Vai al contenuto

Il debutto da regista di Micaela Ramazzotti, un successo?

micaela ramazzotti

Dopo una carriera ventennale come attrice, Micaela Ramazzotti firma il suo debutto come regista del film “Felicità”. Il tema è un riflettore sulle fragilità dell’essere umano, tema a cui la Ramazzotti tiene molto. C’entrerà forse il suo divorzio dal regista Paolo Virzì?

La “Felicità” di Micaela Ramazzotti

Presentato a Orienti Extra, Felicità è stato girato a Roma, tra piazza Vittorio (e i suoi salotti chic) e la periferia di Fiumicino con i suoi grandi dormitori. La regista spiega:

Questo film io me lo sognavo anche di notte, nella mia fantasia la storia di una famiglia tossica, disfunzionale, con due figli fragilissimi e buoni ce l’avevo in testa, sapevo esattamente che percorso far fare a vittime e carnefici, tra le due anime buone e i loro genitori, la madre ossessiva, disturbata, morbosa con il maschio, il padre mitomane che sfrutta il lavoro della figlia per una carriera miserabile. E pensavo anche all’emancipazione che avrei fatto fare loro, alla mia Desiré. E poi il film sono riuscita a farlo“.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

La storia parla di Desiré-Ramazzotti che ha una famiglia disfunzionale con un padre showman sulle reti private, una madre casalinga e un fratello con problemi mentali acutizzati dalla vita castrante a cui i suoi genitori lo costringono. Lei è una parrucchiera che odia il contesto familiare da cui proviene, ma che aiuta fortemente. Con il suo essere stoica riuscirà anche a “svegliare” il fratello dal torpore a cui l’hanno costretto.

Ramazzotti continuerà a fare la regista?

L’esperienza da regista è stata talmente entusiasmante che Micaela ha detto: “Il mio mestiere è fare l’attrice, ma realizzare film da tue idee, facendo i sopralluoghi, scegliendo gli attori, scrivendo storie è qualcosa che voglio continuare a fare e infatti appunto ogni giorno cose su un mio quadernino e con le sceneggiatrici stiamo già buttando giù altre idee, sempre che il pubblico lo voglia“.

E parlando del suo debole per i personaggi fragili ha ribadito: “Ho un debole per le persone fragili, per le debolezze, per il disagio mentale, per le persone nate storte e difettate, quelle che quando si alzano la mattina hanno i moscerini nella testa e che hanno bisogno di aiuto“. Forse una frecciatina a questioni personali come la separazione dal regista Paolo Virzì dopo 14 anni di matrimonio? Non lo sappiamo, ma non ci resta che ammirare le sue prime prodezze da regista!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *