Vai al contenuto

Mauro Coruzzi, in arte Platinette, ha avuto un ictus: come sta ora?

platinette

Soccorso immediatamente, è stabile

Mauro Coruzzi, conosciuto da tutti come Platinette, “martedì 14 marzo ha avuto un ictus ischemico. Fortunatamente è stato soccorso in modo tempestivo e questo ha permesso di poter agire subito dal punto di vista terapeutico. Le condizioni sono stabili e sono in corso una serie di accertamenti“. Così ha reso noto il suo agente stamattina all’Ansa, dopo qualche giorno dall’accaduto.

La sua carriera

Nato a Langhirano nel 1955 (in provincia di Parma), è conduttore radiofonico e tv, cantante, doppiatore e personaggio televisivo. Il suo personaggio Platinette, è stato lanciato dal “Maurizio Costanzo Show” e fortemente voluto da Maurizio grazie al suo essere sempre tagliente con estrema intelligenza. Ha condotto Platinissima su Radio Deejay e Bisturi! Nessuno è perfetto, in tv.

Mauro Coruzzi ha scritto diversi libri e alcune canzoni: è stato ospite a Sanremo nel 2012 come ospite dei Matia Bazar e nel 2015 come alter ego di Grazia Di Michele con cui ha cantanto “Io sono una finestra”. Nel 2021 ha preso parte al “Cantante Mascherato” che sta per ritornare sabato 18 marzo su Rai1 e negli ultimi sei anni è fisso a fianco di Marco Liorni nel programma Italiasì, la sua ultima apparizione di sabato.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Il rapporto con il cibo e la dieta di Mauro Coruzzi

Per anni il suo rapporto con il fisico è stato al centro di diversi dibattiti durante le sue ospitate tv. In un’intervista rilasciata a Di Più qualche anno fa, ha detto: “Mangio anche quando non ce n’è bisogno, il disturbo non è genetico, ma di natura psicologica. Pure se ho raggiunto un buon risultato, non si finisce mai. Devo stare molto attento.”

Da quí la scelta di farsi aiutare ad allontanarsi da quei 180 chili raggiunti, ormai diventati una prigione: dopo diverse rinunce per paura, si decide ad affrontare un intervento bariatrico (riuscito perfettamente), che lo aiuta a perdere subito 30 chili. Con un allenamento costante e un miglioramento nella dieta quotidiana, in poco più di un anno arriva a perdere oltre 70 chili. Un altro aiuto che non ha mai nascosto è quello della psicoanalisi, punto fondamentale per diventare un “nuovo” uomo. Quell’uomo che ci deve raccontare ancora molto delle sue passioni, tra cui quella della musica e dei suoi dischi, suonati per l’ultima volta qualche giorno fa sul suo profilo Instagram. Forza Mauro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *