Vai al contenuto

Richiami Alimentari: fagioli, mortadella, formaggio, ecc.

richiami alimentari

Settimana di richiami alimentari che interessano il suolo nazionale. Parliamo di diversi alimenti, per cui è bene controllare i prodotti in questione. Vediamo quali sono!

Wikenfarma s.r.l. – Restax Effluvium

Gli integratori alimentari  Restax Effluvium richiamati dal ministero della Salute sono prodotti da Wikenfarma e commercializzati dall’azienda stessa. Il rischio è il principio attivo 5-idrossitriptofano a livello di purezza contenuto nel prodotto non è più considerato adatto al consumo alimentare. I lotti richiamati sono:

  • BD009, data di scadenza 04/2024, peso 36 grammi, confezione da 30 compresse;
  • CC001, data di scadenza 31/03/2025, peso 36 grammi, confezione da 30 compresse;
  • BJ012, data di scadenza 31/10/2024, peso 36 grammi, confezione da 30 compresse.

Gli effetti collaterali del 5-HTP sono: nausea, bruciore di stomaco, sensazione di pienezza, ma in dosi elevate, c’è il rischio di sindrome serotoninergica, una condizione pericolosa causata da troppa serotonina nel corpo.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

982526687 900x900 1

Fagioli all’occhio nero di Casillo Pasquale

Il prodotto commercializzato è Casillo Pasquale snc di Angelo e Aniello Casillo. Lo stabilimento è Casillo Pasquale snc Ottaviano, mentre il nome del produttore è Aksin Tarim Teks Ins Nak Tekn.

numeri dei lotti di produzione richiamati sono quelli indicati con il codice 082/22, con data di scadenza o il termine minimo di conservazione del 30 giugno 2024. L’unità di vendita, invece, è rappresentata da diversi formati:

Il rischio è di tipo chimico, causato dalla presenza del principio attivo carbaryl, molecola non ammessa nell’Unione Europea. Parliamo di un insetticida, con un alto rischio cancerogeno.

images 13

Mortadella delicata di Freschi per te

Il prodotto “Mortadella delicata Freschi per te” commercializzato da Aldi S.r.l, mentre il produttore è Jomi S.p.A. Il richiamo alimentare è di tipo microbiologico, a causa di una possibile presenza di Listeria monocytogenes. Questo batterio può portare un’intossicazione alimentare per cui è molto pericoloso. Il numero del lotto di produzione richiamato è quello indicato con il codice 20-07.23 B, quello con la data di scadenza del 20 luglio 2023. L’unità di vendita è la confezione da 150 grammi.

download 19

Royal Suiss – 1.2 Teapot-Tehiere crome-Royal Suiss

Questo non è un alimento, bensì una teiera. Il Ministero ha deciso di richiamarlo a causa dell’elevata presenza di nickel presente nella teiera. C’è quindi un rischio migrazione dei materiali destinati a venire a contatto con gli alimenti.

MOLINO RIVA – Farina di mais per polenta istantanea

La farina di mais per polenta istantanea dell’azienda Molino Riva, è stata richiamata per rischio chimico. Sul sito del Ministero della Salute si legge: “Richiamo precauzionale dovuto alla presenza di fumonisina. Se siete in possesso di confezioni riconducibili al lotto sopra indicato, vi preghiamo di restituirle al punto vendita”. Trattasi di una microtossina che potrebbe indurre un’intossicazione alimentare.

190579richiamo riva

Mortadella Bologna Conad

La Mortadella Bologna di Conad Società Cooperativa e prodotta da Grandi Salumifici Italiani Spa, ha subito un richiamo a causa della presenza di pistacchi non riportati nell’etichetta. Trattandosi di un allergene, può essere riportato indietro. Parliamo delle vaschette da 130 grammi con il numero di lotto 26321049 e la data di scadenza 09/07/2023 (codice EAN 8003170053335). Qualora l’acquirente non avesse allergie ai pistacchi può consumare tranquillamente il prodotto.

mortadella bologna igp conad

Canestrato di Totò 

Il Formaggio Canestrato di Totò prodotto da C.P.F. Società Cooperativa Produttori di Formaggi è stato richiamato per un rischio microbiologico non definito. Le forme da 1,8-2 kg con il numero di lotto 06/04/2023 e con la data di scadenza 06/12/2023.

formaggio canestrato di toto 600x598 1

Richiami alimentari: cosa fare con i prodotti?

Il Ministero della Salute raccomanda di non consumare i prodotti richiamati, ma riportarli al punto vendita in modo da richiedere una sostituzione del prodotto o un rimborso. L’unica eccezione è per i prodotti richiamati a causa degli allergeni. Se non si ha una determinata allergia, allora l’alimento può essere tranquillamente consumato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *