Vai al contenuto

I transgender, un bacino da 400 mila voti

transgender

Che cosa significa essere transgender?

Spesso ci troviamo ad avere a che fare con il termine transgender. Spesso la parola ricorre in contesti atipici: a volte si parla di transgender accorciando il nome in “trans” e legandolo a contesti esclusivamente “sessuali”. In realtà, sappiamo esattamente quello che significa essere transgender? Da Ultimedalweb vorremmo chiarire il concetto e fornirvi qualche sana curiosità in merito. Non è la prima volta che trattiamo l’argomento. Potrete trovare nel nostro archivio alcune notizie su episodi mediatici accaduti ad alcuni noti transgender.

Per approfondire:

Prof transgender – licenziata ora ottiene il risarcimento

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Aggressione omofoba a transgender a Latina: preso a sassate

Sempre più spesso si ente parlare di “inclusione”, “linguaggio inclusivo”, “identità di genere”, “trans” e “transgender”. A volte i termini sono utilizzati in maniera confusa. Vediamo di fare un pò di chiarezza sui termini.

Il portale inclusivo “Infotrans”

L’Istituto Superiore di Sanità ha sviluppato il progetto inclusivo soprannominato “Infotrans“, finanziato nell’ambito del PON Inclusione con il contributo del Fondo Sociale Europeo. Il portale è  dedicato al benessere e alla salute delle persone transgender ed è stato realizzato in collaborazione con l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali – Presidenza del Consiglio dei Ministri (UNAR). Si tratta di un progetto mirato ad identificare le diversità di genere e a includerle nella “normalità”. Tutti coloro che vogliono conoscere i servizi dedicati possono trovare sull’apposita mappa la zona più vicina al domicilio della persona che ha bisogno di aiuto. Si calcola che in Italia ci sono circa 400 mila transgender e a loro è dedicato questo portale.

Le definizioni

L’identità di genere fa riferimento a come una persona si definisce rispetto al genere a cui sente di appartenere: può definirsi uomo, donna o entrambi; per assurdo potrebbe anche sentirsi appartenere a un genere diverso da questi. Tutte le identità di genere sono naturali. Nella maggior parte dei casi, l’identità di genere corrisponde al genere assegnato alla nascita.

L’espressione di genere  è il modo in cui una persona esprime la propria appartenenza a un genere nella vita quotidiana. Ciò che è considerato tipicamente maschile o femminile è influenzato dall’area geografica, dal momento storico e dall’ambiente socioculturale in cui si vive.

L’orientamento sessuale indica l’attrazione verso una persona. Possono esserci diversi tipi di orientamento sessuale: omosessuale o gay, che descrive un uomo o una donna innamorati e/o attratti da altri uomini o altre donne; pansessuale, che descrive colei o lui attratta o attratto dalle persone senza tenere conto del loro genere. L’orientamento sessuale di una persona non è correlato alla sua identità di genere e non deve essere confuso con essa.

Un cisgenderè una persona che ha un’identità di genere che corrisponde al genere assegnato alla nascita: per esempio, una persona che si sente donna e che è nata con caratteristiche fisiche femminili. Invece, una persona transgender generalmente presenta un’identità di genere diversa dal genere assegnato alla nascita. Essere transgender è una condizione normale. Alcune persone transgender decidono di intervenire sul proprio corpo per renderlo più simile a come si sentono. A questo scopo si avvalgono da trattamenti ormonali e interventi chirurgici.

Il primo transgender

Nel 1930 Lili Elbe (nato Einar Wegener) andò in Germania per sottoporsi all’intervento chirurgico di riassegnazione sessuale, all’epoca ancora sperimentale. Si sottopose a cinque operazioni per diventare “donna”, identità che aveva avuto modo di conoscere bene mentre abitò a Parigi con Gerda Gottlieb, sua moglie. Entrambi erano artisti: lei collaborava per riviste di moda e creava libri illustrati mentre lui dipingeva paesaggi.

image 25

Einar Wegener

Transgender famosi

In tutto il mondo ci sono molti Transgender famosi. Alcuni spopolano sui social, mente altri cercano di passare inosservati per la loro identità di genere e puntano a rendersi noti per altre questioni di maggior peso, come Vladimir Luxuria. Si tratta della prima persona, la cui identità di genere non corrisponde al sesso di nascita, ad essere stata eletta al Parlamento di uno Stato europeo. Vladimir Luxuria è stata deputata della XV Legislatura, durante il Governo Prodi II. Vladimir è diventato un personaggio molto noto e ora lavora in televisione spesso come opinionista. Oltre alla televisione è scrittrice, attrice e drammaturga di successo ed è nota per la sua lotta annosa a favore dei diritti LGBTQIA+

La figlia di Lorella Cuccarini: “Potrei innamorarmi di una ragazza”

Milano, “stop alle registrazione dei figli di coppie Igbt”

Uganda, da 20 anni di carcere alla pena capitale per i gay

image 26

Vladimir Luxuria

Un’altra trangender italiana famosa è Eva Robin’s

image 27

Eva Robins

In ambito internazionale troviamo altri transgender di successo: Chaz Bono, figlia di Cher, diventato uomo; Carmen Carrera (nata Christopher Roman), diventata super modella; Erika Ervin (nota come Amazon Eve), con 2 metri di altezza è una super modella; Caitlyn Jenner era molto confusa sul suo genere, e si è sottoposta alla transizione dopo i 65 anni; la sua famiglia (Kardashian) ha fatto fatica ad accettare la sua identità ; Gina Rosero era un maschio alla nascita ma nessuno lo avrebbe detto. La sua famiglia ha accettato la sua condizione; Jazz Jennings è diventata famosa come trans già a 6 anni; era intrappolata in un corpo da bambino. Laverne Cox è una delle più famose transgender del mondo.

image 28

Chaz Bono, figlia divenuto figlio della famosa cantante e attrice Cher

image 29

Carmen Carrera

image 30

Amazon Eve

Transgender nello Sport

La recente decisione da parte della World Athletics (federazione internazionale dell’atletica leggera) di escludere dalle competizioni internazionali tra le donne le atlete transgender è stata molto criticata. Non potranno partecipare le donne che hanno attraversato la pubertà maschile e hanno poi completato la transizione uomo-donna. La normativa è entrata in vigore il 31 marzo. Non è un argomento semplice ma la federazione ha tenuto conto di alcuni aspetti fisici, tra i quali la densità ossea e muscolare, la grandezza degli arti, la capacità polmonare e cardiaca dei maschi e ha deciso di porre l’alt ai fisici maschili con psiche da donna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *