Vai al contenuto

Salasso sulle sigarette per scoraggiare i fumatori: aumenti dal 15 febbraio (qui trovi il prezzo per ogni marca)

Salasso sulle sigarette, quali tabacchi aumentano

Mercoledì 15 febbraio del 2023 è una data da dimenticare per i fumatori. Già. Perché non solo l’inflazione ha fatto innalzare i prezzi dell’elettricità, dei trasporti, dei prodotti di prima necessità….. ora aumentano anche le accise sul tabacco. Mentre altri prodotti gravati dall’imposta speciale (la birra) sono stati “risparmiati”, il tabacco è finito sul mirino delle finanze dello Stato.

La misura non è una novità. Fa parte del progetto che ha come principale obiettivo ridurre sempre di più il consumo di sigarette. E non solo. Perché ad aumentare non sono solo le sigarette, ma anche tutti gli altri prodotti del comparto: sigaretti, sigari, fiuto e mastico, tranciati per sigaretta, altri tabacchi da fumo e tabacchi da inalazione senza combustione.

Rincari

Nello specifico, il rincaro è pari a circa 20 centesimi su ogni pacchetto di sigarette. La tabella dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato riporta le nuove tariffe in seguito all’approvazione dell’innalzamento del prezzo fisso con la legge 29 dicembre del 2022 (comma 122 dell’articolo 1), come da Gazzetta Ufficiale.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

I prezzi aggiornati si trovano sul sito dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Ad esempio, i prezzi delle sigarette si possono consultare nella tabella al seguente link, cliccando qui.

I prezzi continueranno ad incrementare nei prossimi tre anni. A partire dal 15 di febbraio l’importo fisso per unità di prodotto sarà pari a €28,00 per 1.000 sigarette, mentre nel 2024 il costo passerà a €28,70 e nel 2025 è previsto che giunga a €28,70.

In “soldoni” l’aumento si traduce, per coloro che fumano un pacchetto di sigarette al giorno, in €72 annui.

Su altri prodotti del tabacco i costi saranno inferiori perché le accise (la imposta speciale su tabacchi, alcolici e carburanti) in questo caso sono più modeste. Mentre per le sigarette le imposte raggiungono il 75% del prezzo totale, gli altri derivati devolvono allo stato tra il 30-35% del prezzo finito.

Continua dopo gli annunci...

Secondo la Fit (Federazione Italiana del Tabacco) il margine che rimane al commerciante per la rivendita di sigarette si aggira intorno al 10% lordo. Se si levano i costi della distribuzione industriale, al produttore rimane la fetta più bassa di tutta la catena. Da ultimedalweb possiamo solo dire ai fumatori: che le ceneri vi aiutino!

Autore

Ana nasce in Spagna, si laurea a 22 anni in Scienze Liguistiche e della Comunicazione. Dopo un'esperienza nel Regno Unito si trasferisce a Trieste, dove vive tuttora. Ha maturato esperienza come consulente aziendale e collaborato con diverse case editrici. Ha pubblicato cinque libri ed è copyrighter e Search Quality Rater.View Author posts

Lascia un commento