Vai al contenuto

Come rimanere sani e salvi al freddo estremo, 7 consigli per non avere problemi di ipotermia

Come rimanere sani e salvi al freddo estremo

Siamo in inverno. Le temperature sono calate in tutto il Paese. Ultimamente, le notizie che ci arrivano dall’estero ci raccontano di episodi di freddo estremo. Ad esempio, gira sul web e riportano i giornali la notizia che a Chicago le macchine elettriche sono rimaste “in panne”. Non riescono nemmeno a ricaricarsi. Un vero dramma. Tra l’altro, negli ultimi anni, i tassi di mortalità negli Stati Uniti sono stati dall’8% al 12% più alti durante i mesi invernali, secondo i dati sulla mortalità dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

E voi? Siete pronti ad affrontare temperature polari? In questo post vi raccontiamo come fare a rimanere indenni di fronte al termometro che cala inesorabilmente. Guardate!

freddo

Per approfondire:

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Inverno, perché negli igloo si vive con 17° e noi abbiamo freddo?

Farmaci per il raffreddore a rischio infarto: è allarme! Non usateli!

I berretti, accessori contro il freddo o icone di stile? I più glamour dell’inverno 2023 – 2024

Il freddo e la salute non vanno d’accordo

Le tempeste invernali possono sconvolgere i nostri programmi giornalieri e anche i nostri programmi di viaggio, ma anche il freddo estremo, la pioggia gelata, il vento e la neve possono influire sulla nostra salute. Al punto da farci veramente temere per il nostro futuro. Di fatto, negli Stati Uniti, secondo i certificati di morte, dal 1979 più di 19.000 americani sono morti specificamente per cause legate al raffreddore. Un dato da fare paura!

Per evitare una strage, oltre a preparare la casa e l’auto per il clima invernale, ci sono alcune misure che potete adottare per mantenere voi stessi e i vostri cari in salute quando fa molto freddo. Lo vediamo di seguito:

1) Prendersi cura dei bambini e degli anziani

I neonati e gli anziani dovrebbero essere al primo posto quando si scatena una tempesta invernale, secondo il dottor Tyler Barrett, direttore medico esecutivo dei servizi di emergenza presso il Vanderbilt University Hospital di Nashville.

tyler barrett
Tyler Barrett

Secondo il dottore Barrett: “i neonati e gli anziani hanno difficoltà a mantenere la temperatura corporea interna, perché i bambini perdono calore corporeo più facilmente e gli anziani tendono a produrre meno calore corporeo. L’ipotermia si verifica quando il corpo inizia a perdere calore più velocemente di quanto possa essere prodotto“.

Barrett rileva che il rischio di ipotermia aumenta quando la temperatura all’interno di una casa scende sotto i 10 gradi per un periodo di tempo prolungato. Pertanto, assicuratevi che i bambini di età inferiore a 1 anno dormano in stanze calde. Allo stesso modo, se avete amici o vicini di età superiore ai 65 anni, controllateli frequentemente per assicurarvi che siano al caldo.

Gli animali domestici devono rimanere all’interno delle abitazioni

Cercate di tenere gli animali domestici in casa durante la stagione fredda, ma se escono all’aperto, pulite accuratamente le loro zampette e il ventre per liberarli dalla neve quando entrano in casa.

freddo
freddo

2) Rimanere al sicuro in casa

Non utilizzare mai generatori, griglie a gas o carbone o stufe a legna all’interno della casa. I fumi di questi dispositivi possono causare l’accumulo di monossido di carbonio (sempre secondo Barrett), e il gas inodore e incolore può uccidere. Il dottore raccomanda: “se utilizzate qualsiasi tipo di riscaldatore, fate sempre attenzione al monossido di carbonio: munitevi di un rilevatore di monossido di carbonio in casa“.

Anche l’uso del fornello della cucina per riscaldarsi non è sicuro, avverte il CDC ; meglio utilizzare invece coperte, sacchi a pelo o cappotti extra. Un caminetto ben mantenuto o una stufa portatile possono essere un’alternativa più sicura agli apparecchi non controllati.

infreddolita
donna infreddolita

3) Rafforzare il guardaroba invernale

Se possibile, evitate di viaggiare su strade ghiacciate. Se siete bloccati all’aperto e avete un veicolo, è più sicuro restare al suo interno per prevenire l’ipotermia, secondo il Servizio meteorologico nazionale. Se dovete spalare la neve o svolgere altri lavori all’aperto, prendetevi il ​​vostro tempo e lavorate lentamente. Evitate di camminare sul ghiaccio e di bagnarvi.

Viaggiate sempre in coppia e tenete un kit di emergenza a portata di mano, così come un telefono cellulare, quando partecipate ad attività ricreative all’aperto come lo sci, lo slittino o una corsa.

berretti chanel

4) Pericoli di congelamento e ipotermia, usare il calore corporeo

Se avete bisogno di avventurarvi fuori durante una tempesta invernale, limitate il tempo che trascorrete all’aperto per prevenire congelamento o ipotermia. Secondo Barrett, dovreste “vestitevi con strati caldi e asciutti, con particolare attenzione alla protezione delle aree più sensibili come le orecchie, il naso, le guance, le dita dei piedi, le dita (….) Quelle sono le aree che corrono un rischio maggiore di sviluppare congelamento“.

Il congelamento può verificarsi a temperature gelide quando i vasi sanguigni si restringono, la temperatura della pelle diminuisce e si formano cristalli di ghiaccio intorno e all’interno delle cellule, causando danni. I sintomi si verificano con la pelle bianca o giallo-grigiastra che appare insolitamente soda e comprende l’intorpidimento della zona interessata. Se voi o qualcuno che conoscete sviluppate congelamento e non sono disponibili cure mediche immediate, entrate in una stanza calda il prima possibile e immergete l’area interessata in acqua tiepida, non calda. Potete anche riscaldare l’area interessata usando il calore corporeo.

ghiaccio
ghiaccio

L’ipotermia, una condizione da non sottovalutare

L‘ipotermia è una condizione medica più grave che richiede assistenza medica di emergenza. Qualcuno con ipotermia può tremare eccessivamente o avere la pelle rosso vivo e fredda. Altri segni includono: confusione, perdita di memoria, difficoltà di parola e sonnolenza. Se non potete andare subito in ospedale, trovate una stanza calda o un riparo e rimuovete gli indumenti bagnati. Riscaldate subito il centro del corpo (petto, collo e testa) con il contatto pelle a pelle sotto strati sciolti e asciutti. Le bevande calde possono anche aiutare ad aumentare la temperatura corporea.

5) Rimanere idratati è assolutamente indispensabile

A temperature estremamente fredde, la nostra pelle può diventare molto secca e screpolata se non adeguatamente idratata. Il prof Barret insiste: “avete un rischio maggiore di sviluppare infezioni della pelle (…) i batteri vivono sulla nostra pelle e la vostra pelle funge da barriera, impedendo ai batteri di infettarvi: quindi, se vi viene la pelle secca e screpolata, il rischio è leggermente maggiore“.

Pertanto, il consiglio è di utilizzare acqua tiepida anziché calda durante il bagno e la doccia per evitare che la condizione della pelle secca peggiori. L’American Academy of Dermatology consiglia di applicare una crema idratante immediatamente dopo la doccia per intrappolare l’umidità esistente nella pelle. Un unguento o una crema potrebbero essere più utili delle lozioni con profumi o aromi intensi.

Le persone che soffrono di eczema possono manifestare un aumento delle riacutizzazioni durante l’inverno“, ha detto Barrett, aggiungendo che coloro che soffrono di patologie cutanee legate all’inverno dovrebbero parlare con il proprio medico di base per ulteriori indicazioni e trattamenti.

bourjois healthy mix fondotinta idratante illuminante 24 ore

6) Freddo estremo e polmoni

L’aria più fredda e secca può causare complicazioni alle persone con malattie respiratorie come influenza, Covid-19 e RSV, irritando le vie aeree e causando respiro sibilante, tosse e affanno. Le vaccinazioni annuali sono importanti, soprattutto quelle contro l’influenza e il Covid-19, per aiutare a prevenire queste complicazioni. Secondo il CDC , il vaccino antinfluenzale riduce il rischio di dover andare dal medico in caso di influenza dal 40% al 60% dei casi.

Anche le persone con malattie polmonari come l’asma sono a rischio di complicazioni dovute al freddo a causa dell’infiammazione dei polmoni. Secondo Barrett: “se soffrite di asma e dovete stare fuori, cercate di limitare la respirazione di quell’aria fredda, sia indossando una sciarpa o semplicemente limitando il tempo che trascorrete all’aperto“. Le persone con asma dovrebbero anche tenere sempre con sé un inalatore di salvataggio.

7) Rischi cardiovascolari, meglio non spalare la neve

Il clima gelido può influenzare il cuore, soprattutto se si soffre di malattie cardiovascolari, restringendo i vasi sanguigni. Ciò può mettere sotto stress il cuore: “spalare la neve è un esempio in cui vediamo persone che hanno malattie cardiache, o fattori di rischio per malattie cardiache, esercitarsi più di quanto farebbero altrimenti“, dice il dottor Reed Caldwell, assistente professore presso il Dipartimento di medicina d’urgenza di Ronald O. Perelman presso l’Università di Washington.

Continua dopo gli annunci...

In uno studio del 2010 pubblicato sul BMJ, si è dimostrato che un calo della temperatura è stato associato a un aumento cumulativo del 2% del rischio di infarto. Le persone che soffrono di problemi cardiaci o addirittura di pressione alta dovrebbero evitare attività faticose come spalare o fare troppo esercizio fisico.

cuore artificiale
Autore

Ana nasce in Spagna, si laurea a 22 anni in Scienze Liguistiche e della Comunicazione. Dopo un'esperienza nel Regno Unito si trasferisce a Trieste, dove vive tuttora. Ha maturato esperienza come consulente aziendale e collaborato con diverse case editrici. Ha pubblicato cinque libri ed è copyrighter e Search Quality Rater.View Author posts

Lascia un commento