Vai al contenuto

Catania: frustate a bambino di 5 anni. La scuola lo salva

Un caso di maltrattamenti sui minori da far accapponare la pelle, questo in Sicilia, più precisamente a Catania. Scopriamo cosa è successo!

catania2

La notizia che ha scosso Catania

La comunità di Catania è rimasta scioccata dalle rivelazioni di maltrattamenti su un bambino di cinque anni, emerse dopo che la dirigente scolastica ha segnalato alle autorità i segni evidenti di violenza. L’indagine che ne è seguita ha portato all’arresto di due donne di nazionalità nigeriana, accusate dei reati di maltrattamenti e lesioni personali pluriaggravate.

catania

Il bambino è stato sottoposto a frustate alla schiena e alle gambe, lasciando segni visibili che hanno richiesto cure mediche immediate. Secondo quanto riferito, la zia avrebbe utilizzato un cavo nero di ricarica di una bicicletta elettrica per infliggere le lesioni, in risposta a presunte disobbedienze e capricci del bambino. Gli esami medici hanno confermato la presenza di numerose escoriazioni profonde e lesioni diffuse su diverse parti del corpo, tra cui tronco, arti superiori e inferiori, torace e addome.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Gli sviluppi

catania1

Le autorità hanno sottolineato che i maltrattamenti sarebbero avvenuti anche in presenza di un’altra donna, legata da vincoli di parentela al bambino, la quale non avrebbe mai impedito gli abusi né denunciato l’accaduto. Entrambe le donne sono state arrestate e condotte presso la Casa Circondariale di Catania, in attesa del processo. La comunità locale ha espresso profondo sconcerto e ha manifestato solidarietà nei confronti del bambino, auspicando che giustizia sia fatta e che simili episodi non si ripetano mai più.

Continua dopo gli annunci...

Da considerare anche che le indagini sono tutt’ora in corso e si attendono ulteriori sviluppi nei prossimi giorni. Questo servirà a capire da quanto tempo si protraevano i maltrattamenti, le vere motivazioni e tutto ciò che può essere utile a capire appieno la situazione anche per poter affrontare il tribunale e decretare la giusta pena per le due donne.

Autore

Copywriter per passione dal 2014, amo l'arte in tutte le sue forme e potrei perdermi nei corridoi di un museo per ore. Laureata in infermieristica, ho finito con l'aprire uno studio fotografico. La coerenza? In fondo, non è tutto nella vita.View Author posts

Lascia un commento