Vai al contenuto

Le patatine fritte fanno venire l’ansia?

patatine fritte

Gli amanti del junk food possono preparare i loro fazzoletti, secondo un recente studio le patatine fritte fanno venire l’ansia. Sembrerebbe quasi un paradosso, eppure è la realtà. Cerchiamo di scoprirne i motivi.

Lo studio sulle patatine fritte

È lo studio condotto dalla storica università di medicina cinese Zhejiang University su un campione di 140.728 soggetti ad aver ottenuto questo risultato. I dati hanno rivelato come le patatine fritte (e il cibo fritto in generale) aumenti del 12% il rischio di ansia e del 7% la probabilità di incorrere in uno stato depressivo, con una maggiore incidenza nei soggetti maschi e giovani.

La motivazione è legata all’acrilamide, una sostanza presente all’interno del cibo fritto che provoca conseguenze associabili all‘ansia e alla depressione. Prima di questo studio, ne è stato fatto uno sui pesci zebra: questi, dopo un’esposizione a lungo all’acrilamide, tendevano a evitare la luce e aggrapparsi ai bordi del recipiente. Un comportamento molto strano che ha fatto pensare i ricercatori.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

L’acrilamide provoca la riduzione di un gene che regola l’equilibrio della barriera emato-encefalica, con un’esposizione a lungo termine si ha un’alterazione del metabolismo dei lipidi all’interno del cervello e ciò comporta un incremento dei sintomi di depressione e ansia. Allo stesso modo, anche negli esseri umani assumere troppa acrilamide potrebbe avere una ripercussione sul metabolismo dei lipidi nel cervello e attivare un’infiammazione di quest’ultimo, con conseguente ansia e depressione. Il Junk Food si conferma, quindi, cibo spazzatura; molto dannoso per l’organismo e con un ulteriore impatto negativo sulla salute psicologica. Il proposito è ridurre per quanto possibile l’assunzione di questo alimento e dei cibi fritti in generale.

La quantità giusta di patatine fritte

A questo punto verrebbe da chiedere quale sia la quantità giusta di patatine fritte da mangiare come contorno. Il New York Times ci ha già pensato e ha pubblicato la risposta di un nutrizionista dell’università di Harvard che ha scritto “la quantità ideale di patatine da mangiare è di 6 pezzi”. Questa risposta ha suscitato diverse polemiche in quanto sono davvero poche, eppure si tratta di un piatto ricco di amido e che si trasforma velocissimamente in zucchero nel sangue. Proprio per questo sarebbe bene ridurlo quanto più possibile e mangiare le patatine solo durante le occasioni di festa.

Certo non bisogna mangiarne solo sei, ma una piccola porzione è abbastanza. Senza dimenticare di mangiare tante verdure nel pasto precedente o successivo, in modo da equilibrare questa assunzione e salvaguardare il benessere dell’organismo. In alternativa, è bene optare per una cottura senza olio, magari usando una friggitrice ad aria. Il risultato sarà ugualmente gustoso e farà meno danni rispetto alla variante con l’olio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *