Vai al contenuto

I soldati ucraini morti al fronte potranno avere figli dall’aldilà nel 2024

soldati ucraini

I soldati ucraini potranno avere figli dall’aldilà

Tra qualche giorno ci sarà, purtroppo, una ricorrenza importante: dovremo prendere atto che l’invasione della Russia in Ucraina dura già da due anni. Il 24 di febbraio del 2022, le truppe russe invadevano il territorio ucraino, segnando così una brusca escalation del conflitto russo-ucraino in corso dal 2014. Da allora, tante sono le notizie che ci arrivano dal fronte. Alcune ve le abbiamo raccontate noi; altre ci giungono via social o a mezzo stampa. Senz’altro, i danni provocati dalla guerra in questi due anni non sono facili da calcolare, ma ogni tanto giunge qualche notizia che ci fa bene sperare, almeno una goccia di speranza in un oceano di armi e fuoco.

In questo post vi raccontiamo una storia molto tenera, di una coppia ucraina che ha deciso di congelare il seme di lui, partito per la guerra, per riuscire a procreare anche in caso il soldato non tornasse più, come di fatto è accaduto. Ora sta per verificarsi un evento epocale, perché una legge in fase di firma dal Presidente Zelensky consentirà a tutti i soldati impegnati nella guerra di diventare genitori anche quando non ci saranno più. E tutto a spese dello stato. Guardate!

soldati ucraini

Per approfondire:

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

La febbre dei topi e 6 ulteriori malattie che possono trasmettere in guerra i roditori

Ucraina, 2 bambini trovano una granata e la portano a casa, esplode

La storia di Natalia Kyrkach-Antonenko, vedova di guerra

Quando il marito di Natalia Kyrkach-Antonenko, Vitalii, fu ucciso in prima linea nella lotta contro la Russia, lei era incinta di 13 settimane della loro figlia, Vitalina. Il nome riprende quello del padre, ma anche quello della “vita”: tutto un simbolo in fase di conflitto! Nonostante la morte del suo amato marito, Kyrkach-Antonenko ha trovato un nuovo significato, speranza e scopo con la nascita della loro figlia: “Mia figlia rappresenta tutta la mia vita adesso. Prendendomi cura di mia figlia, in un certo senso, continuo a prendermi cura di mio marito. Questa è la sua continuazione. La nostra continuazione”.

natalia e vitalina
Natalia e Vitalina. Foto concessa da Natalia Kyrkach-Antonenko

Una famiglia numerosa

La coppia aveva sempre programmato di avere una famiglia numerosa, anche dopo che Vitalii si era arruolato nell’esercito nel periodo precedente all’invasione di Putin del 2022. Dopo aver avuto una gravidanza che non si è sviluppata nei primi giorni della guerra (attribuito allo stress dell’invasione), Kyrkach-Antonenko e suo marito hanno deciso di congelare il suo sperma. Nei suoi brevi intermezzi lontano dalla linea del fronte, lei finì per rimanere incinta di Vitalina prima che riuscissero finalmente a criocongelarsi. Dopo la morte del marito nel novembre 2022, Natalia non ha esitato a continuare a utilizzare lo sperma congelato del marito per avere un altro figlio.

Tuttavia, la donna è rimasta scioccata nello scoprire che legalmente non le era permesso usare lo sperma dopo la morte del marito, nonostante avesse il suo permesso scritto. Ma niente paura, perché la situazione dovrebbe presto cambiare e Kyrkach-Antonenko intende utilizzare lo sperma del marito per avere almeno un altro figlio: un compagno di giochi per Vitalina. È quello che voleva suo marito, secondo quanto dichiarato dalla donna alla stampa.

È gioia”, ha detto Kyrkach-Antonenko, “gioia attraverso il prisma del dolore”.

vitalii e natalia
Vitalii e Natalia: Vitalii era felice di apprendere la notizia della gravidanza di sua moglie, che lo ha sorpreso mentre si stava trasferendo da un luogo all’altro del fronte. Foto concessa da Natalia Kyrkach-Antonenko

La legge approvata dal Parlamento ucraino

A febbraio il parlamento ucraino ha approvato una legge per consentire e finanziare l’uso dello sperma congelato dei soldati in caso di morte. Una volta che il presidente Volodymyr Zelensky avrà firmato la legge, per la prima volta le vedove dei soldati ucraini potranno utilizzare le cellule riproduttive dei loro partner morti (sia sperma che ovuli) per avere figli. Inoltre, la legge consentirà ai soldati feriti di utilizzare le loro cellule riproduttive preservate per avere figli laddove le loro ferite normalmente lo renderebbero impossibile.

Per di più, lo Stato pagherà per conservare le cellule congelate per un periodo di tre anni dopo la morte di un soldato maschio o femmina, con clausole che riconoscono specificamente il genitore biologico deceduto sul certificato di nascita del bambino. Di fatto, il governo pagherà il congelamento iniziale delle cellule riproduttive. Questa legislazione potrebbe in qualche modo fornire un’ancora di salvezza alle famiglie oltre la tomba.

La crioconservazione è stata una “questione urgente ma difficile”, ha detto in un post su Telegram la deputata Olena Shulyak, coautrice del disegno di legge: La realtà è che i militari, la cui vita normale e i cui piani sono stati interrotti dalla guerra, spesso non hanno avuto il tempo di lasciarsi alle spalle la propria progenie”.

Le perdite dell’Ucraina sul campo di battaglia sono un segreto gelosamente custodito, ma i funzionari statunitensi stimano che circa  70.000 soldati  siano stati uccisi e quasi il doppio feriti.

Cryopreservation USDA Gene Bank

Il congelamento delle cellule riproduttive a Kharkiv

Iryna Feskova, medico della fertilità presso il centro riproduttivo “SANA MED” di Kharkiv, ha offerto gratuitamente il congelamento e la conservazione delle cellule riproduttive ai soldati sin dai primi mesi dell’invasione russa su vasta scala nel 2022. Il medico ha detto: “Questo è il nostro contributo alla vittoria e al futuro riproduttivo dell’Ucraina”. Feskova ha affermato che l’interesse per la crioconservazione tra i soldati è cresciuto a partire dal 2022, passando da una manciata a decine di persone all’anno. Ha detto che la sua clinica attualmente conserva lo sperma di dozzine di militari, mentre altre cliniche conservano centinaia di campioni.

“Degno figlio dell’Ucraina”

Anche se la crioconservazione potrebbe non essere un argomento tabù in Ucraina, è certamente una novità, vista la ritrovata importanza data dalla guerra. Un soldato di nome in codice “Iron” ha espresso il proprio parere in merito: “Il sostegno alla crioconservazione dovrebbe provenire dalla società (…) Dovrebbe esserci un messaggio incoraggiante (…) Sei un buon soldato, hai dimostrato di essere un degno figlio o figlia dell’Ucraina, quindi lascia indietro i tuoi discendenti“.

Iron” ha sospeso i piani suoi e di sua moglie di avere una famiglia quando è andato in guerra dopo l’invasione del 2022. Anche se gli piace l’idea della crioconservazione, ha chiesto a sua moglie di trovare la felicità e una famiglia con un altro uomo se dovesse accadere il peggio.

Mariia, 25 anni, un soldato ucraino, sta valutando la possibilità di crioconservare i suoi ovociti ora che la legge è stata approvata. Attualmente è in congedo di maternità e anche suo marito presta servizio nelle forze armate: “Viviamo in un periodo molto incerto e io e mio marito stiamo pensando di avere un secondo figlio più tardi. Vogliamo avere questa opzione se succede qualcosa”, ha detto riguardo alla crioconservazione. “È un ricordo, un omaggio a quegli eroi caduti che difendono il Paese. Hanno il diritto e la dignità di rinascere nei loro figli”. Secondo la donna, con le perdite civili e militari e i rifugiati all’estero, l’Ucraina ha un “problema demografico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *