Vai al contenuto

Fedez: “Io, con lo stesso tumore di Steve Jobs”. Ecco cosa ha detto l’esame istologico

fedez

Il risultato dell’esame istologico della malattia di Fedez è fortunatamente positivo. Lo ha fatto sapere il cantante sui suoi social. “Sono fortunato, perché è arrivato l’esame istologico e non ha preso i linfonodi”, ha spiegato Fedez nelle sue stories.

A due mesi dall’asportazione del suo tumore al pancreas, il cantante è tornato a parlare della malattia in occasione della presentazione del concerto Love Mi, che si terrà a Milano il 28 giugno. Una operazione che non è di certo stata una passeggiata, e per la quale tutto il mondo della musica gli ha mostrato solidarietà.

“Un tumore raro, mi hanno rimosso duodeno, cistifellea e un pezzo di intestino”

Si è trattato di un intervento molto delicato, dove sono stati rimossi duodeno, cistifellea, e anche un pezzo di intestino. “Il tumore era molto raro, è quello di Steve Jobs , spiega il cantante.  La fortuna è che non ha una classificazione in cancerogeno benigno ma in G1, G2 e G3. Il mio era G1, il che vuol dire ‘tanto culo’… Non ha preso i linfonodi e non avevo micro metastasi, per cui non ho dovuto fare chemioterapia. Al 90% posso dire che va tutto bene. È come se vedessi il mondo a colori. Va tutto bene, comunque, sono stati rimossi duodeno, cistifellea e un pezzo di intestino”.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

“Love Mi” e la riconciliazione di Fedez con J Ax

E, per ricominciare, Fedez è riparito dalla musica e da amicizie finite. Ha infatti riallacciato i rapporti con il suo ex socio J Ax, col quale si è riconciliato proprio il giorno della diagnosi.

J Ax e Fedez hanno trascorso ben 4 anni nel silenzio, e ora hanno presentato insieme a Milano Love Mi, il concerto gratuito che si terrà il 28 giugno prossimo, alle 18, in piazza del Duomo. Obiettivo del concerto è raccogliere fondi da devolvere in beneficenza all’associazione Together To Go, onlus impegnata da più di 10 anni nella raccolta fondi per bambini con disturbi neurologici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *