Beef” a dominare le rispettive categorie.

Succession e ” The Bear ” hanno portato a casa sei premi ciascuno, con “Beef” subito dietro di loro, incamerandone “solo” cinque. La serie drammatica della HBO ha ricevuto il suo terzo Emmy in quattro stagioni, essendo stato scavalcato soltanto una volta (nell’ultima stagione) da un altro peso massimo della HBO, “Il Trono di Spade“.

emmy

Succession, il grande vincitore

Succession” ha spopolato con le vittorie di Kieran Culkin e Sarah Snook, ognuno dei quali ha vinto nella categoria principale quest’anno dopo essersi precedentemente presentati come outsider. Entrambi hanno parlato del loro successo con le lacrime agli occhi (quello di Culkin dopo un bacio del collega Brian Cox), e sono stati raggiunti e festeggiati dal due volte vincitore, Mathew Macfadyen.

The Bear”, nel frattempo, si è classificato come il programma più premiato di quest’anno con 10 premi in tutto, comprese quattro precedenti vittorie ai Creative Arts Emmy, dedicate principalmente ad aree tecniche, come la cinematografia e il suono.

Una delle seconde classificate è stata un’altra serie, “The Last of Us“, che ha accumulato otto Creative Arts Emmy, inclusi i premi alle guest star Nick Offerman e Storm Reid.

Con “Succession” e “The Last of Us”, HBO ha vinto facilmente la battaglia sul migliore servizio di programmazione serale: un’impresa che la rete è riuscita a compiere per più di 20 anni, interrotta soltanto dal record di 44 Emmy di Netflix nel 2021 (entrambi avevano pareggiato nel 2018; poi è arrivato il Covid)

succession

HBO porta a casa 31 statuette, 9 più di Netflix

Complessivamente, HBO Max ha accumulato 31 statuette in questo ciclo di premi, seguita da Netflix con 22, mentre FX ne conta 16. I servizi di streaming Apple TV+ e Disney+ seguono, rispettivamente con 10 e 9  (CNN e HBO fanno entrambe parte di Warner Bros. Discovery)

Eppure la serata si è distinta sotto diversi aspetti, inclusa la sua diversità, con numerosi vincitori neri e asiatici, grazie alla serie Netflix Beef”, che ha vinto cinque premi, tra cui quelli assegnati alle star Ali Wong e Steven Yeun, responsabili dei dialoghi e della regia.

Una serata nostalgica

I produttori degli Emmy hanno cercato di rispettare l’aspetto nostalgico del 75° anniversario. Lo spettacolo ha avuto un inizio emozionante, con standing ovation per Christina Applegate (a cui è stata diagnosticata la sclerosi multipla) e la leggenda televisiva Carol Burnett; commoventi discorsi di ringraziamento sono stati lasciati in capo a Quinta Brunson e Ayo Edebiri per “Abbott Elementary” e “The Bear”, rispettivamente. Dopo quattro decenni, Brunson è diventata la prima donna nera riconosciuta come attrice comica protagonista. Mentre a Edebiri si sono subito uniti Jeremy Allen White e Ebon Moss-Bachrach

Niecy Nash-Betts ha anche conferito una forte nota politica all’evento, accettando il premio per “Monster: The Jeffrey Dahmer Story”, in nome delle donne nere che sono state “inascoltate e eccessivamente sorvegliate”.

In un momento storico, anche Elton John si è unito ai ranghi d’élite degli EGOT ( coloro che hanno vinto un Emmy, un Grammy, un Oscar e un Tony ) per il suo concerto speciale d’addio su Disney+.

elton john

Ascolti in picco a causa dei rinvii

A causa del rinvio, gli Emmy hanno seguito un po’ goffamente i Golden Globe e i Critics Choice Awards in rapida successione. Trasmessi quest’anno su Fox, i premi si sono dovuti confrontare anche con i playoff della NFL (di gran lunga la programmazione più popolare sulla televisione non a pagamento).

L’ultima volta che gli Emmy furono rinviati è stato nel 2001, dopo gli attentati dell’11 settembre. La Television Academy ha comunque annunciato i candidati a luglio e ha condotto la votazione prima della messa in onda originariamente prevista a settembre. Molte delle presentazioni hanno sottolineato l’importanza della scrittura, e il team di “Last Week Tonight” ha ringraziato gli attori di Hollywood per essersi radunati attorno alla Writers Guild of America durante il periodo di sciopero durato due anni.

Il Governors Award, al movimento LGBTQ

L’Accademia ha consegnato il suo Governors Award al GLAAD, il gruppo di difesa delle immagini LGBTQ nei media. La sua presidente, Sarah Kate Ellis, ha citato l’importanza della TV, definendo la libera visione un “antidoto” al bigottismo e alla malvagità della comunità.

Nei suoi discorsi, il creatore di “Succession”, Jesse Armstrong, ha anche citato il magnate della News Corp, Rupert Murdoch, come fonte di ispirazione per lo show (chiaramente su Fox, una rete di proprietà della compagnia) e ha scherzato sul fatto che la serie abbia sanato le divisioni partigiane degli USA. Nello specifico, Armtrong ha detto:

Questo è uno spettacolo sulla famiglia, ma anche sulla politica partigiana, poiché la copertura giornalistica partigiana si intreccia con la politica divisiva di destra, e dopo quattro stagioni di satira, a quanto ho capito, c’era un problema che ora abbiamo risolto (…) Quindi ora possiamo lasciare il palcoscenico.”

glaad

Tutti i premi

Ecco tutti i premi del gran galà della televisione.

Miglior serie drammatica: Succession;

Miglior serie commedia: The Bear;

Miglior miniserie: lo scontro;

Miglior regia di una serie drammatica: Mike Mylod Succession (episodio: Connor’s Wedding);

Miglior regia di una serie commedia: Christopher Storer The Bear (episodio: Review);

Miglior regia di una miniserie: Lee Sung Jin – Lo scontro (episodio: Figures of Light);

Miglior attore in una serie drammatica: Kieran Culkin (Succession);

Miglior attrice in una serie drammatica: Sarah Snook (Succession);

Miglior attore in una serie commedia: Jeremy Allen White (The Bear);

Miglior attrice in una serie commedia: Quinta Brunson (Abbott Elementary);

Miglior attore in una miniserie: Steven Yeun (Lo scontro);

Miglior attrice in una miniserie: Ali Wong (Lo scontro);

Miglior attore non protagonista in una serie drammatica: Matthew Macfadyen (Succession);

Miglior attrice non protagonista in una serie drammatica: Jennifer Coolidge (The White Lotus).

the bear

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *