Vai al contenuto

10 cibi scaduti che si possono mangiare senza pericolo ma, attenzione alle date!

cibi scaduti

10 cibi scaduti che si possono mangiare in sicurezza

Controllate spesso le date di scadenza dei prodotti che acquistate al supermercato? Se il prezzo è allettante, potrebbe essere che l’alimento è vicino alla data di scadenza. Ma, che cosa succede se mangiamo il prodotto una volta scaduto? Vediamo in questo post quali prodotti possono essere consumati in sicurezza dopo la data di scadenza (e se sì, entro quanto tempo) e quali devono, per contro, rispettare pedissequamente, le previsioni di Legge inserite nella confezione. Seguiteci!

cibi scaduti

Per approfondire:

Quali alimenti si possono consumare oltre la scadenza: l’etichetta cambia!

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Spesa alimentare online, migliori siti e supermercati 2023, affrettatevi all’acquisto!

Gli obblighi di riportare la scadenza sulle confezioni

Esistono degli obblighi di riportare la data di scadenza di un prodotto, variabili da alimento ad alimento: Se sulla confezione si parla di “data di scadenza“, significa che dopo quel giorno non è più sicuro mangiare quel cibo, “da consumarsi entro” ci invita a non andare oltre al termine indicato, mentre “da consumarsi preferibilmente entro” è un consiglio, che significa che anche dopo la data indicata, l’alimento è ancora commestibile. Secondo i tecnici della CE, sarebbe utile inserire la dicitura “spesso buono oltre“ per evitare lo spreco.

Gli esperti ritengono che, laddove le modalità di conservazione del prodotto lo consentissero, sarebbe utile prolungare la vita dell’alimento. Succede spesso che la data di scadenza faccia finire il prodotto nella spazzatura, mentre potrebbe essere consumato anche settimane o addirittura mesi dopo. Vediamo “quale” prodotto può essere consumato “dopo”, in sicurezza.

Al vaglio yogurt, formaggi, uova, latte, spezie, cibi in scatola, verdure surgelate, cioccolato, riso e pasta

Anche se alcuni prodotti possono essere consumati qualche giorno (mese o anno) dopo la loro data di scadenza, bisognerà tenere presente alcuni accorgimenti. Prima di poter consumare qualcosa di scaduto accertatevi che:

  1. La confezione non presenta rigonfiamenti o cattivi odori;
  2. Se la confezione è stata aperta, dovrete controllare che non vi siano alterazioni di colore del prodotto o la presenza di muffe.

Yogurt

Uno yogurt sigillato può essere consumato fino ad 1 settimana dopo la sua scadenza, se conservato correttamente in frigorifero. Se non siete sicuri, potreste impiegare lo yogurt in cottura, magari per fare un dolce (la classica polentina). Uno yogurt scaduto in buone condizioni di conservazione avrà solo meno fermenti ma sarà adatto al consumo senza alcun problema.

Cibi brucia grassi, Yogurt - fonte Pixabay
Yogurt – fonte Pixabay

Formaggi

I formaggi stagionati a pasta dura si conservano per circa 10 mesi. Quelli a pasta morbida circa 10 giorni. Se sono scaduti, molto probabilmente presenteranno della muffa. Una volta rimossa quest’ultima, potrete tranquillamente portarli a tavola. I formaggi freschi, per contro, sono da evitare assolutamente oltre la data riportata sulla confezione.

Uova

Se le uova sono fresche intere sarà possibile utilizzarle entro circa 3 settimane, se riposte in frigorifero. Intorno a tale data, le uova si possono mangiare cotte. Per fare salse (ad esempio, la maionese) le uova devono essere molto fresche. Per le uova sode i tempi di consumo sono di circa 1 settimana.

uova
uova

Latte

Il latte pastorizzato può essere consumato entro 6 giorni dal trattamento termico, mentre quello microfiltrato pastorizzato regge anche 10 giorni. Per quanto riguarda il latte a lunga conservazione, è possibile utilizzarlo fino ad 1 mese dopo la sua scadenza per fare creme o dolci. Questo se la confezione è rimasta chiusa. Il latte, un volta aperto, non dura più di 2-3 giorni in frigorifero.

Spezie

Le spezie possono essere consumate fino a 6 mesi dopo la data di scadenza se sono state acquistate sterilizzate e pastorizzate per uccidere gli acari. Se non siete sicuri, buttate via il prodotto dopo la data di scadenza. Alcune spezie, come la curcuma, lo zafferano o la noce moscata, che non si presentano in forma di polvere, durano molto di più.

noce moscata
noce moscata

Cibi in scatola

I cibi in scatola resistono fino ad 1 anno dalla data di scadenza riportata sulla confezione. Naturalmente in condizioni ottimali di conservazione. Ricordatevi che, per potere essere consumato il cibo, la confezione non deve avere rigonfiamenti né cattivi odori.

Verdure surgelate

Le verdure surgelate possono essere consumate alcuni mesi dopo la data di scadenza indicata sulla confezione. Se congelate voi i prodotti che cucinate, segnate con un pennarello una data che non superi i due mesi dal suo congelamento.

Cioccolato

Se andate matti per il cioccolato, sicuramente non vi capiterà che scada, ma se comprate solo una volta ogni tanto, sappiate che una tavoletta di cioccolato scaduta si conserva fino ad un massimo di 2 anni, perdendo unicamente un po’ del suo sapore. Se la utilizzate per preparare un dolce, nessuno se ne accorgerà.

bellantonicioccolato.it red velvet

Riso e pasta

Trattandosi di prodotti secchi, possono essere consumati anche qualche mese dopo la loro scadenza, purché la confezione sia stata chiusa e non ci siano segni di deterioramento alla vista; tenete comunque presente che la data di scadenza della pasta, ad esempio, è lunga. Dal momento in cui viene confezionata, si calcola una durata dai 2 anni ai 2 anni e mezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *