Vai al contenuto

Quanto riso a persona: una guida pratica per calcolare e pesarlo senza bilancia

quanto riso a persona

Se ti trovi spesso a chiederti “quanto riso dovrei cucinare per persona?” sei nel posto giusto. In questa guida, scoprirai come pesare il riso senza l’uso di una bilancia da cucina e imparerai a calcolare la quantità di riso ideale per ogni commensale.

Guida Rapida per calcolare quanto riso a persona

Per rendere le cose semplici, ecco una tabella di riferimento che ti aiuterà a calcolare la quantità di riso per persona:

  • 1 persona: 80 g
  • 2 persone: 160 g
  • 3 persone: 240 g
  • 4 persone: 320 g

In sostanza, si tratta di moltiplicare 80 g per il numero di persone a tavola. Questo ti permetterà di evitare di cucinare troppo riso, evitando così di doverlo mangiare per giorni, di cercare modi creativi per riutilizzarlo o, peggio ancora, di presentare porzioni insufficienti ai tuoi ospiti.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Da leggere: Insalata di riso? Ecco i 2 migliori condiriso del 2022 secondo il web

Fattori che Influenzano la Quantità di Riso per Persona

È importante notare che la quantità di riso per persona può variare a seconda di diversi fattori, come:

  1. L’appetito della persona.
  2. Il tipo di riso che si sta utilizzando.
  3. Le esigenze alimentari dell’individuo, come le intolleranze al glutine o la celiachia.

Pesare il Riso: crudo Vs cotto

Un punto fondamentale da sottolineare è che il riso va pesato a crudo, non da cotto o lavato. Questo perché il peso del riso cambia significativamente dopo la cottura o dopo essere stato lavato.

Ad esempio, 100 g di riso crudo corrispondono a circa 260 g di riso cotto in acqua bollente. Questa differenza di peso può portare a confusione quando si cerca di determinare la giusta quantità di riso da cucinare.

Come Pesare il Riso senza Bilancia

Se non hai a disposizione una bilancia, ci sono altri modi per pesare il riso utilizzando oggetti di uso comune. Ecco alcuni esempi:

  • Un bicchiere pieno di riso pesa circa 180 g.
  • Un cucchiaio pieno di riso pesa circa 20 g.
  • Un cucchiaino pieno di riso pesa circa 9 g.
  • Una tazza da caffè piena di riso pesa circa 60 g.

Se disponi di un misurino graduato, ricorda che 1 tazza media (o “cup”) equivale a 150 g di riso crudo o 80 g di riso cotto. Questo può essere molto utile quando si seguono ricette che usano le misure “cup” al posto del peso.

Ricorda: Meglio Abbondare che Scarseggiare

Quando si tratta di cucinare il riso, vale sempre il vecchio detto: “meglio abbondare che scarseggiare”. Se hai dubbi sulla quantità di riso da cucinare, è sempre meglio cucinarne un po’ di più piuttosto che rischiare di non averne abbastanza. Ricorda, è sempre possibile conservare il riso avanzato per un pasto futuro.

Ecco un elenco di alcuni dei migliori tipi di riso in base alle ricette che intendi preparare:

  • Riso Arborio – Questo riso a chicco corto è perfetto per preparare il risotto grazie alla sua capacità di assorbire i sapori e di mantenere una consistenza piacevole e cremosa.
  • Riso Basmati – Questo riso a chicco lungo è l’ideale per piatti indiani e mediorientali. Ha un profumo unico e una consistenza leggera e soffice quando cotto.
  • Riso Japonica (o Koshihikari) – Questo è il riso da sushi per eccellenza. Ha un chicco corto e diventa leggermente appiccicoso quando cotto, perfetto per mantenere il sushi unito.
  • Riso Jasmine – Questo riso a chicco lungo di origine tailandese è molto profumato e viene spesso utilizzato in piatti asiatici. Ha una consistenza leggermente appiccicosa quando cotto.
  • Riso Carnaroli – Un’altra scelta eccellente per il risotto, il riso Carnaroli ha un chicco più lungo dell’Arborio e mantiene una consistenza più soda dopo la cottura.
  • Riso Selvatico – Non è tecnicamente un riso, ma un’erba acquatica. È perfetto per insalate di riso o come contorno grazie alla sua consistenza ferma e al sapore terroso.
  • Riso Integrale – Questo riso è molto nutriente perché mantiene il suo guscio esterno. È perfetto per ricette salutari e richiede un tempo di cottura più lungo rispetto al riso bianco.

Ricorda che la scelta del riso può fare la differenza nel risultato finale del tuo piatto. Quindi, scegli attentamente in base alla ricetta che stai preparando.

Speriamo che questa guida ti sia stata utile per capire come calcolare la quantità di riso per persona e come pesarlo senza l’uso di una bilancia. Ricorda, queste sono solo linee guida generali e la quantità di riso per persona può variare a seconda delle circostanze. E tu come calcoli il riso senza usare la bilancia? Raccontacelo nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *