Vai al contenuto

E’ morta Maria Giovanna Maglie a 70 anni

maria giovanna maglie

E’ morta Maria Giovanna Maglie, nota giornalista e opinionista

Maria Giovanna Maglie, nota giornalista e opinionista, è deceduta nella notte tra lunedì e martedì a Roma, all’ospedale Camillo Forlanini, dov’era stata ricoverata in seguito a delle complicazioni di un’operazione subita al cuore recentemente. Ad annunciarlo, la sua amica Francesca Chaouqui, con un tweet.

Per approfondire:

È morto Helmut Berger, grande amore di Luchino Visconti

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Morto a 63 anni Federico Salvatore: una vita all’insegna della risata

Maria Giovanna Maglie, chi era?

Maria Giovanna Maglie era nata a Venezia nel 1952 (avrebbe compiuto 71 anni ad agosto), ma quando era ancora piccola si è trasferita a Roma, dove ha studiato a La Sapienza, laureandosi in Filosofia. Dopo la laurea, ha iniziato un percorso lungo di collaborazioni con testate giornalistiche importanti fino ad approdare in Rai. La sua carriera professionale è molto ricca: Maria Giovanna è stata giornalista, opinionista, saggista e attrice. Era una donna vulcanica, lavoratrice e molto appassionata. Era molto benvoluta e da quando si è appreso stamane della sua morte, sono comparsi innumerevoli messaggi di cordoglio in rete.

Daniele Capezzone, scosso dalla sua scomparsa, ha scritto su di lei: “Scosso e dispiaciutissimo per la morte di Maria Giovanna Maglie. Era una persona generosa, profonda, colta, coraggiosa, di saldi principi. Occorrerà ricordarla come merita. Un abbraccio fortissimo a chi l’ha conosciuta e le ha voluto bene“.

L’attività professionale di Maria Giovanna

Aveva lavorato per l‘Unità come inviata in America Latina dal 1979 al 1987. Nel 1989 entra in Rai, si vocifera, aiutata da Bettino Craxi. Nel 1990, allo scoppio della prima guerra del Golfo, fu inviata in Medio Oriente per il Tg2, poi divenne corrispondente da New York fino al 1993.

Maria Giovanna si dimise dalla Rai nel 1993 per una faccenda privata che le procurò un grande dolore. La donna fu accusata e processata per presunti rimborsi spese gonfiati nelle sue missioni all’estero. Lei, pur ammettendo che gli importi erano considerevoli, respinse sempre l’accusa del “falso” e fu prosciolta con formula piena. Il caso divenne mediatico e arrivò fino al Senato.

Dopo la Rai, altre collaborazioni di rilievo di Maria Giovanna Maglie che merita citare sono: il Giornale, Il Foglio, Libero, Radio Radicale e Radio 24. Inoltre, scrisse la biografia di Oriana Fallaci e alcuni saggi su argomenti di politica internazionale. Nel 2011 realizzò per Rai Cinema il film-documentario Istanbul la sublime. Dopo il 2014 Maria Giovanna partecipò come opinionista a trasmissioni televisive come: L’isola dei famosi, La sposa perfetta, La vita in diretta, L’Arena e Stasera Italia. Noti anche i suoi interventi puntuali su alcuni argomenti del sito Dagospia.

image 457

Oriana Fallaci

La malattia e la vita privata

Maria Giovanna parlò a dicembre del 2022 dall’ospedale, dove era stata operata. La giornalista raccontò che l’intervento che aveva subito all‘arteria e alla valvola tricuspide era riuscito, ma si ruppe lo sterno due volte e perciò dovette essere operata ancora. La scrittrice riconobbe il grande sostegno di suo compagno di vita, Carlo Spallino Centonze, storico della cucina noto al grande pubblico per i suoi interventi in tivù. Spallino, nel suo blog si descrive come “Designer di gioielli, arredatore, blogger e studioso di grande cucina ben prima della moda dei talent show

Maria Giovanna, dal suo letto di ospedale, esprimeva il suo grande desiderio così:

La prima cosa che farò fuori dall’ospedale? Una bella passeggiata nel centro di Roma, anche se è sempre più lurido. Vorrei tanto prendermi un aperitivo a Campo dei fiori, guardando per aria. Con il mio compagno Carlo, mi sta sostenendo in modo incredibile”

Quell’aperitivo non lo potrai prendere più, Maria Giovanna, ma sicuramente l’affetto del pubblico ti arriverà ovunque tu sia. Riposa in pace!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *