Vai al contenuto

Arrivano nuove metro ma i citofoni di emergenza vengono utilizzati per video e scherzi su Tik Tok.

Citofoni di emergenza
Credit photo: pixabay

Citofoni di emergenza della nuova metro di Napoli: scherzi e video per farsi belli su TikTok

Napoli, Nuova metro Linea 1, alcuni problemi e ritardi in questi giorni, file affollate, soprattutto negli orari di punta. Come tutti i trasporti pubblici di linea ci sono i citofoni di emergenza. Quelli del nuovo mezzo, si legge su Fanpage, sono stati realizzati dalla Caf, una società spagnola importante nel campo degli accessori e delle tecnologie ferroviarie.

La loro funzione è fondamentale, servono per la sicurezza, per segnalare malori oppure aggressioni e furti. E sono serviti in questi giorni, ad esempio in occasione della partita Napoli Salernitana, quando un senza tetto si è sdraiato sui binari. Durante il match, prima e dopo, la nuova metro era affollatissima ed è stato anche quello momento per girare video da pubblicare sui social. E’ successo lo scorso sabato e sono segnalati altri casi.

È intervenuto a proposito, il sindacalista UGL Fna, Fulvio Fasano che ha chiesto sanzioni, maggiore controllo e anche segnaletica. Dalla loro denuncia quello che i passeggeri, molti pendolari per lavoro o studi, hanno denunciato “C’è chi ha approfittato di questa situazione di emergenza, per organizzare un video, a suo giudizio comico, su TikTok, utilizzando allo scopo i nuovi citofoni di emergenza presenti nel vagone. Censuriamo fortemente quest’uso distorto dei mezzi aziendali da parte dell’utenza. Quei citofoni servono per garantire la sicurezza di passeggeri e personale non certo per giocare.”

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Citofoni di emergenza e non: altri fatti di cronaca in giro per l’Italia

bell 4928157 1280

Scherzi, per fare video o non, spesso finiscono male, anche quelli più antichi del mondo, il classico suona e scappa. Mentre si denunciava l’uso improprio dei citofoni di emergenza della metro, in altre città italiane accadevano fatti finiti poi nelle cronache locali.

A Modena, sedicenne preso a sprangate perché accusato di fare scherzi

A Modena, Magreta, un sedicenne che stava tornando a casa con degli amici ha ricevuto colpi sulle gambe con una mazza di ferro. Succede di sabato sera, il ragazzo, come ha raccontato la madre anche sui social, è stato aggredito di spalle. L’aggressore ha dichiarato di essere esasperato dagli scherzi serale e che avrebbe chiamato i carabinieri. Invece, ha reagito per proprio conto causando ferite ad un minorenne, estraneo all’accaduto. Oltre ad aver colpito le gambe, l’aggressore ha anche preso per il collo il minorenne e lo ha minacciato più volte di conseguenze più gravi.

Empoli, quindicenne accoltellato, il motivo sempre gli scherzi al citofono

Ancora più grave quello che è successo a fine dicembre, dove un ragazzino per il classico scherzo innocente del citofono si è ritrovato al policlinico di Empoli per una ferita da taglio. L’aggressore dopo aver subito lo scherzo è uscito di casa con un coltello da cucina, il quindicenne è scappato ma è scivolato, raggiunto è stato ferito dall’adulto, un uomo di 39 anni. Anche qui, il minore non era solo, l’aggressore infatti ha inseguito un gruppo di adolescenti. Il minore ferito all’addome si è salvato grazie a piumino e maglione che hanno impedito alla lama di creare una ferita maggiore.

Catania, rissa tra due famiglie per lo scherzo di un quindicenne

violent 1166556 1280

Ne quartiere periferico di Misterbianco, in Sicilia (Catania), nel condominio di Belsito finisce la quiete. Due famiglie se ne danno di santa ragione sempre per uno scherzo ai citofoni ripetuti. Ecco i fatti.

Continua dopo gli annunci...

Una donna litiga con un minorenne accusato di fare scherzi ripetuti al citofono, soprattutto di pomeriggio o all’ora di pranzo. L’adolescente risponde a malo modo, nel pomeriggio viene raggiunto da 50enne e 29enne, padre e figlio, che decidono di parlarci e forse vengono alle mani. I famigliari del quindicenne sono corsi in aiuto, i carabinieri intervenuti in entrambe le case hanno trovato persone ferite o comunque con segni di lite.

Autore

Mi chiamo Iole Di Cristofalo e mi piace scrivere, svolgo come lavoro quella del web content editor, ho aggiornato le mie competenze imparando a creare video e grafiche online. In rete mi occupo di attualità, cronaca, scienze, ambiente e cultura, fotografia e video. Ultimi corsi professionali seguiti: comunicazione multimediale, web copywriting, scrittura d'impresa.View Author posts

Lascia un commento