Vai al contenuto

“Un film malvagio”: il biopic su Amy Winehouse è già nella lista nera?

amy winehouse

Dopo una lunga attesa sta per uscire Back To Black, il biopic su Amy Winehouse. Peccato che le prime critiche siano abbastanza negative e pronte a demolire il film. Perché?

Marisa Abela è Amy Winehouse

Marisa Abela è una giovane attrice che già ha avuto successo grazie alla serie “Industry” di BBC Two e HBO. Proprio è stata scelta per calarsi nel personaggio tormentato di Amy Winehouse, portando sugli schermi gli inizi a Camden fino alla consacrazione a star globale. In scena anche l’attore di “Skins”, Jack O’Connell, che impersonerà Blake Fielder-Civil, ex marito di Amy. A proposito, qui potete leggere la loro storia controversa.

Peccato che l’annuncio del film non sia stato ben acclamato dagli stessi fan della cantante, specialmente dopo la prima mondiale a Leicester Square. Un’onda di indignazione ha smosso gli animi, in particolare dopo la visione di alcune scene definite “macabre”. Queste hanno voluto rappresentare in modo crudo la lotta della cantante contro l’abuso di alcool e droga, dipendenza che l’ha portata alla morte prematura a soli 27 anni.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

amy winehouse

L’ira dei fan

fan si sono riversati sui social media per esprimere la loro indignazione. Alcuni hanno definito il film “malvagio” e “moralmente ripugnante”, sottolineando come non renda affatto giustizia alla complessità e al talento di Amy Winehouse.

Altri hanno trovato il film irrispettoso nei confronti della memoria della cantante, come se la stessa Amy non avrebbe mai apprezzato un film sulla propria vita. In mezzo a questo mare di critiche, Marisa Abela è stata elogiata per la sua interpretazione, forse unica positiva di tutto il biopic.

L’attore Jack O’Connell ha difeso il progetto durante un evento promozionale, specificando che l’unico intento del cast e della produzione è di onorare la memoria di Amy nel miglior modo possibile.

Alison Owen, una produttrice del film, ha aggiunto che spesso le persone che muoiono giovani vengono ricordate più per la loro morte che per la loro vita, ma che Amy era molto di più di una semplice “candela al vento”, ma piuttosto una “fiamma ossidrica” che bruciava con intensità.

Diretto da Sam Taylor-Johnson, “Back To Black” sarà disponibile nelle sale britanniche a partire da venerdì, mentre in Italia dal 18 aprile.

amy winehouse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *