Vai al contenuto

Via al Bonus revisione Auto 2023, come richiederlo?

bonus-revisione-2023

Via al Bonus Revisione Auto 2023, da quando?

Dalle ore 9.00 di lunedì 3 aprile è tornata disponibile la piattaforma del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che permette di richiedere il “bonus veicoli sicuri“. Parliamo di un piccolo contributo di circa 10 euro per chi farà la revisione auto nel corso del 2023. La somma viene erogata come compensazione all’aumento della tariffa per la revisione di veicoli a motore e rimorchi effettuata nei centri privati.

Perché il bonus e chi ne può usufruire?

Il Bonus è stato introdotto nella Legge di Bilancio 2021 e poi rinnovato per i successivi due anni. L’agevolazione nacque dopo che il primo novembre del 2021 la tassa per la revisione delle vetture subì un aumento di 12,14 euro (passando da 66,88 euro a 79,02 euro); il periodo post Covid e le conseguenti ristrettezze economiche degli italiani provocarono molte proteste e l’esecutivo decise di offrire un parziale rimborso per coloro che avrebbero dovuto pagare la revisione con l’aumento.

Il bonus spetta solo ai proprietari di vetture che devono effettuare la revisione nel 2023; per accedere al contributo di 9,95 euro, il richiedente deve essere iscritto sul libretto quale avente diritto. In caso di cointestazione, il contributo spetta a chi ha gli oneri giuridici del mezzo, cioè, il primo cointestatario sulla carta di circolazione della vettura. Tuttavia, è possibile richiedere un solo contributo per un solo veicolo e soltanto una volta per tutta la durata dell’iniziativa.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Fino a quando è valida l’agevolazione?

Il 2023 è l’ultimo anno valido per richiedere l’agevolazione, perché nel frattempo l’inflazione il caro vita hanno giustificato l’aumento del costo della prestazione a cadenza regolare. I proprietari delle vetture, che vorranno usufruire del contributo, hanno tempo fino al 31 di dicembre del 2023 per richiederlo al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sul portale Bonus Veicoli Sicuri, alla pagina https://www.bonusveicolisicuri.it/home/

Adempimenti per ottenere il bonus revisione auto

Gli interessati dovranno recarsi sulla pagina web che vi abbiamo indicato, muniti di Spid, Carta Nazionale dei Servizi o Carta d’Identità Elettronica. Una volta effettuato l’accesso, basterà inserire alcuni dati relativi alla vettura, come il numero di targa, patente, il giorno della revisione e il codice IBAN del conto corrente, su cui si vuole ricevere l’accredito della somma di 9,95 euro. Non è necessario allegare documenti o ricevute. Il pagamento sarà effettuato automaticamente dopo avere verificato i dati. I richiedenti potranno verificare lo status della domanda accedendo sul sito Bonus Veicoli Sicuri.

E’ importante tenere presente che l’identità digitale del richiedente dovrà corrispondere con quella del proprietario della vettura. Inoltre, non chiedete ai centri di revisione di fare da intermediari; non hanno alcun ruolo nella richiesta del bonus. La domanda deve essere inoltrata esclusivamente dall’intestatario del veicolo.

Altri bonus che potete richiedere

Come vedete, dalla redazione di Ultimedalweb cerchiamo di tenervi aggiornati su eventuali bonus e agevolazioni e continueremo a farlo. Speriamo di farvi cosa gradita nel ricordarvi altre iniziative ancora aperte di cui vi abbiamo già parlato. Se vi siete persi qualcuna, potete ancora fare domanda con un click!

Bonus bollette luce e gas per famiglie: come richiederlo

Bonus Trasporti 2023 in arrivo tra 30 giorni: leggi tutte le novità!

Bonus edilizi, tutte le modifiche in arrivo

Bonus 200 euro per i lavoratori, si può chiedere entro il 30 aprile

Bonus disoccupati 2023, fino a 1000 €: come fare domanda e chi può richiederlo subito

Bonus occhiali 2023. Richiedilo subito!

Bonus vacanze da 1400 euro: chi può richiederlo?

Tutti i Bonus Casa 2023 raccolti in una utile guida. Salva il link!

Le nuove regole per usufruire del bonus mobili 2023: anche elettrodomestici

Che cos’è il Bonus Raccolta Differenziata?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *