Vai al contenuto

Lavoro via WhatsApp: 3578 euro al mese per un part time, cosa devi fare? Attenzione!

lavoro via whatsapp

Lavoro via WhatsApp, come trovarlo? Anzi, come trovano te?

Spesso vi parliamo delle applicazioni e della loro forza; ce ne sono per tutti i gusti e per tutti i consumatori, di ogni età, genere e profilo. Spesso, utilissime, richiedono un minimo di controllo. Anche se vi parliamo delle app per acquisti convenienti o di quelle per fare attività sportiva, ci concentriamo spesso su WhatsApp perché è una delle applicazioni-social più usate. A volte vi lanciamo avvertimenti; altre, vi parliamo delle sue potenzialità.

Oggi, in questo post vi parliamo di quello che vi può accadere quando cercate lavoro e, tutto ad un tratto, vi compare su whatsApp la magica domanda: “cerchi lavoro? Ho una proposta per te; solo se vuoi guadagnare €3578 al mese per un lavoro part time“. Lo volete davvero? Vediamo cosa risponderete quando avrò finito di raccontarvi quello che dovreste fare.

lavoro via whatsapp

Per approfondire:

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

WhatsApp, 3 funzioni nascoste e utilissime per sfruttare al massimo il social, inizia a usarle!

Truffa whatsApp e nuove funzionalità, evita il furto dell’account con un messaggio

La ricerca di lavoro in rete e il CV online

In un’epoca meno tecnologica di quella attuale, si trovava spesso lavoro tramite il passaparola o le conoscenze. Se non si avevano, si faceva a piedi (o in bus) il giro del quartiere/città e si portava il curriculum scritto a mano laddove si ambiva di trovare un posto adatto alle proprie conoscenze e aspirazioni. Oggi, questo è impensabile. La rete è piena di opportunità a portata di click.

Spesso, le aziende di somministrazione di manodopera (Adecco, Ranstad, Manpower, tra le più note) propongono nelle loro pagine web un’iscrizione gratuita con l’inserimento del Curriculum Vitae e i dati di contatto. In questo link troverete l’elenco di quelle autorizzate.

In alternativa, esiste anche la pagina “lavora con noi” di moltissime aziende (spesso grandi) che tramite il blog o la pagina web fanno ricerca di personale.

Perciò, nulla più semplice di iscriversi, mandare la propria candidatura e attendere una chiamata o un’email di contatto. Meglio se nella zona dove abitiamo.

E allora, dove sta l‘inghippo? Ecco quello che succede! Tramite le piattaforme social (come linkedin) o alcune agenzie “indipendenti” vengono spesso pubblicizzate opportunità di lavoro fasulle. Cioè, la piattaforma non lo sa, ma il profilo del datore di lavoro è finto e l’annuncio ha l’unico scopo di carpire i dati del malcapitato che, in cerca di lavoro, si affida all’annuncio. Chiaramente, il fasullo datore di lavoro cerca persone con un profilo con le caratteristiche adatte ai propri obiettivi. Anzi, più che le persone, cerca i loro dati! Ma non solo. Continuate a leggere!

curriculum vitae europeo zety italy
Modello di CV europeo

Un’opportunità unica per guadagnare fino a 30000 euro al mese, davvero?

Vi raccontiamo una delle ultime “trovate” (anche se ce ne sono di tutti i colori) per accalappiare ignare casalinghe quanto ingegneri. Se vi pare incredibile, fidatevi: è tutto vero. Guardate come funziona il meccanismo.

L’aspirante “datore di lavoro” contatta via whatsApp la persona che ha inviato il proprio CV per una posizione appetibile, presentandosi come un operatore di una nota agenzia di collocamento. Chiede se c’è ancora interesse per il lavoro e, gentilmente, spiega che purtroppo quella posizione non è più attuale, ma poiché ci sono molte altre vacanti, chiederà ad un suo (sedicente) collega di mandare un messaggio segnalando le opportunità aperte.

Lo stipendio parte da 1200 euro per 5 giorni fino a 30.000 per 30 giornate comode

Il tutto dopo avere chiesto permesso per l’utilizzo del dato e dopo avere indicato che lo stipendio base va da 1200-2000 euro per cinque giorni di lavoro e da 10000 a 30000 euro per 30. A quel punto la cosa non è più credibile, ma nessuno vi ha chiesto di cliccare su un link e non pare un caso di phishing, smishing, vishing, quishing. Attendete il contatto, che arriva puntualmente.

L’attività in rete, anche su smartphone tramite App

Il sedicente collega vi invia un’immagine da dove si evince che la società per la quale sarebbe aperta la posizione si chiama Flowerpress – Creative studio, ha la sede a Seattle (USA) ed è leader nella creazione di siti e di app. Chiaramente, voi non siete preparati per questo lavoro ma, tranquilli, perché “l’aggancio dell’agenzia” vi tenterà di convincere invitandovi a scaricarvi un’app di nome Bybit molto facile da gestire con la quale potrete lavorare, anche senza esperienza. Anzi, seguirete un corso di formazione e dopo questo riceverete il primo compenso. Scusi? Di quanto?

flower creative studio

Per la formazione si corrispondono tra 50 e 188 euro, ma poi il guadagno va in funzione delle performance e viene pagato dopo avere completato 3 set di operazioni. Si va da una media tra 3.578 euro e 5.744 euro per un part-time. Peccato che l’iconcina che mostra il compenso indichi che la cifra viene pagata in USDT. Dollari americani? Macché! Sono criptovalute! E l’applicazione si occupa del trading di cripto!

A quel punto, non scaricherete più l’applicazione perché chissà se poi, anziché trovarvi nel mondo virtuale dei tanti denari incerti, vi trovereste in quello reale di avere permesso ai vostri generosissimi “datori di lavoro” l’acceso a tutte le vostre informazioni personali e finanziarie. Geniale, vero?

bybit

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *