Vai al contenuto

Sai che il tuo orologio è pieno di batteri patogeni? I rischi correlati e come eliminarli!

orologio batteri

Migliaia di batteri brutti si annidano nei posti più impensabili, anche sul tuo polso. Il responsabile è il tuo orologio. Impara a eliminare i rischi con un semplice gesto.

Orologio: un terreno perfetto (e pericoloso)

Non c’è bisogno di una laurea in microbiologia per sapere che i batteri si riproducono in zone umide. Parliamo di spugne, docce, water, accappatoi e tutto ciò che tende a “bagnarsi” e a restare umido. Questa prospettiva ci fa riflettere sul gran numero di ambienti casalinghi in cui i batteri possono accamparsi, ma ce n’è uno in particolare farci riflettere. Secondo lo studio pubblicato su Advances in Infectious Diseases è l’orologio da polso a essere uno dei più sporchi in circolazione.

Sotto il cinturino, infatti, la pelle tende a sudare e a fornire il terreno ideale per la moltiplicazione batterica. Questa dinamica si presenta in special modo quando un soggetto fa esercizio fisico o semplicemente quando suda. Lo studio è importante in quanto compie un’analisi sui diversi materiali dei cinturini, rivelando che non tutti sono uguali…

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Le analisi sui cinturini

Il 95% dei cinturini analizzati era contaminato da batteri. Una percentuale altissima e quasi vicina alla totalità. C’è però una scala di riferimento, in quanto non tutti i cinturini presentavano la stessa quantità batterica. I cinturini peggiori sono quelli in tela, seguiti da plastica, gomma e pelle. In poche parole, più è poroso il tessuto e più i batteri proliferano. Scarsa o nulla la presenza di batteri patogeni nei cinturini di metallo, in oro o argento.

Ma che tipo di batteri sono? Trattasi perlopiù di Staphylococcus nell’85% dei casi, mentre una restante parte appartiene allo Pseudomonas, entrambi patogeni molto comuni sul derma. Ciò che fa pensare è un 60% di E. coli, un batterio intestinale. Questo è spiegabile col fatto che andando in bagno potrebbe esserci una piccola contaminazione, anche a causa delle mani. Il problema è che, pur lavando frequentemente le mani durante il giorno, l’Escherichia Coli resterà imprigionata sotto il cinturino, rendendo vana la pulizia.

Disinfettare, disinfettare, disinfettare 

Per debellare i batteri patogeni, si sa, è doveroso disinfettare. Ecco perché gli orologi da polso dovrebbero fare un bagnetto una volta al giorno. Valgono sia i disinfettanti spray che l’alcol etilico al 70% perché entrambi sono efficaci al 99,99% in 30 secondi. Meno efficace l’aceto di mele, in quanto necessita di due minuti per ridurre la carica batterica.

Attenzione anche a dispositivi come auricolari e smartphone, anche loro portatori di grandi quantità di batteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *