Vai al contenuto

Tutte le bufale sull’8 Marzo: perché la lotta per i diritti delle donne non deve essere offuscata da notizie false

le bufale sull 8 marzo

L’8 Marzo è un giorno di celebrazione per le donne ma anche un momento di riflessione. Partiamo con le bugie e le leggende metropolitane che puntualmente accompagnano questa data.

L’incendio alla fabbrica di donne

Eravamo bambini quando le maestre raccontavano la storia dell’8 Marzo. In giro esistono mille versioni ma, per sommi capi, il sunto è questo: un 8 marzo di una data non meglio specifica, centinaia di donne perirono durante un incendio in fabbrica, imprigionate dal perfido datore di lavoro per vendicarsi degli scioperi. Per ricordarle venne sancito che la stessa data sarebbe diventata un giorno a loro dedicato e da qui la Festa delle Donne. I più fantasiosi hanno condito il racconto anche con centinaia di mimose che nascevano sul terreno ove accaduto l’incendio, collegando quindi anche la scelta di questo fiore piuttosto che una betulla o un geranio. Ebbene, l’incendio c’è stato davvero ma non l’8 marzo, bensì il 25 marzo 1911. Ai tempi la giornata era anche già stata istituzionalizzata.

Da leggere: 8 marzo: entrata gratuita nei luoghi di cultura per le donne. Dove andare?

La violenta repressione della polizia contro le manifestanti

Un’altra fantasiosa leggenda metropolitana, fa risalire all’8 marzo un episodio storico: un gruppo di donne pestate dai poliziotti a causa dei loro motti femministi. In base alla persona, la polizia può essere di New York, di Chicago, di Boston o di qualsiasi altra città statunitense. Eppure non c’è alcuna traccia nelle fonti storiche di questo avvenimento per cui è un’altra bella storia usata per condire questo lieto giorno ma di cui nessuno sente l’effettivo bisogno.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Da leggere: La Rivoluzione è Donna: 5 italiane che hanno fatto la storia

La prima Giornata della Donna non è stata l’8 marzo

Nel 1907 divenne argomento del giorno il miglioramento della condizione delle donne, è questo l’anno dell’introduzione del suffragio universale femminile. La questione delle donne divenne talmente ingente da essere trattata come tema prioritario sia per quanto riguardava le discriminazioni sia per lo sfruttamento sul lavoro. Nel 1908 venne indetta una conferenza chiamata Woman’s Day ma è solo verso la fine dell’anno che si ebbe l’idea di organizzare una manifestazione per il voto delle donne. La data fu l’ultima domenica di febbraio, esattamente il 23 febbraio 1909. Fu questa la prima “Giornata delle Donne“. Un paio di anni dopo ci fu la vera istituzionalizzazione di un evento internazionale, ogni paese ha scelto una data a sé per cui viene festeggiato in momenti diversi. In Italia si è scelto l’8 marzo, a partire dal 1944. E questa è la storia di questa meravigliosa giornata che ha perso un po’ dei suoi valori iniziali, motivo per cui è importante divulgare quante più informazioni possibili che spingano donne e, soprattutto, uomini a una riflessione.

Da leggere: 25 frasi da inviare su whatsApp ad una donna per l’8 marzo, stupiscila!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *