Vai al contenuto

Concorsi Agenzia delle Entrate e interpello nazionale 2023: 4.500 assunzioni e 9.739 vacanti

concorsi agenzia delle Entrate

Concorsi Agenzia delle Entrate 2023

Quando si parla di lavoro e di occupazione, da ultimedalweb tiriamo un sospiro di sollievo. In questo caso parliamo di concorsi pubblici. Di fatto, il Fisco si rinforza. Nel complesso, l’Agenzia delle Entrate punta ad assumere 11 mila unità di personale entro la fine del 2024. Per adesso, due concorsi consentiranno a 4.500 persone di lavorare per lo Stato (o di cambiare posizione). I posti vacanti si concentrano soprattutto al Nord. Ieri, 27 di luglio, è stato pubblicato il bando sul portale dell’Agenzia delle entrate.

Dall’altra parte, oggi, 28 di luglio è stato presentato nel sito della Giustizia, un avviso riguardante l’interpello ordinario nazionale per 9.739 posti vacanti. Vediamo in che cosa consistono i bandi.

Per approfondire:

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Marzo al via con tante opportunità: i migliori bandi e concorsi in arrivo

Nuove assunzioni a Roma, maxi concorso per 1.500 persone

Posizioni aperte: 3.970 funzionari tributari e 530 per i servizi di pubblicità immobiliare

L’Agenzia è pronta ad assumere a tempo indeterminato 3.970 funzionari (laureati) da destinare alle attività tributarie e 530 ai servizi di pubblicità immobiliare.

I primi saranno impiegati nell’assistenza e nella consulenza ai contribuenti, collaboreranno alla gestione e all’erogazione dei servizi, alle attività di analisi sugli illeciti fiscali, alle attività di verifica e ai controlli. Si occuperanno inoltre delle attività legate al contenzioso e alla riscossione.

I secondi si occuperanno delle attività di aggiornamento e conservazione dei registri immobiliari. Ai neo assunti sarà richiesto di operare nell’assistenza e nella consulenza ai cittadini, di collaborare alle attività di aggiornamento e conservazione delle banche dati di pubblicità immobiliare e di svolgere attività di monitoraggio.

Funzionari richiesti per Regione

Dei 3.970 funzionari che verranno assunti, ben 900 saranno destinati alla Direzione regionale della Lombardia, 800 saranno ripartiti fra la Dr Lazio e gli uffici centrali, mentre 680 saranno assegnati alla Direzione regionale del Veneto. A seguire, le Dr Emilia-Romagna e Piemonte, che potranno contare ciascuna su 350 “nuove leve” e la Toscana, cui saranno destinati 330 giovani vincitori. Si rafforzeranno anche le “piccole” Direzioni provinciali di Trento e Bolzano, rispettivamente con 20 e 30 nuovi assunti.

Dei 530 dedicati ai sersvizi di pubblicità immobiliari, 86 andranno in Lombardia, mentre 50 (per ogni regione) saranno assegnati al Lazio e gli uffici centrali, il Veneto, il Piemonte e la Toscana.

Titoli di studio richiesti

Tra i titoli di studio richiesti, dettagliatamente indicati sul bando, per i funzionari destinati alle attività tributarie serve una laurea triennale in Scienze dei servizi giuridici, Scienze dell’Amministrazione e dell’Organizzazione, Scienze politiche e delle relazioni internazionali, Scienze economiche, Scienze dell’Economia e della gestione aziendale oppure un diploma di laurea in Giurisprudenza, Scienze politiche, Economia e commercio (o di una laurea specialistica o magistrale equiparata)

Per i funzionari dedicati ai servizi di pubblicità immobiliari, occorre essere in possesso di una laurea triennale in Scienze dei servizi giuridici oppure di un diploma di laurea in Giurisprudenza (o di una laurea specialistica o magistrale equiparata).

Entro quando si può inoltrare la domanda e come?

Le domande di partecipazione devono essere presentate entro le ore 23.59 del trentesimo giorno successivo a quello della pubblicazione dei due bandi, quindi entro il prossimo 26 agosto, tramite il Portale unico del reclutamento “inPA” (https://www.inpa.gov.it/). Già il 4 settembre saranno fornite indicazioni sulla prova scritta.

La domanda per una sola Regione

I candidati potranno indicare una sola Regione dove essere collocati. Chi non rispetterà la regola verrà escluso odalle selezioni.

Giustizia, interpello nazionale per 9.739 posti vacanti

E’ stato pubblicato, nel sito dellaGiustizia, un avviso riguardante l‘interpello ordinario nazionale per n. 9.739 posti vacanti rivolto al personale dell’organizzazione giudiziaria ai sensi dell’art. 4 dell’accordo sindacale del 15 luglio 2020.

Chi può fare domanda?

È legittimato a partecipare all’interpello tutto il personale dell’organizzazione giudiziaria appartenente ai profili professionali dei posti messi a bando, con l’esclusione del personale di nuova nomina.

Come fare domanda ed entro quale scadenza?

La domanda di trasferimento andrà presentata esclusivamente tramite procedura telematica dal 28 luglio 2023, collegandosi al link di accesso alla piattaforma informatica https://pmg-portal.cdp-sup.giustizia.it/pmg/#/app/loginentro e non oltre le ore 23.59 minuti e 59 secondi del 20 settembre 2023. Non sarà possibile apportare modifiche o correzioni o integrazioni alla domanda e agli allegati dopo tale data

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *