Vai al contenuto

Primo supermercato senza casse in Italia, con lettori intelligenti: 2 protagonisti, Dao e Nexi

supermercato senza casse

Primo supermercato senza casse

Ultimamente vi abbiamo parlato da ultimedalweb di supermercati dove fare la spesa risparmiando, ma anche di quelli online, considerati da Altroconsumo molto performanti. Anche oggi vi parliamo di supermercati; anzi, di un supermercato che ha aperto i battenti oggi, 8 di novembre, e che è una completa novità in Italia. Perché? Ve lo raccontiamo in questo post!

supermercato senza casse

Per approfondire:

Spesa alimentare online, migliori siti e supermercati 2023, affrettatevi all’acquisto!

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

I migliori supermercati del 2023, dove risparmiare di piu?

Un supermercato con lettori intelligenti affiancato da Nexi

La protagonista di questo post è la cooperativa trentina Dao, che ha aperto a Verona il primo supermercato senza casse. Oggi è stato inaugurato un punto vendita con insegna “TuDay Conad” e ha in programma una seconda apertura a Trento nei primi mesi del 2024. L’infrastruttura tecnologica per la realizzazione di un flusso di pagamento digitale è stata fornita da Nexi.

Si può affermare che oggi il settore della grande distribuzione ha fatto un passo in avanti nel campo della tecnologia. Decisamente. E l’iniziativa fa subito parlare sul web. Della serie: ci saranno altre realtà che copieranno questa innovativa idea o si tornerà a ricorrere alle cassiere con tanto di cassetta metallica e chiavetta? Intanto, anche se questo tipo di supermercato è una novità in Italia, esiste già in altri Paesi, come gli Stati Uniti e la Cina, dove gli store funzionano benissimo e sono molto popolari.

Dao

Metti le merendine in tasca e infila il tonno in borsetta; poi paga in modalità “smart”

Il supermercato si avvale di una tecnologia avanzata che permette ai clienti di scegliere i prodotti dagli scaffali e uscire senza passare dalla cassa. I prodotti vengono riconosciuti da telecamere e sensori e aggiunti a un carrello virtuale. Se si vuole, si possono infilare i prodotti negli zaini, le borse o le tasche. Telecamere e bilance “intelligenti” riconoscono quanto scelto da ogni cliente, che può visualizzare gli acquisti su appositi totem una volta raggiunta l’area di pagamento.

Qui il saldo avviene in modo esclusivamente digitale: sarà possibile pagare con carte di credito di ogni circuito oppure con la app “Tuday Prendi & Vai“.

tuday prendi e vai

Il ruolo di Nexi

Per concludere il pagamento basterà scansionare il QR code generato in app sotto i totem di uscita. L’identificazione dei prodotti comprati dal cliente e la procedura di addebito vengono gestiti da XPay, il gateway di pagamento di Nexi.

Dirk Pinamonti, Head of ecommerce Italia e Grecia di Nexi ha dichiarato che “questo progetto è un’altra prova concreta della nostra capacità di offrire esperienze d’acquisto pratiche e innovative delle quali il pagamento diventa una parte integrante, sempre più comodo e veloce, oltre che sicuro (…) Investiamo costantemente in tecnologia proprio per mettere a disposizione del mercato le migliori soluzioni possibili, capaci di rispondere ai nuovi trend di mercato: siamo orgogliosi che una cooperativa così radicata sul territorio e aperta all’innovazione come DAO abbia scelto la nostra infrastruttura per realizzare i primi supermarket senza casse in Italia“.

La Dao, una cooperativa affidabile con un volume di affari da 600 milioni di euro

Questa è una nuova sfida per la Dao, che ha oltre 200 punti vendita, l’80% dei quali si trova tra Trentino e Alto Adige. Nel 2022 il fatturato è stato di più di 600 milioni di euro e il 2023 dovrebbe portare alle case dell’azienda qualche soddisfazione in più.

Il direttore generale, Alessandro Penasa, dichiara: “Non ci piace fare terra bruciata attorno a noi. Si tratta di punti vendita che possono stare anche nelle valli, che non spostano troppo le persone e che si inseriscono nel tessuto sociale. Punti vendita che possono guardare al futuro mantenendo i legami col territorio”.

E, appunto, parlando di futuro, il manager si dice soddisfatto della nuova iniziativa aziendale: “Aprire il primo autonomous store italiano è per noi di DAO, la più piccola delle Cooperative della famiglia CONAD, motivo di grande soddisfazione e orgoglio. Lo è perché è un passo importante che realizziamo con il nostro stile: nella relazione col territorio, fatta anche di piccoli negozi di prossimità, e nelle relazioni stabili che costruiamo con i nostri stakeholders. Abbiamo centrato l’obiettivo contando su una grande squadra.

alessandro penasa
Alessandro Penasa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *