Vai al contenuto

Britney Spears chiede una foto e si becca uno schiaffo!

britney spears

Ci sono cose che sembrano provenire dal Multiverso: Britney Spears, popstar mondiale, chiede una foto a un giocatore dell’NBA e viene spinta e schiaffeggiata dalla guardia del corpo. Perché???

A chi ha chiesto la foto Britney Spears?

Nei suoi vent’anni e passa di carriera, Britney Spears sarà stata assillata dalle richieste dei fan, tra foto e autografi, si sarà trovata più volte in situazioni spiacevoli e stressanti. Che dire però se accadesse il contrario? Per quanto possa sembrare irrealistico, è proprio ciò che è successo. La cantante si trovata all’Aria Hotel di Las Vegas, quando nota che nel ristorante c’era Victor Wembanyama, famosissimo cestista dei San Antonio Spurs. Essendo lei una grande fan, si è avvicinata chiedendo un selfie, peccato che il giovane giocatore non sapesse chi fosse e rifiutandole una foto insieme!

Per carità, Wembanyama ha solo 19 anni ed è naturale non conosca un’artista di due decenni precedenti, ma anche se fosse avrebbe potuto essere più gentile nell’accettare o rifiutare la proposta di una foto. Non solo, Damian Smith, il capo della security, le ha dato uno schiaffo facendole cadere gli occhiali. La reazione della Spears? Da gran signora. Si è ricomposta, è tornata a sedersi e non ha fatto tragedie.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Com’è finita?

Forse un elemento dello staff o qualcuno di molto vicino a Victor gli ha fatto presente a chi ha rivolto la scortesia. Ciò ha spinto il capo security e il cestista ad avvicinarsi a Britney, chiedendole scusa per il gesto. “Puoi sicuramente capire com’è quando ti trovi invaso dai fan” – ha detto la stella dell’NBA. L’episodio è diventato un caso, con Victor che dà la sua versione dei fatti su TikTok e Britney che ha scritto un post su Instagram. Riportiamo quest’ultimo:

Le esperienze traumatiche non mi sono nuove e ne ho avute diverse. Non ero preparata a quello che mi è successo ieri sera. Ho riconosciuto un atleta nella hall del mio hotel mentre mi stavo recando a cena. In seguito sono andato in un ristorante di un altro hotel e l’ho rivisto. Decido di avvicinarlo e di congratularmi con lui per il suo successo”.

Ha continuato: “Era molto rumoroso, così gli ho dato un colpetto sulla spalla per attirare la sua attenzione. Sono consapevole della dichiarazione del giocatore che dice “l’ho afferrato da dietro”, ma gli ho semplicemente dato un colpetto sulla spalla. La sua sicurezza mi ha dato una manata in faccia senza voltarsi, di fronte alla folla. Mi ha quasi buttato a terra e mi ha fatto cadere gli occhiali dal viso”.

Chi abbia ragione o torto non importa, il gesto della security era da evitare a priori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *