Vai al contenuto

Sora video auto generati con l’AI: ecco tutte le potenzialità e anche i timori

Sora video generati con l'ai
Sora video generati con l’ai – pixabay

Che cos’è Sora, la nuova innovazione di OpenAi

Sora è il nome che troviamo su tutti i giornali di oggi, soprattutto quelli di tecnologia. Rappresenta un’innovazione ma anche una fonte di timori. Parliamo di Intelligenza Artificiale di OpenAI che ha creato il nuovo e ultimo modello AI in grado di creare filmati video e come? Con indicazioni testuali: eccone i risultati strabilianti.

Già si era arrivati a generare immagini reali, quadri e a manipolare anche scene di film o cartoni partendo da sole indicazioni scritte, adesso si arriva ai video. Tutto ciò che prima si poteva fare solo con un’arte sopraffina di pazienza e buona preparazione in montaggio adesso si crea con un, quasi, schiocco delle dita.

Sora, pericolosa rilasciarla subito ma OpenAi ci sta lavorando

Sora non è stata ancora rilasciata al pubblico, un’innovazione a cui non si è ancora pronti. Infatti, Open AI teme l’utilizzo di video falsi fatti passare per veri, e poi anche l’utilizzo nocivo anche nel settore pubblicitario o cinematografico. Open AI ha chiarito che comprende le preoccupazione di molti settori ma bisogna anche identificare casi di uso positivo di questa tecnologia, per questo richiama al dialogo e al confronto politici, educatori e artisti.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

C2Pa è un consorzio che comprende OpenAi, Bbc e New York Times, collabora e vuole collaborare con le etichette nella gestione del nuovo modello. Open AI afferma “nonostante ricerche e test approfonditi non è possibile prevedere tutti i modi positivi in cui le persone utilizzeranno la nostra tecnologia, né come ne abuseranno”.

Sora e altri esempi di programmi video con AI

Google ha lanciato Lumiere basato su AI e in grado di creare filmati partendo da immagini caricate dall’utente. Sora, tra i tanti competitor di Open AI, è in grado di realizzare filmati lunghi, fino a 60 secondi partendo da istruzioni scritte. L’Ia è in grado di simulare la presenza di più videocamere, di fare riprese da più punti sul soggetto. I fotogrammi realizzati vengono analizzati ogni secondo, il consosrzio C2pa lavora sui metadati proprio per garantire la produzione di video a norma prima che venga inserito o utilizzato come filmato destivato ai navigatori della rete.

Sora e settore gaming: riprodotto Minecraft

Se prima una società tecnologica aveva bisogno di sviluppatori e scrittori di codici per realizzare i video dei videogiochi, adesso sarà un attimo con Sora, definito da gizchina modello text-to-video.

Può rappresentare una notizia positiva in termini di qualità e quantità produttiva, un pericolo se questo poi si traduce in tagli di personale, tema su cui ha detto la sua anche Mark Zuckemberg. Il settore utenti è interessato alle potenzialità di Sora e da Andrew White ecco un video su X con Minecraft riprodotto grazie a Sora.

Sora, tutti gli usi possibili e immaginabili tranne per la disinformazione

In un video di dieci minuti, OpenAi ha mostrato tutte le potenzialità e i generi che Sora può elaborare con precisione e arte. Chiaramente ci vuole anche la fantasia di chi da comandi, quindi da una parte ci sono coloro che pensato ad un uso utile e altri che temono il rischio di sostituzioni di professionisti.

Ma questo non è il problema unico, infatti quello che si teme è la generazione con text to video di video per fake news, quindi l’utilizzo per creare disinformazione. Su questo tema, venti grandi aziende tecnologiche vogliono impegnarsi per evitare questo pericolo, soprattutto con l’avvicinarsi delle elezioni politiche americane.

Continua dopo gli annunci...

Il gruppo anti fake news in occasione elettorale è già formato da Microsoft, Meta, Google, OpenAI e X, potrebbe avere ruolo importante anche dopo. In fondo, il suo compito sarà creare nuovi standard tecnici di identificazione di testi, immagini e video creati con l’AI e poi vegliare su questi standard, vedere se sono efficaci fin da subito o nel tempo.

Autore

Mi chiamo Iole Di Cristofalo e mi piace scrivere, svolgo come lavoro quella del web content editor, ho aggiornato le mie competenze imparando a creare video e grafiche online. In rete mi occupo di attualità, cronaca, scienze, ambiente e cultura, fotografia e video. Ultimi corsi professionali seguiti: comunicazione multimediale, web copywriting, scrittura d'impresa.View Author posts

Lascia un commento