Vai al contenuto

Quando è meglio mangiare la pizza? Consigli e tips

Diciamoci la verità, siamo un popolo di santi, poeti, navigatori e… mangiatori di pizza. La mangeremmo tutti i giorni se solo potessimo, ma quando sarebbe meglio farlo?

Il gigantesco business della pizza

La pizza è sempre una tentazione, da nord a sud. Margherita, calzone, capricciosa, mille varianti che invogliano all’assaggio. Il business delle pizzerie è più florido che mai, con una produzione giornaliera in tutto il Paese è di 8 milioni di pizze. Ma quante volte a settimana bisognerebbe concedersela? Dal punto di vista nutrizionale, una pizza, come la classica margherita, offre un mix di carboidrati, proteine e grassi, rendendola quasi un pasto completo, un pranzo e una cena in un sol boccone.

Forse più gustoso, sì, ma comunque un pasto completo da mangiare una volta a settimana per non esagerare. Parola degli esperti nutrizionisti che limitano la scelta in quanto è un piatto molto carico e con un alto indice glicemico, specialmente nelle versioni più farcite che aumentano il contenuto di grassi.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Per renderla un po’ più bilanciata, basta aggiungere un bel contorno di verdure grigliate o una bella ciotola di insalata così da aggiungere le fibre giuste per rallentare l’assorbimento degli zuccheri e dei grassi, evitando condimenti che potrebbero rendere il pasto troppo sbilanciato. Maionese e ketchup sono da bandire.

pizza

Pizza a pranzo o cena?

E quando è meglio gustarla, a pranzo o a cena? La pizza può essere consumata sia a pranzo che a cena, non cambia assolutamente nulla. In casi come insonnia o reflusso, è preferibile optare per il pranzo, evitando così l’effetto negativo che i suoi grassi e il sodio potrebbero avere sul sonno.

A volte l’impasto della pizza potrebbe gonfiare troppo a causa del lievito, motivo per cui mangiarla a pranzo permette di smaltire il tutto durante le attività quotidiane. Mangiarla di sera e poi andare a dormire è invece sconsigliato.

E quale scegliere? Tra i classici ingredienti o le versioni gourmet con farine alternative, la scelta ideale dipende dai gusti personali. Dal punto di vista nutrizionale, la margherita o una versione alle verdure sono più leggere rispetto a quelle iper farcite con affettati o formaggi, offrendo meno grassi, zuccheri e calorie.

Continua dopo gli annunci...

Ma alla fine della fiera, basta una rossa con origano e aglio per sentire la vera essenza della pizza napoletana, per cui perché esagerare con i condimenti?

pizza
Autore

Copywriter per passione dal 2014, amo l'arte in tutte le sue forme e potrei perdermi nei corridoi di un museo per ore. Laureata in infermieristica, ho finito con l'aprire uno studio fotografico. La coerenza? In fondo, non è tutto nella vita.View Author posts

Lascia un commento