Vai al contenuto

Come si festeggia la Pasqua in 10 paesi del Mondo

Il giorno di Pasqua di Risurrezione, 9 aprile del 2023

Come avete visto, da qualche giorno da Ultimedalweb vi presentiamo diverse notizie che hanno come argomento la Pasqua. Il motivo è che la ricorrenza rappresenta uno dei giorni più importanti dell’anno per i cristiani. Celebra la resurrezione di Cristo ed è uno dei misteri di fede più importanti della Chiesa. La festività del giorno di Pasqua non ricade sempre nella stessa data: dipende dalla fede e dalla tradizione. Ad esempio la Pasqua ortodossa non si celebra lo stesso giorno della Pasqua cattolica. E anche la Pasqua cattolica si festeggia in una data mobile, che ricade sempre tra il 22 di marzo e il 25 di aprile. Quest’anno il giorno di Pasqua di Risurrezione è il 9 di aprile.

In tutto il mondo il significato della Pasqua è uguale, per chi crede ma anche per chi è ateo o professa una fede diversa dal cristianesimo. La Pasqua è rinascita, primavera, e stimola l’incrocio di tradizioni religiose e pagane con diverse sfumature in funzione del Paese. Noi vi presentiamo di seguito un assaggio delle diverse tradizioni e usanze della pasqua nel mondo. Se vi interessa qualcuna in particolare, fatecelo sapere. E se conoscete tradizioni particolari, raccontatecele! Saremo molto lieti di pubblicarle.

Italia, i 10 piatti più consumati

In Italia la ricorrenza pone fine alla Quaresima, al digiuno, e si distribuiscono dolci a forma di colomba e uovo. L’uovo è il simbolo della vita che si rinnova e un auspicio di fecondità. La Colomba rappresenta la pace. Il giorno di Pasqua le famiglie si riuniscono e fanno una grande festa. Noi vi abbiamo già proposto 25 piatti stagionali facili da preparare, ma vorremmo condividere con voi quelli che sono i più comuni della tradizione da Nord a Sud del Paese.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Agnello, Pasta fatta in casa, Uova sode, Casatiello, Torta Pasqualina, Torta al Formaggio, Impanata ragusana, Ortaggi e fave, brasato al Barolo e Affettati.

Francia, il silenzio delle campane

Nel periodo pasquale le campane in Francia restano silenziose dal Venerdì Santo fino alla domenica in segno di lutto per la morte di Gesù. Anche in Francia si fa trovare ai bambini le uova di cioccolata la domenica pasquale. Anzi, c’è una vera caccia alle uova (Chasses aux œufs”). Ogni famiglia appende negli alberi in giardino, o in casa delle uova di cioccolato di varie forme e colori. Sono loro i protagonisti della Pasqua francese dei bambini.

La tradizione vuole che a pranzo si mangi l’agnello; non uno da latte preferibilmente, ma uno adulto che si cucina con il forno ad alta temperatura; si serve accompagnato da patate novelle, carote e cipolle.

Inghilterra, attività di beneficienza

Il British Institute ci aiuta a capire come si festeggia la Pasqua in Inghilterra. Anche nel paese anglosassone i bambini devono dare la caccia alle uova. Si chiama Easter Hunt. Il simbolo pasquale per eccellenza è il coniglietto.

Per la tradizione pasquale inglese il Giovedì Santo è una giornata importante, dedicata ad attività caritativa. A Londra nell’Abbazia di Westminster ri rievoca il Royal Maundy Gifts (il sovrano donava monete ai più poveri) . Il Venerdì Santo c’è l’usanza dei dolci. Si preparano i classici Hot-cross-buns, dolci a forma di croce con cannella e uvetta che ricordano la crocifissione di Cristo.

image 12

Un altro dolce tipico della tradizione pasquale è la Simnel cake, preparata per celebrare la fine della quaresima.

Germania, uova e coniglietti

Anche in Germania i bambini danno la caccia agli ovetti di cioccolato. Le famiglie li nascondono o li appendono sugli alberi del giardino. C’è una vera e propria gara. Vince chi riesce a trovarne di più!

La settimana Santa inizia con il Gründonnerstag (giovedì santo). Secondo la tradizione in questo giorno si mangiano verdure di colore verde che servono a proteggere l’organismo per il resto dell’anno. Il Karfreitag (venerdì santo) in Germania è un giorno festivo. Come in altri paesi europei, il venerdì santo è consentito mangiare solo pesce. Il pranzo della domenica di Pasqua è quasi sempre a base di agnello.

Olanda e le ghirlande benauguranti

Anche l’Olanda, come la Francia e la Germania, vede le uova di cioccolato protagoniste del giorno di Pasqua per i bambini. Uova di ogni tipo e colore si trovano sulla strada dei piccoli, che si divertono a cercarle, raccoglierle e poi… mangiarle!!

Come per il Natale, anche per la Pasqua in Olanda si preparano le ghirlande ben auguranti, esse vengono realizzate con i fiori freschi della primavera e anche con le uova decorate, poi vengono appese all’esterno delle porte delle abitazioni.

Il dolce tipico pasquale olandese è il Paasbrod, un pane dolce a base di uvetta.

image 13

Spagna, la tradizione delle processioni e “la mona” di Pasqua

In Andalusia le confraternite organizzano processioni che sono vere e proprie rappresentazioni teatrali che ripropongono la via crucis di Cristo. Le celebrazioni più famose si svolgono a Siviglia durante la “Semana Santa” e richiamano turisti da tutte le altre parti del mondo. Le processioni sono comunque molto comuni in tutto il Paese, e il giorno di Giovedì Santo riescono a bloccare il traffico in molte cittadine e capoluoghi. La domenica di Pasqua si celebra l’incontro di Gesù con Maria; le parrocchie organizzano proprio il “ricongiungimento” trasportando le due figure e mettendole di fronte. Al momento dell’incontro si liberano colombe e olano in cielo biglietti che parlano di pace.

Barcellona si mangia la “mona”, decorata con uova di cioccolato o un’immagine di un personaggio famoso per i bambini e viene donata dal padrino di battesimo al figlioccio.

image 14

Nelle altre zone del Paese, la “mona” è un dolce semplice lievitato, con un uovo in centro e decorato con zuccherini colorati. I bambini diventano matti.

image 15

Svezia, i bambini si travestono da streghe

La Pasqua è molto sentita in Svezia, quasi tanto come il Natale. Ha origini molto antiche. Il giovedì di Pasqua in Svezia (skärtorsdag), i bambini si dipingono il volto e si travestono da streghe e, portando con sé un scopa, girano di casa in casa bussando alle porte dei vicini come i bambini americani ad Halloween. I bambini adornano e colorano le uova di Pasqua.

Una volta che il lutto per la morte di Cristo è finito, ci sono grandi festeggiamenti. Nel pomeriggio di sabato (Påskafton) la famiglia si concede un grande banchetto che la tradizione vuole non faccia mancare uova, agnello e dolci. E’ una sorta di richiamo alla fertilità della primavera e alla rinascita dell’anno dopo un lungo inverno.

Polonia, la benediazione degli agnelli di zucchero

È tradizione andare in Chiesa per far benedire gli agnelli di zucchero che poi saranno mangiati il giorno di Pasqua. Alle 6 del mattino del giorno di Pasqua si va in chiesa per la Messa della Resurrezione, e tornati a casa ci si siede per consumare il cibo dalla “święconka”, il cesto pieno di bontà che è stato benedetto il sabato santo.

Filippine, la via Crucis

Filippine: il Senakulo è la rappresentazione tradizionale che ricorda la via Crucis durante la quale i devoti si autoflagellano in segno di solidarietà. Si esibisce su un palcoscenico o in strada, spesso in diverse notti durante la Settimana Santa. Esibizioni in strada presentano una statua di Cristo con una croce che viene sfilata in tutta la città. E ‘praticato in una serie di comunità, in particolare nelle province di Rizal, Bulacan, e Pampanga. In alcune aree, queste opere comprendono scene davvero sanguinose.

Continua dopo gli annunci...

El Salvador, Dio vince sul male

Nel Salvador, e più precisamente a Texistepeque, riti cattolici e tradizioni locali si incontrano in una strana celebrazione pasquale che vede coinvolti i “talcigüines”: uomini travestiti da diavoli che attraversano le strade della città, frustando tutti quelli che incontrano sul loro cammino. La loro incursione finisce ai piedi di Cristo dove si inginocchiano in segno di sottomissione come simbolo della vittoria del Figlio di Dio sulla tentazione e sul male.

Autore

Ana nasce in Spagna, si laurea a 22 anni in Scienze Liguistiche e della Comunicazione. Dopo un'esperienza nel Regno Unito si trasferisce a Trieste, dove vive tuttora. Ha maturato esperienza come consulente aziendale e collaborato con diverse case editrici. Ha pubblicato cinque libri ed è copyrighter e Search Quality Rater.View Author posts

Lascia un commento