Vai al contenuto

Strage Testimoni di Geova: 7 morti ad Amburgo

strage di testimoni di geova

Follia totale in una sala dei Testimoni di Geova, un attentato vero e proprio di cui non si conoscono le motivazioni. Giallo anche sull’autore del delitto, sono ancora in corso le indagini.

La sparatoria ad Amburgo

Tutto è cominciato intorno alle ore 19.00, decine di Testimoni di Geova si stavano riunendo per pregare insieme in una Sala del Regno (così chiamato il luogo di culto) di Amburgo, nei pressi del ponte Deelböge. Improvvisamente un pazzo ha cominciato a sparare all’interno dell’edificio uccidendo 7 persone (tra cui diverse donne) e ferendone molte altre, il bilancio parla anche di 8 feriti in gravi condizioni. In 17 sono rimasti illesi. La polizia tedesca ha consigliato ai residenti di restare chiusi in casa in quanto c’è il giallo del killer: non si sa che il cadavere trovato al piano superiore sia effettivamente quello dell’omicida o si tratta di un’altra vittima.

Il video della sparatoria

Intanto è al vaglio un video girato da una vicino di casa. Nel filmato si sentono dei colpi e una persona che corre velocissimo dal piano terra al primo piano. Il testimone ha raccontato di aver pensato, inizialmente, a un adolescente che stava sparando con una pistola a salve e di essersi reso conto in un secondo momento dei reali avvenimenti. Al momento, l’idea comune è di un omicidio-suicidio, ovvero il killer avrebbe prima sparato 4 raffiche di colpi sui Testimoni di Geova e si sarebbe poi ucciso una volta commesso la carneficina. Sono in corso altre verifiche, per escludere la presenza di altri complici.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Il racconto di una studentessa

Una studentessa che abita nei pressi della Sala del Regno ha raccontato di aver sentito 4 raffiche di colpi, ognuna di esse con esplosioni ravvicinate lunghe almeno 20 secondi. L’ipotesi è che il killer si sia accanito sparando alla cieca, caricando i colpi più volte prima di compiere l’ultimo estremo gesto. Il sindaco di Amburgo, Peter Tschentscher, ha scritto sui suoi social di essere scioccato per questo “attentato brutale”, e ha porto le sue condoglianze ai familiari delle vittime. Qui di seguito, la versione completa del tweet:

I rapporti di Alsterdorf / Groß Borstel sono scioccanti. Le mie più sentite condoglianze ai familiari delle vittime. I servizi di emergenza stanno lavorando alacremente per rintracciare gli autori e chiarire i precedenti. Si prega di seguire le istruzioni della Polizia di Amburgo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *