Vai al contenuto

Mercatini di Natale 2023-2024, quali visitare fino al 7 gennaio

Mercatini di Natale 2023-2024

Scopriamo i più bei mercatini di Natale 2023-2024 aperti fino alla Befana e qualche giorno in più

Non c’è regione in Italia che non abbia uno o più mercatini di Natale aperti fino all’Epifania e forse qualche giorno in più. Il 7 gennaio cade di domenica, e se molte famiglie e turisti anticipano il rientro dalle vacanze, altri non perdono l’occasione di seguire la chiusura fatta di eventi, spettacoli, musica e saluti istituzionali. Da non escludere, l’incontro con la Befana o con i Re Magi, personaggi simbolo dell’Epifania. E poi, artigianato, ospedali dei peluche e dei giocattoli per insegnare ai bambini l’arte del riciclo e del non spreco, cibi natalizi tipici. Ecco allora, il nostro tuffo in alcune regioni che hanno creato Mercatini di Natale unici e spettacolari.

Mercatini di Natale 2023-2024
Fonte fotografie: pixabay

Mercatini di Natale nell’Alto Adige: fino al 6 gennaio, alcune località posticipano la chiusura di qualche giorno.

Non possiamo non iniziare con il Christ Kindl Markt, l’insieme dei mercatini natalizi 2023-2024 del Trentino Alto Adige. Questa regione è meta per le vacanze bianche sia dei turisti italiani che esteri e le città affrontano questa festività bellissima ma ricca di impegno e di lavoro con il meglio del meglio della produzione artigianale ed enogastronomica.

Al di là dei mercatini di Natale, chi non vuole visitare città come Bolzano, Merano, Vipiteno, Brunico, San Candido e tutte le città dei laghi? Ogni borgo, ogni località è un tipico paesaggio di montagna e non solo, troviamo anche monumenti, chiese e altre costruzioni caratteristiche.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

A tutto ciò, le luminarie si intrecciano con i banchi dei mercatini natalizi e non troviamo soltanto artigianato, giocattoli e cibo ma anche la valorizzazione del territorio e l’attenzione all’ambiente. Non a caso, alcuni paesi per i loro mercatini natalizi sostenibili hanno ricevuto il riconoscimento Green Event.

La vera casa di Babbo Natale ad Agropoli: fino al 7 gennaio 2024.

Villaggio di Babbo Natale e Mercatini Natalizi
Fonte fotografia: laveracasadibabbonatale.it

Tra Napoli e Cilento potete scoprire fino al 7 gennaio, la bellezza del presepio napoletano nella mostra annuale dedicata a quest’opera che unisce arte e tradizione, è organizzata dall’associazione Amici Del Presepio di Napoli. E poi, andate a trovare Babbo Natale nel villaggio ricostruito ad Agropoli nel Parco Comunale del paese, in via Taverne nelle vicinanze del Cineteatro “E. De Filippo.

L’ingresso al Parco è gratuito ma è necessaria la prenotazione, quindi organizzatevi qualche giorno prima per poterlo visitare. All’interno del Villaggio potete fare acquisti nei mercatini natalizi dedicati qui soprattutto al Food, insomma potete creare la vostra calza della Befana ma anche completare i regali o realizzare mini cesti natalizi. Poi potete pattinare sul ghiaccio e giocare nel giardino incantato fatto di giochi di luce. E poi andate a visitare Babbo Natale nella sua casa, quest’anno ha anche ricevuto un riconoscimento internazionale importante perché, sotto sotto tanti giocattoli, tanto impegno, tanto amore per i bambini e anche lui viene qualche volta premiato 😉

Mercatini di Natale nelle Marche, ad Aosta: fino al 7 gennaio 2024

Ritorniamo al nord, troviamo ad Aosta il Marché Vert Noël. Date, dal 25 novembre 2023 al 7 gennaio 2024, tanti Mercatini Natalizi sono aperti già da più settimane prima delle feste. Luogo: Piazza Roncas, Piazza Papa Giovanni XXIII (Cattedrale), Piazza Caveri.

Il Marché Vert Noël esiste dal 2008, quindi chi visita le Alpi e si trova nelle Marche, quello di Aosta potrebbe essere un appuntamento tradizionale. Gli espositori si impegnano ad offrire maestria, tantissimi prodotti artigianali, cibo della regione e anche valorizzazione del territorio. Ad osservare le immagini di questo mercatino di natale si nota la perfetta sintonia di colori tra le antiche architetture religiose e i monumenti, l’insieme di banchi di legno ricchi di colori e anche vestiario caratteristico degli artigiani anche del buon cibo e del buon vino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *