Vai al contenuto

Rafael Amargo, di Ballando con le Stelle, in carcere; 6 VIP italiani arrestati

rafael amargo

Rafael Amargo, giudice di Ballando con le Stelle, è stato arrestato

Questa sera ci sarà una nuova puntata di Ballando con le Stelle. Chissà se la bravissima Milly Carlucci, sempre molto attenta al suo ruolo di conduttrice della televisione pubblica italiana, farà cenno allo scandalo che ieri ha travolto la Spagna e che ha fatto diramare la notizia sulla rete, giungendo anche nel nostro Paese, dove ha fatto clamore. Rafael Amargo è stato trasferito nel carcere madrileno di Soto del Real per aver violato molte volte l’obbligo di firma a cui era sottoposto in vista del processo a suo carico previsto per l’8 aprile. Ma chi è Rafael Amargo e che cosa è successo? Ve lo raccontiamo in questo post.

Rafael Amargo è un famoso ballerino di flamenco spagnolo, diventato molto noto anche in Italia per aver partecipato nel 2014 alla decima edizione di Ballando con le Stelle come giurato, accanto a Fabio Canino, Ivan Zazzaroni e Guillermo Mariotto. Inoltre, ha fatto parte del cast della sesta edizione di Pechino Express, in coppia con Olfo Bosè

Per approfondire:

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Perché dietro lo choc del calcio scommesse (almeno 3 calciatori indagati) c’è Fabrizio Corona?

el bailarin rafael amargo

Rafael Amargo, famoso in Spagna e noto in Italia, perché?

Rafael Amargo è un famoso ballerino di flamenco spagnolo, diventato molto noto anche in Italia per aver partecipato nel 2014 alla decima edizione di Ballando con le Stelle come giurato, accanto a Fabio Canino, Ivan Zazzaroni e Guillermo Mariotto. Inoltre, ha fatto parte del cast della sesta edizione di Pechino Express, in coppia con Olfo Bosè

L’arresto di Amargo

El bailaor Rafael Amargo è stato arrestato giovedì 2 di novembre e ieri, venerdì 3, è stato rinchiuso nel carcere madrileno di Soto del Real dopo che il giudice per le indagini preliminari ha confermato la misura detentiva nel centro penitenziario. Il gip ha constatato le numerose violazioni, da parte di Amargo, dell’obbligo di firma a cui era stato sottoposto. Il bailaor si trova in attesa del processo che dovrà affrontare per spaccio di sostanze stupefacenti. Il processo contro Rafael Amargo si terrà l’8, 10, 11 e 12 aprile 2024, dopo la sospensione avvenuta il 7 giugno, perché un altro degli imputati ha rinunciato al suo avvocato.

Rafael Amargo in Spagna rischia nove anni di carcere per aver spacciato metanfetamine e altre sostanze dalla sua abitazione nel quartiere centrale di Malasaña a Madrid. Nel corso delle perquisizioni gli agenti avevano rinvenuto, tra le altre sostanze, anche 100 grammi di metanfetamina, 40 grammi di ketamina e tre bottiglie di popper.

poppers
popper (droga)

Le accuse contro Rafael Amargo

Tutto è iniziato quando i vicini di Amargo lo hanno denunciato per presunto spaccio di droga nel suo appartamento in via Espíritu Santo a Madrid. Lamentavano un viavai di persone dall’aspetto poco invitante che spesso facevano schiamazzi. Così, la Procura ha aperto un fascicolo e la Polizia Nazionale spagnola ha tenuto sotto controllo l’appartamento di Amargo per sei mesi. In alcune occasioni hanno perquisito alcuni dei soggetti che entravano e uscivano dopo pochi minuti, trovandoli in possesso di metanfetamine. Gli agenti sono anche arrivati allo spacciatore di Amargo che ha prodotto dei messaggi di whatsApp del contenuto molto esplicito.

In seguito agli incartamenti degli investigatori, il procuratore ha autorizzato una perquisizione in casa del bailaor. Come vi abbiamo accennato, il bottino trovato dagli agenti è stato, tra le altre sostanze, di 100 grammi di metanfetamina, 40 grammi di ketamina e tre bottiglie di popper.

rafael amargo

Al processo anche un produttore teatrale e un socio dell’artista

Verranno processati il ​​ballerino, il produttore Eduardo de los Santos e un socio dell’artista, Manuel Ángel Batista León, tutti accusati di far parte di un gruppo che trafficava droga, principalmente metanfetamine, che avrebbero venduto dall’appartamento di Amargo. Il giudice che ha indagato sul caso ha osservato che il ballerino era il presunto leader del gruppo, che utilizzava dei “camelli” per portare la droga agli acquirenti.

Alcuni VIP posti agli arresti

Rafael Amargo non è il solo famoso ad avere avuto problemi con la Giustizia. Notissimi sono i casi che portano personaggi del mondo dello spettacolo sotto i riflettori per fatti delittuosi. Tra essi Lindsey Lohan, Paris Hilton, O.J. Simpson, Sean Penn, Robert Downey Jr, Hugh Grant e molti altri.

6 Personaggi Famosi italiani che hanno avuto problemi con la Giustizia

Anche nel nostro Paese ci sono molti VIP italiani che sono stati arrestati o hanno avuto problemi con la giustizia per vari motivi, come truffe, droga, omicidi, furti e altro. Alcuni esempi sono:

Vanna Marchi e sua figlia Stefania Nobile, famose per le loro televendite, sono state condannate a 9 anni e 6 mesi di carcere per truffa aggravata ai danni di migliaia di persone che avevano acquistato i loro prodotti miracolosi

vanna marchi e stefania nobile

Stefano Dionisi, attore di fiction come L’Onore e il rispetto e Un medico in famiglia, è stato arrestato nel 2016 per detenzione di marijuana ai fini di spaccio e ha scontato 4 mesi di detenzione

stefano Dionisi

Domenico Diele, attore di film come Acab e 1993, è stato condannato a 5 anni di reclusione per omicidio stradale aggravato dopo aver investito una donna mentre guidava sotto l’effetto di eroina

domenico diele

Fabrizio Corona, ex agente fotografico e personaggio televisivo, è entrato e uscito più volte di galera per vari reati, tra cui estorsione, bancarotta fraudolenta, appropriazione indebita e violazione di domicilio

fabrizio corona

Bernardino Terracciano, attore di Gomorra che interpretava Peppe o’cavallaro, è stato condannato all’ergastolo per un duplice omicidio commesso nel 1992

bernardino terracciano

Marco Carta, cantante vincitore di Amici e del Festival di Sanremo, è stato arrestato nel 2019 per aver rubato delle magliette alla Rinascente di Milano per un valore di 1200 euro, ma si è dichiarato innocente e ha chiesto il rispetto della sua privacy.

marco carta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *