Vai al contenuto

Giornata del diabete, i consigli dall’endocrinologa, un libro e 2 ricette wow

giornata del diabete

Giornata del diabete nel mondo

Oggi, 14 novembre, è la Giornata Mondiale del Diabete. Solitamente, le giornate mondiali della salute sono dedicate a sensibilizzare la popolazione e a generare maggiore prevenzione della malattia che ricordano. In questo caso, il diabete è una malattia che colpisce milioni di persone al mondo ed è, pertanto, un argomento d’interesse sociale e personale. Pensate che, solo in Italia, in base ai dati ISTAT, si stima una prevalenza del diabete pari al 5,9%, che corrisponde a oltre 3,5 milioni di persone, con un trend in lento aumento negli ultimi anni. Si pensa che circa 1 adulto su 10 (il 10% della popolazione mondiale) soffra di diabete del tipo 2.

In questo post vi racconteremo perché è stata scelta la data odierna per parlare di questo disturbo e vi forniremo alcune raccomandazioni di una specialista in endocrinologia. Inoltre, vi parleremo di un libro che propone ricette adatte a diabetici e, a titolo promozionale, vi forniremo 2 ricette facili e gustose che potrete preparare in casa.

giornata del diabete

Per approfondire:

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

5 miti da sfatare sul diabete, compreso quello della dieta!

Diabete tipo 2: l’infallibile trucco a colazione per ridurre gli zuccheri nel sangue

L’istituzione della giornata e il tema del 2023

La Giornata mondiale del diabete è stata istituita nel 1991 dall’International Diabetes Federation,e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. La data corrisponde a quella di nascita del professor Banting, che assieme al suo allievo Best, isolò l’insulina nel 1921, cambiando la storia dei malati di diabete mellito, permettendone la sopravvivenza.

Conosci il tuo rischio, conosci la tua risposta” è lo slogan della Giornata Mondiale del Diabete 2023, che rientra nel tema più ampio del biennio 2021-23 ‘L’accesso alle cure del diabete‘. Di fatto, il diabete è una malattia prevenibile attraverso interventi e azioni che favoriscano la modifica degli stili di vita delle persone a rischio, in particolare per quel che riguarda l’alimentazione e l’attività fisica.

Brevemente, il diabete nelle sue due forme

Il diabete è una malattia cronica che si manifesta quando il pancreas non produce abbastanza insulina o quando il corpo non riesce a utilizzare efficacemente l’insulina che produce. L’insulina è un ormone che regola il livello di glucosio nel sangue. Un livello elevato di glucosio nel sangue può causare gravi danni a molti organi e sistemi del corpo, come il cuore, i vasi sanguigni, i reni, gli occhi e i nervi.

Esistono due tipi principali di diabete: il diabete di tipo 1 e il diabete di tipo 2.

Diabete di tipo 1

Il diabete di tipo 1 si verifica quando il pancreas non produce insulina e richiede iniezioni giornaliere di insulina per sopravvivere.

Diabete di tipo 2 (diabete mellito)

Il diabete di tipo 2 si verifica quando il corpo non usa bene l’insulina che produce e può essere controllato con una dieta equilibrata, attività fisica e farmaci orali. questo tipo di diabete è causato da scarsa attività fisica e sedentarietà, cattive abitudini alimentari e predisposizione genetica. Il diabete di tipo 2 è il più diffuso e rappresenta il 90% dei casi di diabete, una malattia che, quando non controllata, può provocare gravi disabilità.

Le raccomandazioni dell’endocrinologa

La dott.ssa Serena Missori, endocrinologa e diabetologa di Roma, ha risposto ad alcune domande in merito al libro che ha scritto insieme al farmacista Alessandro Gelli dedicato a combattere questa malattia e alle ricette che possono aiutare a stare meglio. Vediamo cosa ha detto:

Sintomi del diabete

Il diabete è anticipato da una serie di sintomi che le persone dovrebbero imparare a riconoscere e a non sottovalutare proprio per evitare di incorrere poi nello sviluppo conclamato del diabete mellito di tipo 2“. La dott.ssa Missori parla di: aumento di peso inspiegabile, dimagrimento eccessivo (in caso di diabete già conclamato), fame eccessiva, cali di energie durante la giornata e necessità di dover mangiare continuamente, sete (soprattutto sete notturna) e bisogno (sempre durante la notte) di urinare spesso.

I sintomi possono essere attribuiti alla presenza di diabete oppure di prediabete e di iperinsulinemia.

sintomi diabete
Male character with diabetes. Symptoms, causes and treatment of type 2 diabetes. Medical vector infographics, poster

Strategie a tavola per controllare il diabete

  1. invertire l’ordine con cui si mangia, ovvero iniziare i pasti con le verdure, a seguire le proteine e poi la fonte di carboidrati. Questo comporta un innalzamento più lento della glicemia e dell’insulina, quindi una maggiore stabilità delle energie e un miglior controllo glicemico
  2. Aggiungere l’aceto di mele all’insalata o diluirlo in un bicchiere d’acqua (da bere prima di mangiare la fonte di carboidrati) perché l’acido acetico contenuto nell’aceto di mele (ma anche nell’aceto di vino) inibisce temporaneamente l’enzima alfa amilasi, responsabile della scissione degli amidi Facendo così, gli zuccheri si assorbono meno e più lentamente

Serena Cucina – Ricette funzionali, consapevoli e gustose, un libro con tante risposte

Il libro Serena Cucina – Ricette funzionali, consapevoli e gustose (Edizioni Lswr, 416 pagine, su Amazon 22,02 euro copertina flessibile, 18,99 versione Kindle) si può acquistare con il bonus cultura o la carta del docente, tenuto conto dei contenuti educativi che presenta.

Il libro contiene ricette sane e gustose, che il lettore può cucinare con facilità, leggendo allo stesso tempo nozioni medico-scientifiche presentate in modo semplice e chiaro. Ogni ricetta fornisce facili spiegazioni delle proprietà funzionali degli alimenti, delle diverse modalità di utilizzo degli ingredienti e dei metodi alternativi di cottura, anche in base alle problematiche di salute più comuni. Il lettore può quindi imparare a gestire gli alimenti per ottenere effetti fisiologici benefici per la propria salute, correggendo errori inconsapevoli o dettati da pregiudizio che possono favorire il malessere e la malattia.

serena cucina

2 ricette esemplari del libro

1) Granola salata con fiocchi di avena e mandorle

I fiocchi di avena contengono betaglucano e avenantramide, che aiutano a fare prevenzione cardiovascolare e metabolica, a tenere sotto controllo il livello dei lipidi ematici e a favorire il transito intestinale. Consentono di controllare la glicemia e l’insulina e sono altamente sazianti. Questa ricetta è adatta, quindi, sia in caso di diabete che di dislipidemia, ipertensione, sovrappeso, sindrome metabolica, insulinoresistenza e alterazioni dell’alvo. Si possono integrare e sostituire i semi oleosi e gli aromi a piacimento.

Ingredienti per 10-15 porzioni

250 g di fiocchi di avena, 50 g di semi di zucca, 50 g di semi di girasole, 80-100 g di mandorle sgusciate, 5-6 pomodori secchi tagliati a striscioline, 1/2 cucchiaino di sale, 1 cucchiaio di origano secco, 60 ml di olio EVO, 50 ml di sciroppo d’acero (o miele liquido)

Procedimento

  1. In una ciotola grande unisci tutti gli ingredienti secchi e mescola
  2. In un’altra ciotola emulsiona l’olio EVO e lo sciroppo d’acero. Versali, quindi, sugli ingredienti secchi, ricoprendoli del tutto
  3. Mescola bene per amalgamare e poi versa il composto su una teglia o in una padella e livellane la superficie, appiattendola.
  4. Per la cottura in forno, cuoci a 180 °C, in modalità ventilato, per 15 minuti, girando una volta dopo 7 minuti e controllando che non bruci.
  5. Per la cottura in padella, cuoci a fuoco medio per 5-7 minuti, girando spesso per evitare che si bruci.
  6. Lascia raffreddare la granola e poi versala in un contenitore di vetro a chiusura ermetica. 
Granola salata alto

2) Pasta e ceci in padella

Cucinata in padella, pasta e ceci è ancora più veloce e ha un grandissimo vantaggio: un indice glicemico e insulinico più basso perché, separando la cottura della pasta e dei ceci si riduce l’amido della pasta dal momento che viene scolata. L’aggiunta del tris anti-aging e del burro di frutta oleosa per mantecare al posto dell’acqua di cottura, le dà una marcia funzionale in più.

Ingredienti per due porzioni

150 g di tagliatelle spezzate o altra pasta (riso integrale, avena, grano saraceno, farro), 230-250 g di ceci cotti (sciacquati, se in barattolo), 2 spicchi di aglio sbucciati, 1 rametto di rosmarino (o 1 cucchiaino di rosmarino secco), 1 cucchiaino di tris anti-aging o curcuma, pepe, peperoncino, a piacere), 1/2 cucchiaino di zenzero in polvere (o 1 cm fresco grattugiato), 1 cucchiaio di burro di frutta oleosa fatto con mandorle, nocciole, anacardi, 1/2 cucchiaino di dado vegetale (o brodo già pronto), 3 cucchiai di olio EVO.

Procedimento

  1. Cuoci la pasta per il tempo indicato sulla confezione
  2. In una padella scalda 2 cucchiai di olio EVO, aggiungi l’aglio tritato, il tris anti-aging e lo zenzero; mescola e lascia insaporire per circa 30 secondi
  3. Aggiungi i ceci scolati, il rosmarino, il dado vegetale, l’acqua e mescola. Fai cuocere per 4-5 minuti.
  4. Aggiungi il burro di frutta oleosa e amalgamalo bene
  5. Scola la pasta, aggiungila in padella e manteca per far insaporire
  6. Servi con il restante olio EVO e con una spolverata di pepe. Tris anti-aging: curcuma, peperoncino macinato e pepe macinato.
pastaececi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *