Vai al contenuto

Pannelli solari presto sostituiti da un’altra tecnologia?

pannelli solari

Li abbiamo desiderati a lungo, ma potrebbe esserci una valida alternativa ai pannelli solari su cui l’Unione Europea sta puntando tutto. Di cosa si tratta?

Addio pannelli solari?

Per anni i pannelli solari sono stati il desiderio di molti italiani, tanto da essere uno dei sistemi tecnologici più richieste tra i finanziamenti del Belpaese. Eppure l’Unione Europea sta già volgendo il suo sguardo a qualcosa di più, un’alternativa migliore nell’ambito del suo piano per una transizione energetica. La motivazione è semplice, rispetto ad altri Paesi al passo con le nuove tecnologie, l’Italia è indietro in quanto dipende dal gas per la produzione di elettricità (40% della produzione). Per superare questa dipendenza, i pannelli solari non sono abbastanza.

Il progetto europeo chiamato Flexibility for Hydrogen (FLEX4H2) coglie in pieno questo spirito di rinnovamento. L’obiettivo è introdurre turbine a gas che funzionino con diidrogeno (H2) invece che con gas naturale, riducendo così le emissioni di CO2. La data di inizio è stata il 1 gennaio 2023 e si concluderà il 31 dicembre 2026. In questo passo di tempo, riceverà finanziamenti per un totale di 4.872.197,50 euro.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

download 2

Su cosa si basa la tecnologia a idrogeno?

La tecnologia proposta si basa su un metodo di combustione chiamato “combustione sequenziale a pressione costante“, già utilizzato nei motori GT36 di classe H sviluppati da Ansaldo Energia. Il progetto mira a ottimizzare questa tecnologia, dimostrando la sua efficacia anche con concentrazioni di diidrogeno fino al 100%.

E a proposito di Ansaldo, il direttore produttivo Federico Bonzani ha spiegato che questa è “pietra miliare tecnologica fondamentale per le grandi turbine a gas”, soprattutto per quelle dedicate alla produzione di energia elettrica su larga scala. “La decarbonizzazione delle turbine a gas è una parte fondamentale della transizione dello scenario energetico”, ha concluso.

L’obiettivo a breve termine è migliorare i limiti della combustione a basse emissioni di idrogeno per alimentare le moderne turbine a gas ad alte temperature e pressioni. Se gli scienziati riuscissero in questo intento, il pianeta potrà respirare finalmente in quanto questa tecnologia porterà rimuovere fino a 2 milioni di tonnellate di anidride carbonica all’anno e fornire abbastanza energia pulita per alimentare fino a 500.000 case.

Ciò significherà un mondo più pulito, un basso impatto ambientale e la speranza che le nuovi generazioni possano godere di salute migliore.

pannelli solari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *