Vai al contenuto

Che cosa è successo a Philip Rogosky? in attesa dell’esito sul DNA su un corpo ritrovato

Ritrovato un cadavere a Roma, si pensa possa essere quello di Philip Rogosky

Nell’area verde di Roma Nord, un fatto tragico ha scosso la comunità: il ritrovamento del corpo senza vita di Philip Rogosky, una persona scomparsa seguita attentamente da “Chi l’ha visto?”. Cinquantacinque giorni di angosciosa attesa per familiari e amici che lo cercavano con ansia, tra messaggi disperati sui social e ricerche per le strade della città.

Il cadavere è stato scoperto nel Parco dell’Insugherata, un polmone verde nel contesto cittadino con sentieri per il trekking, tappe della via Francigena e aree naturali selvagge. La causa della scomparsa e della morte di Philip Rogosky rimane ancora avvolta nel mistero, e le risposte decisive attendono l’esame del DNA e l’autopsia per chiarire le circostanze del tragico evento. La polizia ha contattato i familiari per il riconoscimento, ma il corpo, al momento, resta ancora anonimo.

Philip Rogosky
Philip Rogosky, foto da Google IMG


La scomparsa di Philip Rogosky: che cosa sappiamo e che cosa è successo dal 29 gennaio

Cosa è accaduto a Philip Rogosky, l’organizzatore cinematografico tedesco di cinquantacinque anni? Negli ultimi tempi, oltre al suo lavoro nel campo del cinema, si stava dedicando anche alla pubblicità e alla produzione di un film. Stava anche realizzando un docufilm sulla Russia? La risposta è no. Le tracce di Rogosky si sono misteriosamente perse alla fine di gennaio. La mattina del ventinove, l’uomo è uscito per una passeggiata dalla sua casa nel cuore del centro storico di Roma, precisamente nella zona di Ponte Sant’Angelo. Da quel momento, il telefono dell’uomo è risultato spento e sembra che abbia lasciato casa senza i documenti.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Rogosky lascia dietro di sé due figli, una moglie e numerosi amici e conoscenti che hanno partecipato attivamente alle ricerche, sia sui social media che per le strade della città. Sono stati diffusi appelli di ricerca anche nelle stazioni della metropolitana e alle fermate degli autobus, chiedendo ai passanti di fornire qualsiasi informazione utile per rintracciare o riconoscere l’uomo. Tuttavia, nonostante alcuni presunti avvistamenti, non è stato ancora trovato alcun segno concreto del suo ritrovamento. Resta la speranza che il cadavere ritrovato possa fornire ulteriori indizi sulla sua scomparsa.

Questo episodio solleva una domanda cruciale: in un’epoca in cui le sparizioni, e soprattutto nella Capitale, sembrano essere sempre più frequenti, possiamo ancora sperare nel ritrovamento di chi scompare nel nulla?

Ecco alcune informazioni sull’uomo prima del momento della scomparsa. Su Philip Rogosky possiamo aggiungere che non faceva uso di alcol e droghe, frequentava la zona di Monteverde dove la moglie ha un negozio, la zona di Prati. I motivi dell’allontanamento sono sconosciuti, sicuramente non doveva andare al lavoro e forse perché non stava bene anche se la verifica negli ospedali romani non hanno dato informazioni su visite e possibile presenza. L’uomo amava andare in bicicletta e faceva anche escursioni, tant’è che l’abbigliamento al momento della scomparsa è tra il casual e lo sportivo: codino legato, pantaloni bordeaux giaccone verde scuro con cappuccio, pantaloni color vinaccia e scarpe Camper.

Informazioni sul corpo ritrovato: la giacca risulta simile a quella indossata da Rogosky

Sul luogo del ritrovamento nel Parco dell’Insugherata, dove è stato rinvenuto il cadavere presumibilmente appartenente a Rogosky, si sono immediatamente recati polizia e investigatori della scientifica. Il corpo si trovava in uno stato di avanzata decomposizione, rendendo difficile l’identificazione immediata. Tuttavia, il giaccone indossato dalla vittima corrisponde a quello descritto dalla famiglia di Rogosky nelle ricerche.

Ancora più inquietante è il fatto che l’uomo non possedeva documenti con sé. Il medico legale ha già eseguito i primi accertamenti, stabilendo che il decesso risale a diverse settimane, compatibile con il periodo della scomparsa di Rogosky. Tuttavia, ulteriori esami, a cominciare da quello del DNA, sono necessari per confermare l’identità e comprendere le circostanze della morte. Un dettaglio particolarmente inquietante è stata la presenza di una busta di plastica vicino al volto del corpo, suggerendo la possibilità di un suicidio. Pertanto, è stata ordinata un’autopsia presso il Policlinico Gemelli, uno dei principali ospedali di Roma, dove saranno eseguiti sia l’autopsia che l’esame del DNA.

Continua dopo gli annunci...

Questi risultati forniranno informazioni cruciali non solo sull’uomo ritrovato, ma anche sull’evoluzione della scomparsa di Rogosky, gettando luce su questo misterioso e tragico evento.

Autore

Mi chiamo Iole Di Cristofalo e mi piace scrivere, svolgo come lavoro quella del web content editor, ho aggiornato le mie competenze imparando a creare video e grafiche online. In rete mi occupo di attualità, cronaca, scienze, ambiente e cultura, fotografia e video. Ultimi corsi professionali seguiti: comunicazione multimediale, web copywriting, scrittura d'impresa.View Author posts

Lascia un commento