Vai al contenuto

Classifica delle città italiane in base alla qualità della vita, in quale di queste 107 città abiti?

classifica delle città italiane

Classifica delle città italiane in base alla qualità della vita

Da 25 anni si presenta questo appuntamento annuo con la qualità della vita che contraddistingue le città dove abitiamo e che viene condotto regolarmente da ItaliaOggi e Ital Communications. E c’è sempre una certa attesa per capire quali sono i valori dei parametri rilevati in confronto con le altre città italiane che si trovano nell’elenco. Quest’anno, la 25esima edizione della ricerca, in collaborazione con l’Università Sapienza di Roma, conferma la frattura fra province del Centro-Nord e Sud e Isole. Vi raccontiamo i questo post chi ha vinto la gara e chi si trova in coda alla classifica

classifica città

Per approfondire:

Il LONG COVID a oltre 3 anni dall’inizio della pandemia

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Le città italiane più visitate nel 2024: dove verranno in vacanza i turisti?

I parametri utilizzati per valutare la qualità della vita nelle città italiane

Sono nove le dimensioni analizzate dallo studio: affari e lavoro, ambiente, reati e sicurezza, sicurezza sociale, istruzione e formazione, popolazione, sistema salute, tempo libero e turismo, reddito e ricchezza. Con in più altre 14 sottodimensioni e 92 indicatori di base. Non poco, ma necessario per avere un risultato affidabile che rispecchi le condizioni della vita nel nostro stivale.

Il risultato non è del tutto malvagio perché dimostra che la qualità della vita è risultata buona o accettabile in 63 province italiane su 107, molto “in linea con gli ultimi due anni, secondo gli analisti. Nel 20’22 erano 64 le città promosse, ma nel 2021 erano ancora 63. Nessuna sorpresa!

qualita vita italia 2023

Il podio e le migliori classificate in base ai parametri

Il podio è tutto settentrionale, anche se qualcuno potrebbe brontolare per la terza classificata. Stiamo parlando di Bologna (con pochissimo stacco dalla medaglia d’argento). A vincere, il fascino delle Dolomiti, seguito dal battito latente della metropoli. Avrete capito che le due prime classificate del 2023 sono Bolzano (da sempre al top), staccata da qualche punto da due città metropolitane: Milano e Bologna, al 2° e al 3° posto, che migliorano e confermano la performance del 2022: erano 5ª e 3ª. Seguono Trento e Firenze.

Ecco la Classifica finale

Posizione 2023ProvinciaPunteggio
1BOLZANO1000,00
2MILANO924
3BOLOGNA890,21
4TRENTO887,73

bolzano
La Piazza della Basilica a Bolzano

I parametri generano la media

Importantissimo conoscere il punteggio in base ai parametri considerati per completare la classifica finale. Alcune città virtuose nel settore del turismo,risultano inadempienti nel settore della sicurezza che va legato. E questo influisce notevolmente sul punteggio finale. Se prendiamo come esempio Firenze, vediamo come si posiziona nelle varie categorie, che la fanno classificare complessivamente al 5° posto

Parametri generali di Firenze20232022
Affari e lavoro1126
Ambiente2229
Reati e sicurezza9694
Sicurezza sociale3322
Istruzione e formazione 46
Popolazione 28  20
firenze
Firenze

I primi posti per categoria

Affari e lavoro

Bolzano e Bologna si piazzano, come lo scorso anno, rispettivamente al primo e al secondo posto; a seguire Cuneo, Trento e Belluno. A chiudere la classifica, Crotone.

Ambiente

Bolzano apre la classifica della qualità ambientale, seguita da Padova, Mantova e Milano. In coda, Catania.

Reati e sicurezza

Ascoli Piceno è al primo posto nella dimensione relativa a reati e sicurezza. Seguono, nell’ordine, Pordenone, Frosinone e Benevento. L’indagine conferma la permanenza nelle posizioni di coda dei grandi centri urbani. Milano chiude la classifica in ultima posizione.

Sicurezza sociale 

Il Nord-Est si attesta nelle posizioni di vertice. La provincia che quest’anno apre la classifica è Prato, seguita da Bolzano, Vicenza, Cuneo e Savona. La provincia in coda è Messina. 

Istruzione e formazione

Bologna si classifica in prima posizione nelle dimensioni dell’istruzione e della formazione. A seguire altre due province del Nord-Est, Trieste e Trento, e Firenze in rappresentanza dell’Italia centrale. La provincia in ultima posizione è Crotone. 

Popolazione

Bolzano si conferma al primo posto nella graduatoria della popolazione, risultato che si ripete da nove anni. Nelle 27 posizioni di coda si registra una significativa presenza di province del Nord-Ovest e dell’Italia meridionale e insulare. Chiude la classifica Oristano. 

Sistema salute

Isernia apre la graduatoria del Sistema salute, per distribuzione territoriale dei servizi, precedendo Terni, giunta prima nella passata edizione. A seguire Ancona, Catanzaro e L’Aquila. Chiude la classifica Gorizia. Nel Sistema Salute Grosseto è in posizione 14.

Tempo libero e turismo

Siena si conferma al primo posto nella classifica del tempo libero e turismo. Seguono Rimini, Aosta e Verbano-Cusio-Ossola. Come negli anni passati, all’ultimo posto figura Crotone.

Reddito e ricchezza 

Milano conferma il primo piazzamento già ottenuto nelle ultime tre edizioni. A seguire Trieste, Bologna, Aosta e Monza-Brianza. Chiude la classifica, come nelle quattro passate edizioni, la provincia di Crotone

22 milioni di persone vivono in città che non raggiungono la sufficienza

Infine, da riflettere è il fatto che sono 21 milioni 909mila i residenti che secondo la ricerca vivono in territori caratterizzati da una qualità della vita scarsa o insufficiente”, il 37,2% della popolazione italiana. Lo scorso anno erano 21 milioni 789mila: si registra quindi un lieve arretramento rispetto al 2022

Secondo Attilio Lombardi, Fondatore di Ital Communications: “L’Indagine ItaliaOggi-Ital Communications, coordinata dall’Università Sapienza di Roma, rappresenta uno dei più completi e analitici studi sulla qualità della vita degli italiani pubblicati nel nostro Paese. La collaborazione alla 25esima edizione conferma la volontà di Ital Communications di fornire all’opinione pubblica, alle Istituzioni e ai media italiani, uno scenario completo per orientarsi in modo più efficace nelle azioni da intraprendere, in un momento in cui pensiamo sia di fondamentale importanza rimanere al fianco dei cittadini e delle imprese”. 

attilio lombardi
Attilio Lombardi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *