Vai al contenuto

Una pillola per la fertilità: la nuova speranza della scienza

gravidanza

Un altro importante passo avanti della scienza in un campo molto particolare e delicato: la fertilità. Ecco di cosa si tratta!

Una nuova pillola potrebbe significativamente aumentare le probabilità di successo dei trattamenti di fecondazione in vitro. Questo farmaco innovativo, denominato OXO-001 e sviluppato dalla biotecnologica spagnola Oxolife, rappresenta una novità nel campo della medicina riproduttiva, poiché mira a migliorare l’impianto dell’embrione nell’utero.

fertilità

Come funziona OXO-001

OXO-001 è progettata per agire direttamente sul rivestimento interno dell’utero, rendendolo più ricettivo all’embrione durante il trattamento di fertilità. Sebbene Oxolife non abbia rivelato esattamente come funziona la pillola, ha indicato che essa favorisce l’espressione di molecole chiave che permettono all’embrione di fermarsi, invadere e completare l’impianto nell’endometrio.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Gli studi iniziali hanno mostrato risultati molto promettenti. In uno studio clinico di fase due, condotto tra settembre 2021 e gennaio 2023 in 28 centri di tutta Europa, sono state arruolate novantasei donne di età pari o inferiore a 40 anni. Queste donne, che stavano ricevendo trattamenti FIV o ICSI (iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi) con ovuli di donatrice, hanno assunto OXO-001 oppure un placebo due volte al giorno per un ciclo mestruale prima del trasferimento dell’embrione e per cinque settimane dopo.

I risultati hanno evidenziato che il 46,3% delle donne trattate con OXO-001 ha mostrato tassi di gravidanza in corso, misurati 10 settimane dopo il trasferimento dell’embrione, rispetto al 35,7% di quelle trattate con placebo. Questo aumento di quasi il 7% è stato considerato clinicamente significativo, suggerendo che OXO-001 potrebbe migliorare materialmente le probabilità di successo per chi cerca di avere un bambino attraverso la FIV.

gravidanza

Cosa significa questa novità

La scoperta è stata presentata al 40° incontro annuale della Società Europea di Riproduzione Umana ed Embriologia (ESHRE) ad Amsterdam, dove è stato anche riportato che il tasso di nati vivi è stato del 42,6% per le donne che hanno assunto OXO-001, rispetto al 35,7% tra quelle che hanno assunto il placebo. Questi dati sono stati pubblicati sulla rivista Human Reproduction, confermando la rilevanza clinica di questo nuovo approccio.

Gli effetti collaterali riscontrati nello studio sono stati simili tra il gruppo placebo e quello trattato con OXO-001. I sintomi più comuni includevano mal di testa, nausea, vomito, problemi gastrointestinali e vertigini, per lo più di intensità da lieve a moderata. Questo suggerisce che il nuovo farmaco è relativamente sicuro per l’uso nelle donne che cercano di migliorare le proprie probabilità di successo con la FIV.

Con questi risultati promettenti, Oxolife pianifica di avviare uno studio clinico di fase tre, che includerà un gruppo più ampio di donne, comprese quelle che utilizzano i propri ovuli. Questo passo è essenziale per confermare l’efficacia e la sicurezza del farmaco su una popolazione più vasta e diversificata.

incinto

Un passo avanti per la fertilità

La fecondazione in vitro è una procedura complessa e spesso stressante, con molte coppie che lottano per avere successo. Secondo il National Health Service (NHS) del Regno Unito, più di 8 coppie su 10 rimangono incinte entro un anno di rapporti sessuali regolari non protetti, ma per altre potrebbe volerci più tempo. La FIV diventa una soluzione cruciale per quelle coppie che, dopo un anno di tentativi, non riescono a concepire.

La FIV prevede la raccolta di un ovulo dalle ovaie della donna, che viene poi fecondato in laboratorio con lo sperma. L’embrione risultante viene trasferito nell’utero della donna per svilupparsi. Questo processo può essere effettuato utilizzando gli ovuli e lo sperma della coppia, oppure ovuli e spermatozoi di donatori.

Le linee guida del National Institute for Health and Care Excellence (NICE) raccomandano la FIV per le donne di età inferiore ai 43 anni che hanno tentato di rimanere incinte per almeno due anni attraverso rapporti sessuali regolari non protetti, o che hanno completato 12 cicli di inseminazione artificiale, di cui almeno sei utilizzando inseminazione intrauterina (IUI).

Le donne più giovani hanno maggiori probabilità di avere una gravidanza di successo attraverso la FIV. Tuttavia, per le donne di età superiore ai 42 anni, le probabilità di successo diminuiscono significativamente, motivo per cui la FIV non è generalmente raccomandata oltre questa età.

Fattori come l’inquinamento atmosferico possono influenzare il successo della FIV. Uno studio separato presentato all’ESHRE ha suggerito che le donne esposte a livelli elevati di inquinamento atmosferico prima di iniziare la FIV possono avere minori probabilità di un esito positivo. I ricercatori hanno esaminato i dati di 1.835 pazienti a Perth, in Australia, sottoposti a 2.155 cicli di FIV con trasferimenti di embrioni congelati su un periodo di otto anni. Hanno scoperto che l’esposizione a livelli elevati di particolato PM10 nelle due settimane precedenti il prelievo degli ovuli era associata a una riduzione del 38% delle probabilità di un parto vivo. Simili effetti negativi sono stati osservati con l’esposizione al PM2,5 nei tre mesi precedenti il prelievo degli ovuli.