Vai al contenuto

In arrivo il documentario su “We Are The World”

We Are The World sta per uscire in versione documentario su Netflix e gli appassionati di musica non stanno più nella pelle. Scopriamo alcuni dettagli del progetto!

We Are The World: musica senza tempo

Il documentario di Bao Nguyen, presentato con successo al Sundance Film Festival, svela i segreti della notte del 25 gennaio 1985, quando 46 icone della musica si sono unite negli studi A&M di Los Angeles per registrare “We Are The World”. Capitanato da Lionel Richie e Michael Jackson, il supergruppo chiamato Usa for Africa ha creato un inno benefico che ha raccolto oltre 80 milioni di dollari per combattere la fame in Africa, in particolare in Etiopia durante una grave carestia.

we are the world1

Il motto del produttore Quincy Jones, “Lasciate l’ego fuori dalla porta”, ha permeato la registrazione di questa straordinaria canzone. Il documentario, che arriverà su Netflix il 29 gennaio, offre uno sguardo esclusivo dietro le quinte con filmati inediti, testimonianze emozionanti e interviste ai protagonisti.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Ma chi sono questi eroi della musica che hanno cambiato il corso della storia con la loro melodia unica? Parliamo di icone come Lionel Richie e Michael Jackson, i visionari che hanno guidato il progetto. Oltre a loro, c’erano Stevie Wonder, Tina Turner, Bob Dylan, Bruce Springsteen, Ray Charles, Diana Ross, Billy Joel, Cyndi Lauper, Harry Belafonte, Dionne Warwick, Paul Simon, Willie Nelson, Bette Midler, Steve Perry e Kenny Rogers. Questi giganti musicali, riuniti per una causa nobile, hanno creato un evento culturale globale che ha lasciato un’impronta indelebile nella storia della musica e ha portato speranza in un mondo che oggi potrebbe trovare difficile ritrovare.

we are the world 1

Il regista Bao Nguyen ha lavorato a stretto contatto con Lionel Richie, anche coproduttore del film, per offrire al pubblico un’immersione totale nella frenesia di quella notte memorabile. Grazie alle registrazioni audio del giornalista David Breskin, il documentario dà vita a momenti indelebili dietro le quinte, catturando l’entusiasmo, le incertezze e l’ansia vissuta dagli artisti.

Dietro le quinte con gli artisti

Tra le storie dietro le quinte, ricordiamo la telefonata di Harry Belafonte a Lionel Richie, che ha scatenato l’iniziativa, e il tentativo di coinvolgere Michael Jackson, compagno di lunga data di Richie. Il documentario cattura l’entusiasmo di Ray Charles, le incertezze di Bob Dylan risolte da Stevie Wonder e persino l’umile momento in cui Diana Ross chiede l’autografo a Daryl Hall.

we are the world2

Il film non si limita a narrare l’incredibile storia dietro la canzone, ma riflette anche sull’impatto culturale globale che “We Are The World” ha avuto. La coproduttrice Julia Nottingham sottolinea che l’uscita di quella canzone è stata un evento straordinario, reso possibile dall’unione di due geni del songwriting e da brillanti esperti di logistica.

Continua dopo gli annunci...

Con i contributi di artisti del calibro di Lionel Richie, Michael Jackson, Stevie Wonder, Tina Turner, Bob Dylan e molti altri, il documentario promette di essere un viaggio indimenticabile nel cuore di una notte che ha scritto una pagina indelebile nella storia della musica. Non perdere l’occasione di vivere questa esperienza unica quando il documentario arriva su Netflix il 29 gennaio.

Autore

Copywriter per passione dal 2014, amo l'arte in tutte le sue forme e potrei perdermi nei corridoi di un museo per ore. Laureata in infermieristica, ho finito con l'aprire uno studio fotografico. La coerenza? In fondo, non è tutto nella vita.View Author posts

Lascia un commento