Vai al contenuto

Giornata Mondiale della Pizza: festeggia con la pizza fritta fatta in casa!

Oggi si celebra la Giornata Mondiale della Pizza! È il momento perfetto per immergersi nella storia, la cultura e, naturalmente, il sapore irresistibile della pizza in tutte le sue sfumature. Oggi vi proponiamo, però, la versione fritta, tipica napoletana.

giornata mondiale della pizza

Giornata Mondiale della Pizza

La Giornata Mondiale della Pizza è nata da una passione condivisa per questo piatto irresistibile che conquista i cuori di persone in tutto il mondo. Le origini di questa giornata risalgono al 1984, quando l’allora Segretario Generale dell’Associazione dei Pizzaioli Napoletani, il giornalista Gaetano Ciaravola, propose l’idea di una giornata speciale per celebrare la pizza in tutte le sue forme e varietà.

La proposta fu accolta con entusiasmo e il 17 gennaio fu scelto come giorno ufficiale per celebrare la Giornata Mondiale della Pizza, in onore della pizza margherita, un classico intramontabile. Questa data è stata scelta per commemorare la visita della Regina Margherita di Savoia a Napoli nel 1889, durante la quale il pizzaiolo Raffaele Esposito creò la pizza margherita in suo onore. La margherita, con i suoi colori che ricordano la bandiera italiana (rosso pomodoro, bianco mozzarella e verde basilico), è diventata un simbolo della tradizione e dell’arte pizzaiola.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

giornata mondiale della pizza1

Da quel momento, la Giornata Mondiale della Pizza è cresciuta in popolarità, coinvolgendo appassionati, pizzaioli e appassionati di cucina di tutto il mondo. Questa festività è un’occasione speciale per apprezzare la diversità di gusti, forme e stili di pizza che arricchiscono le tavole di milioni di persone ogni giorno. La sua diffusione è testimone dell’amore universale per questo piatto straordinario e della sua capacità di unire le persone attraverso la gioia del buon cibo.

Fate largo alla Pizza Fritta

Tra le prelibatezze dello street food partenopeo regna sovrana la pizza fritta: una versione più grande e più ricca delle tipiche pizzelle fritte! Se è pur vero che solo a Napoli potrete assaggiare la vera pizza fritta, ecco la versione più casalinga per gustare questo sfizio irresistibile a casa vostra. Basterà preparare il classico impasto della pizza e farcirlo con un ricco e saporito ripieno che vi conquisterà al primo morso.

giornata mondiale della pizza2

Ingredienti

  • 500 g di farina Manitoba;
  • 320 g di acqua;
  • 2 g di lievito di birra secco (o 7 g di lievito di birra fresco);
  • 10 g di sale fino;
  • 300 g di ricotta di bufala;
  • 100 g di provola;
  • 200 g di pomodori pelati;
  • 60 g di salame tipo Napoli;
  • 8 foglie di basilico;
  • sale fino q.b.;
  • pepe nero q.b..

Per le operazioni di frittura occorreranno 1,3 l di olio di semi.

Preparazione

Per realizzare la pizza fritta, inizia versando nella tua planetaria munita di gancio la farina setacciata e il lievito di birra secco (o lievito di birra fresco). Unisci 1/4 dell’acqua dalla dose totale e aziona la planetaria. Continua ad aggiungere l’acqua gradualmente mentre la planetaria è in azione, assicurandoti che il liquido venga ben assorbito prima di aggiungerne altro. Quando hai versato i tre quarti della dose totale di acqua, aggiungi anche il sale, continuando ad impastare. Versa il resto dell’acqua a filo e lascia lavorare fino a ottenere un impasto liscio.

Estrai l’impasto dalla planetaria, ponilo su un piano infarinato, stendilo leggermente con le tue mani, poi ripiega i lembi verso il centro e ripiega il panetto su se stesso per dargli una forma sferica.

giornata mondiale della pizza3

Trasferisci l’impasto in una ciotola, coprilo con pellicola e lascialo lievitare nel forno spento con la luce accesa a 25-28°C fino a triplicare il volume (circa 3 ore). Una volta trascorso il tempo, recupera l’impasto, trasferiscilo su una spianatoia, forma un filone e dividilo in 4 parti uguali. Lavora ogni pezzo formando delle palline, trasferiscile su un vassoio distanziandole, copri con pellicola e lascia lievitare per altre 3 ore. Nel frattempo, prepara il ripieno: taglia il salame e la provola a cubetti, lavora la ricotta per renderla cremosa.

Continua dopo gli annunci...

Dopo la lievitazione, stendi le palline su una spianatoia infarinata, creando dischi di circa 30 cm di diametro. Prepara il ripieno usando 1/4 delle dosi per ogni pizza, lasciando bordi liberi. Stendi la ricotta, schiaccia i pomodori pelati, aggiungi salame, provola, basilico, sale e pepe. Ripiega la metà del disco non farcita per creare una mezza luna, sigilla bene i bordi. Scalda l’olio a 170°C e friggi le pizze una alla volta, girandole per una cottura uniforme. Scola e adagia su uno scolapasta o carta assorbente. La pizza fritta è pronta per essere gustata calda.

Autore

Copywriter per passione dal 2014, amo l'arte in tutte le sue forme e potrei perdermi nei corridoi di un museo per ore. Laureata in infermieristica, ho finito con l'aprire uno studio fotografico. La coerenza? In fondo, non è tutto nella vita.View Author posts

Lascia un commento